Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Notizie > Attualità > 22 Marzo 2012

Bookmark and Share

Provincia di Trieste: siglata la convenzione con l’associazione ManifeTSo2020

Palazzo Galatti, sede della Provincia di Trieste

Trieste (TS) - La Provincia di Trieste ha siglato oggi una Convenzione con l’associazione ManifeTSo2020, composta da un gruppo di giovani studenti, ricercatori e professionisti con formazioni e percorsi lavorativi eterogenei che per lavoro, studio, passione gravitano attorno alla città di Trieste. Con la sigla della Convenzione l’amministrazione sancisce la propria adesione al progetto “Spazi Opportunità. Un progetto di rigenerazione urbana per Trieste”, che si prefigge l'obiettivo generale di promuovere una riqualificazione urbana sostenibile all'interno del territorio, partendo dalle esigenze della comunità locale e in coerenza con la pianificazione degli enti.
In particolare tra le finalità figura la costruzione di un Catalogo degli Spazi Opportunità con l'intento di realizzare un'analisi quantitativa e qualitativa degli edifici inutilizzati o sottoutilizzati, propedeutica ad una loro catalogazione in forma di “sistema aperto”, mettendo in evidenza le potenzialità e le criticità di ogni singolo caso, in relazione alla possibilità di un suo recupero.

I risultati ottenuti verranno inseriti all'interno di una piattaforma web accessibile a livello internazionale. Si integrerà quindi il repertorio informativo anche con indicazioni relative al tessuto urbano nel quale gli edifici sono attualmente inseriti. In particolare, a partire da tecniche consolidate, si elaboreranno informazioni relative alla configurazione spaziale della maglia urbana e ai flussi di passaggio pedonale e veicolare. A questa attività verranno affiancate ulteriori azioni volte a raccogliere e monitorare manifestazioni di interesse al progetto, avanzate da soggetti in possesso di una o più risorse necessarie per una rigenerazione urbana efficace degli spazi in esame (idee progettuali provenienti da soggetti singoli o in forma associata, canali di finanziamento, ...), in modo tale da definire chiaramente l'offerta (di spazi) da un lato e la domanda dall'altro.

Il progetto prevede poi l’avvio di un Forum delle Opportunità con l'intento di coinvolgere attivamente nelle scelte localizzative e progettuali gli stakeholder interessati al recupero di spazi inutilizzati o sottoutilizzati ai fini di promuovere nuove opportunità economiche e di riqualificazione. All'interno del Forum verranno invitati a partecipare, in particolare, i soggetti che abbiano espresso la loro manifestazione d'interesse durante la fase del progetto precedentemente descritta. La metodologia partecipativa sarà finalizzata all'incrocio della domanda e dell'offerta per risolvere concretamente, anche attraverso una sinergia di partner eterogenei, le problematiche attinenti al recupero e alla riattivazione degli “Spazi Opportunità” individuati, con un'attenzione particolare alla programmazione della gestione della struttura nel tempo.

Una terza fase della collaborazione è contemplata nel Progetto Pilota Spazi Opportunità per procedere al recupero funzionale di uno o più manufatti architettonici, messi a disposizione nell'ambito del progetto. Il recupero sarà attuato mettendo in pratica metodi innovativi di rigenerazione urbana derivanti dallo studio e dall'applicazione delle buone pratiche già utilizzate in altri casi campione nazionali ed internazionali, restituendo, conseguentemente, alla città luoghi ad oggi inutilizzati o sottoutilizzati.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Provincia di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>