Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 12 Giugno 2012

Bookmark and Share

Comune di Trieste: bilancio positivo per il concerto di Bruce Springsteen

Il sindaco di Trieste Roberto Cosolini (foto: Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Trieste (TS) - Una grande soddisfazione è stata espressa stamattina dal Sindaco di Trieste Roberto Cosolini, nel corso di una conferenza stampa tenuta in Municipio per trarre un bilancio su tutti gli aspetti del grande concerto-evento di Bruce Springsteen, all’indomani dello straordinario appuntamento musicale che ha completamente riempito, nella serata di ieri, lo Stadio “Nereo Rocco”.

“Si è trattato di un grande e completo successo – ha rimarcato Cosolini -, da ogni punto di vista: innanzitutto per la piena riuscita del bellissimo ed entusiasmante concerto (“e il Boss, nonostante i suoi 63 anni d’età e lo sforzo non irrilevante del concerto del giorno prima a Firenze e di quello di giovedì a Milano, non ha perso un colpo, neanche per un attimo!”, ha tenuto a puntualizzare il “fan” Cosolini…); e poi, per la grande partecipazione di pubblico, dalle molteplici provenienze, ma al tempo stesso per il perfetto funzionamento dell’organizzazione logistica che, unito alla grande civiltà di tutti gli intervenuti, ha fatto sì che tutto si è svolto senza problemi e che il concerto si trasformasse in una grande festa, in una città comunque ordinata e tranquilla dove tutte le diverse “sensibilità” sono state rispettate e tutte le altre attività si sono svolte normalmente; e ciò mentre il Concerto ha anche comportato non solo un’importante “vetrina” d’immagine per la città ma pure un rilevante risultato per il suo comparto turistico-alberghiero e per tutto un vasto indotto collaterale”.

“E per tutto ciò, per questo grande risultato – ha rimarcato il Sindaco Cosolini – dobbiamo oggi rivolgere alcuni irrinunciabili ringraziamenti: il primo grazie va innanzitutto, indubbiamente proprio a Bruce Springsteen. Grazie Bruce ! – ha detto Cosolini – Ieri ci hai donato eccezionali momenti di emozione, di magia; la giornata più straordinaria che Trieste abbia recentemente vissuto dal punto di vista dello spettacolo e della musica! Già ieri sera e ancora oggi moltissimi cittadini ci hanno inviato messaggi di gioia e ringraziamento per quanto abbiamo realizzato; con telefonate, sms, su facebook, intendendo con ciò far pervenire anche a Springsteen il “grazie” della città.”

“E subito dopo una gratitudine altrettanto fervida va indirizzata – ha proseguito Cosolini – a tutti coloro che, in molti modi, hanno svolto un grande lavoro per assicurare la piena e ordinata riuscita dell’evento. Mi riferisco in primo luogo alle Forze dell’Ordine, alla Polizia Locale, alla Trieste Trasporti, al Comune di Muggia che ha fornito un fondamentale supporto logistico, agli altri Enti locali, a tanti volontari, agli operatori e tecnici dell’informazione e a quelli della comunicazione (che hanno puntualmente curato i siti – Retecivica e Azalea – con le informazioni e le preziose “notizie utili” legate al concerto). Tutti abbiamo compiuto uno straordinario lavoro di squadra – ha detto il Sindaco rivolto ai presenti, tra i quali il Vicequestore vicario Lorenzo Pillinini, il Comandante della Polizia Locale Sergio Abbate e il Direttore d’esercizio della Trieste Trasporti Roberto Gerin – che ci ha consentito di affrontare nel miglior modo tutti quei “nodi” che alla vigilia potevano sembrare portatori di criticità (dall’ordine pubblico – per il quale sono stati impegnati circa 200 agenti e ufficiali delle diverse Forze di polizia e 150 della Polizia Locale – fino alla viabilità e ai parcheggi) e per i quali invece, a manifestazione conclusa, abbiamo ricevuto i vivissimi complimenti dello “staff” dirigente e degli “addetti ai lavori” del Concerto che, anche rispetto alle altre e più importanti città sedi del “tour”, hanno voluto riconoscere di “non aver mai visto un’organizzazione così efficace”.

Infine – ha osservato ancora Cosolini – “possiamo certamente dire che il grande concerto di Bruce Springsteen è stato anche una sorta di efficace ‘prova generale’, anche agli occhi dei grandi organizzatori di eventi internazionali, della capacità di Trieste di essere, per le sue caratteristiche storico-culturali e per la sua posizione geografica, un peculiare “polo di attrazione” di persone di tutto il mondo ma ancor più specificamente dalla circostante area centro-europea, come dimostrato proprio ieri con le migliaia di spettatori e “fans” provenienti da Slovenia e Croazia, dall’Austria e dall’Ungheria e dalle altre regioni e nazioni dell’Europa del Nord e dell’Est”.

“La grande giornata di ieri – ha concluso il Sindaco – ha dunque dimostrato che Trieste ce la può fare, che ha le carte in regola per dire il fatto suo da tutti i punti di vista e in più settori, a cominciare da quello dell’accoglienza e del turismo così bene “sperimentato” in quest’occasione. Basterebbe forse rinunciare per sempre a un certo nostro ‘vittimismo’ e mettere da parte l’insistenza sulle nostre debolezze, andando invece a operare, come fatto in questi giorni, con organizzazione e spirito di squadra. In questo senso potremmo concludere che, fatte le debite proporzioni fra i due eventi, se il Concerto dell’Amicizia e “dei Tre Presidenti” dell’estate 2010, con l’Orchestra del maestro Muti, ha rappresentato la storica occasione di superamento dei residui muri che fino a poco prima ancora restringevano quest’area, il Concerto di Bruce Springsteen dell’11 giugno 2012 potrà venir ricordato come il momento in cui Trieste ritrova appieno tutta la sua voglia e capacità di dare vita a nuovi e grandi eventi di successo, con freschezza, efficienza e determinazione!”.

“Dettaglio” finale: alla domanda di una giornalista su quali “pezzi” lo avessero maggiormente emozionato, Cosolini ha “rivelato” i suoi sentimenti verso “la mia canzone preferita, ‘Thunder road’, e l’altra, vecchissima, ‘Rosalita’”.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>