Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > AttualitĂ  > 21 Giugno 2012

Bookmark and Share

Il 150° dell'Itis si celebra con iniziative musicali e sociali rivolte agli anziani

Comune di Trieste - logo

Trieste (TS) - Una serie di interessanti iniziative in campo musicale e sociale rivolte alle persone anziane della nostra città residenti in istituti e case di riposo sarà a breve attuata grazie a uno specifico protocollo d’intesa di prossima firma tra il Comune di Trieste, la Regione, la Fondazione Teatro Lirico “Giuseppe Verdi” e l’ITIS-Azienda Pubblica di Servizi alla Persona.

Il relativo schema di convenzione è già stato approvato, per quanto di propria competenza, dalla Giunta Municipale nella sua ultima seduta, relatrice l’Assessore alla Politiche Sociali Laura Famulari.
Due sono le “occasioni” temporali da cui il protocollo trae ispirazione: la prima, l’”Anno Europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni” proclamato per il 2012 dal Parlamento Europeo con l’obiettivo di promuovere una cultura che valorizzi il contributo delle persone anziane alla società, favorendone un invecchiamento il più possibile sano ed equilibrato e intraprendendo a tale scopo “azioni volte a migliorare le possibilità di invecchiare restando attivi” oltre che a potenziare la solidarietà tra le generazioni; l’altra, le celebrazioni del 150° anniversario dell’ITIS, a partire dal 29 giugno prossimo data dell’inaugurazione della sua storica sede di via Pascoli all’epoca in veste di “Istituto dei Poveri”.

E’ peraltro naturalmente evidente come, al di là di ogni possibile e gradita occasione celebrativa, lo scopo primario del protocollo d’intesa Comune-Regione-ITIS-“Verdi” non possa che essere quello di promuovere, per quanto possibile, un miglioramento della qualità della vita e del benessere psicofisico degli anziani, specialmente se inseriti in strutture di accoglienza.

Ed essendo unanimemente riconosciuto come la cultura nelle sue diverse espressioni e la musica in particolare rappresentino uno degli strumenti maggiormente efficaci nel “supportare” il mantenimento dell’autonomia residua delle persone anziane fragili, fattore fondamentale per un invecchiamento più “attivo” e quindi migliore (studi ed esperienze sempre più numerosi attestano l'utilità della musicoterapia con gli anziani, occasione di notevole coinvolgimento sul piano emozionale e cognitivo, soprattutto se vivono l'ultima parte della loro vita in istituto, n.d.r.), ecco di conseguenza il progetto per un’organizzazione comune delle celebrazioni del 150° dell’ITIS all’insegna della musica rivolta agli anziani.

In tal senso, e in concomitanza con la Stagione sinfonica 2012 del Teatro Verdi (che si inaugurerà il 18 settembre), oltre all’organizzazione di una mostra fotografica sulla storia dell’”ITIS: da Istituto dei Poveri ad Azienda Pubblica di Servizi alla Persona” che sarà ospitata al foyer del Teatro, verrà svolto un ampio programma di concerti sinfonici e corali alla stessa ITIS e presso le altre strutture assistenziali comunali.
Inoltre è prevista la diffusione alla cittadinanza anziana ospite di strutture protette delle registrazioni delle proposte musicali del Teatro Verdi in corso di programmazione; accanto ad eventuali ulteriori iniziative sempre tese a diffondere la cultura musicale fra l’utenza anziana degli istituti assistenziali cittadini.

Ogni Ente aderente al protocollo adempierà così puntualmente a un suo obiettivo istituzionale: la Regione (in particolare ai sensi della L.R. 6/2006) quello di promuovere il benessere generale della popolazione attraverso lo sviluppo del “welfare regionale”, anche tramite interventi mirati specificamente rivolti agli anziani; il Comune, analogamente, quello di sorreggere la sua popolazione anziana più debole; l’ASP-ITIS alla luce della sua primaria finalità statutaria di promuovere ogni iniziativa utile a sviluppare la qualità e la dignità della vita degli anziani; la Fondazione Teatro “Verdi” al fine della maggior diffusione dell’arte musicale e dell’educazione alla musica della collettività.
Il tutto in una Regione e in una città dove si toccano i record per l’indice di longevità (rapporto tra ultra novantenni e ultra sessantacinquenni) e, nel contempo, la fruizione delle proposte teatrali e musicali è al vertice delle statistiche nazionali.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comne di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>