Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > AttualitĂ  > 12 Maggio 2012

Bookmark and Share

Apre i battenti in Porto Vecchio la mostra multimediale "Nereo Rocco. La leggenda del Paròn"

Nereo Rocco. La leggenda del Paròn

Trieste (TS) - Non c’è sportivo italiano, probabilmente, che non conservi impressa nel cuore l’immagine del giovane Cesare Maldini, mentre, nel mitico stadio di Wembley - correva l’anno 1963 - leva al cielo la prima coppa europea vinta da un club italiano: il Milan di Nereo Rocco. L’immagine inconfondibile del “Paròn” si moltiplica nei molti altri scatti rubati a bordo campo, o al fianco dei suoi “figli” putativi, primo fra tutti il golden boy Gianni Rivera, o ritratto all’uscita dei mille tunnel delle sue partite, inappuntabile in giacca a cravatta oppure, in pieno inverno, accollato nei suoi paltò d’ordinanza, il borsalino calcato sulla fronte e lo sguardo già rapito dalle geometrie delle squadre in campo.

Fotografie, riprese e filmati d’epoca - molti dei quali ritrovati nello scrigno prezioso di Rai Teche - ma anche oggetti personali, appunti, articoli, testimonianze delle vita così intensa di Rocco e dei suoi incontri sempre così ricchi di sanguigna umanità, saranno le trame portanti della mostra multimediale "Nereo Rocco. La leggenda del Paròn", l’affettuoso omaggio di Trieste al grande tecnico, allestito a cent’anni esatti dalla nascita di Rocco, il 20 maggio 1912: quando, all’anagrafe, Nereo faceva ancora Rock, eredità di una famiglia di origine viennese.

Sarà un allestimento fortemente emozionale, denso di sensazioni, tutt’altro che didascalico e ricco di momenti ludici e gioiosi, dove riecheggeranno a grandi lettere le frasi più celebri di Rocco. Un itinerario interattivo e coinvolgente: il modo migliore per creare un forte contatto con gli spazi e il contesto del Magazzino 26, nel Porto Vecchio di Trieste, dove il percorso espositivo sarà ospitato da martedì 15 maggio fino al 31 luglio 2012. Un contesto espositivo di altissima suggestione, straordinaria testimonianza del patrimonio di architettura portuale-industriale di Trieste, che dopo l’esperienza dei mesi scorsi con Biennale Fvg sarà nuovamente aperto al pubblico.

Il cuore storico della città accoglie dunque una delle personalità in cui Trieste ha saputo meglio riconoscersi, perché Rocco fu protagonista di una storia senza eguali, densa di episodi, aneddoti e rivelazioni di cui neppure i più accaniti tifosi del Paròn sono talvolta a conoscenza. L’evento è ideato e promosso per iniziativa dell’Associazione Regola d’Arte e del Comune di Trieste, in collaborazione con Rai Teche e con la Regione Friuli Venezia Giulia – Turismo Fvg, con il patrocinio della FIGC - Federazione Italiana Giuoco Calcio, dell’Aiac - Associazione Italiana Allenatori Calcio (fondata, fra gli altri, dallo stesso Nereo Rocco) e del Coni Fvg, con la fondamentale collaborazione della famiglia Rocco, e in particolare dei figli Tito e Bruno Rocco. Un importante contributo di materiali, testimonianze e memoria arriverà anche dall’adesione dei club che Nereo Rocco ha allenato, nel corso di una lunga e intensa carriera tecnica: Triestina, Treviso, Padova, Milan, Torino e Fiorentina.

Un itinerario interattivo ed emozionale, ma soprattutto un contesto al quale piacevolmente abbandonarsi con i cinque sensi: guardando e ascoltando, certo, ma anche toccando – attraverso percorsi e tablet a interazione digitale - le grandi tappe della carriera di Rocco, le squadre e le città in cui ha lasciato tracce importanti (da Milano a Torino, da Treviso a Padova a Firenze), le partite che sono entrate nel mito del calcio, i giovani giocatori, da Rivera in poi, che Rocco ha formato e lanciato fino a farne grandi stelle del firmamento calcistico italiano; e poi le frasi, di sanguigna e lapidaria ironia, che hanno messo in evidenza l’innato talento del “Rocco comunicatore”. Filmati d’epoca si avvicenderanno in mostra, come la storica “intervista” televisiva con Rocco in cui si cimentò nientemeno Adriano Celentano, subito dopo la conclusione del memorabile derby Milan-Inter del ’68.

E chissà se ancora si sprigionerà nell’aria l’aroma dei tabacchi passati dalla pipa che il presidente Sandro Pertini regalò al mister Enzo Bearzot, proprio all’indomani del trionfo mondiale in Spagna nel 1982 … Perchè il gusto, e l’olfatto, si delizieranno, a Trieste, dei sapori di Nereo Rocco: se proprio all’uscita della mostra, all’interno del Magazzino 26, sarà imperdibile una tappa all’Osteria del Paròn, “apparecchiata” ogni giorno per servire in tavola i piatti preferiti del tecnico, anche diversi ristoranti triestini omaggeranno il Paròn con un piatto speciale a lui dedicato.

Sapori innaffiati niente meno che dal vino Nereo, creazione di Marco Felluga, la cantina di Russiz Superiore che si è affermata come una delle griffe più note e celebrate della produzione enologica nazionale e che, grazie alla Fab Lab, la mostra, i pacchetti turistici e le qualità del prodotto verranno illustrati attraverso i QR code applicati nell’etichetta. Un’occasione da non perdere per gli appassionati e i collezionisti sarà l’annullo filatelico di Poste Italiane che sarà somministrato nelle sale della mostra il 20 maggio 2012, in occasione del cent’anni esatti dalla nascita di Rocco.

Nereo Rocco è il personaggio più affascinanti della storia del calcio italiano del dopoguerra. Certamente, quello che ha tramandato di sè il ricordo più vivo e vitale, malgrado siano passati trentatre anni dalla sua scomparsa. Ma la memoria del Paròn è intatta, le sue indimenticabili battute vengono ripetute dai suoi cultori come se fossero state appena pronunciate. Un ricordo talmente vivo da sembrare una presenza. Ricostruita nei libri del suo più autorevole biografo, lo scrittore e giornalista Gigi Garanzini, la leggenda del Paròn sarà ripercorsa a partire dagli esordi triestini, dapprima in maglia da mezz’ala e poi come allenatore dell’Unione degli anni ruggenti

Una carriera che si è dispiegata verso Padova, che ha transitato anche a Treviso, Torino e Firenze, e che si è consacrata nella Milano rossonera dei grandi trionfi dei primi e degli ultimi anni Sessanta. Una storia custodita oggi da “vestali” d’eccezione, come Gianni Rivera, Fabio Cudicini, e Cesare Maldini, o come Giovanni Trapattoni che, nel ricordare il calcio di Nereo Rocco, spesso ammonisce: «se si parla del calcio degli anni '60, bisogna ricordare le tante strade non asfaltate e le auto di Formula Uno che non arrivavano ai 200 orari». E questa mostra vuole essere, infatti, l’occasione per uno sguardo sul calcio e la sua incredibile evoluzione: non un viaggio nostalgico e retrospettivo, ma l’opportunità di ritrovare, percorrendo "La leggenda del Paròn", le radici di una vicenda umana e sportiva che non si può circoscrivere al calcio, e allo sport, perché sottende ben altre implicazioni storiche, sociali e culturali. Non mancheranno gli eventi collaterali a supporto della proposta espositiva: talk show, incontri e presentazioni.

Giornalista e scrittore, Gigi Garanzini è un piemontese del nord (Biella) trapiantato nel Piemonte del sud, sulle colline del Barolo, che lavora a Milano da quasi quarant'anni. Ha debuttato in un quotidiano del pomeriggio, La Notte, ed è passato attraverso il Corriere della Sera, la Voce di Montanelli e la Stampa prima di approdare, nell'ultimo decennio al Sole 24 Ore. Dopo esperienze televisive a Italia Uno negli anni '80 (la prima trasmissione calcistica del gruppo Fininvest, "A tutto campo") e in Rai negli anni '90, ha finalmente scoperto la radio nel '99 a Radio 24, e lì si è fermato con un programma pomeridiano di calcio e varia umanità che negli anni è diventato un cult. Tra i libri pubblicati spiccano, nel '97, "Il romanzo del vNereo Roccoecio", scritto a quattro mani con Enzo Bearzot, e nel '99, in occasione del ventennale della scomparsa di Nereo Rocco, "La leggenda del Paròn", poi aggiornato e rieditato nel 2009 da Mondadori. Ha inoltre diretto il centro stampa di Milano in occasione dei Mondiali di Italia '90 e le relazioni esterne del settore tecnico di Coverciano negli anni successivi.

Leggi le Ultime Notizie >>>