Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 17 Marzo 2012

Oltre 3500 visitatori alla mostra “Dal Paesaggio al Territorio"

Parin

Gorizia (GO) - Giunge a conclusione domani, domenica 18 marzo, la mostra “Dal Paesaggio al Territorio. L'arte interpreta i luoghi. Opere del Novecento dalle collezioni Intesa Sanpaolo", allestita nel nuovo Museo Santa Chiara di Gorizia (corso Verdi 18). E per salutare il pubblico, nell’atmosfera di un festoso “finissage”, il Comune di Gorizia ha predisposto per domani l’ingresso gratuito per tutti i visitatori: orario come sempre dalle 10 alle 19.

Promossa e organizzata dal Comune di Gorizia, curata da Francesco Tedeschi, la mostra si è sviluppata secondo una suggestiva dialettica fra arte e rappresentazione del paesaggio e del territorio, attraverso una settantina di opere, su tre livelli, firmate da artisti come Carrà, Sironi, Soffici, Guttuso, Music, Santomaso, Birolli, Vaccari, La Pietra, Vitone, Schifano, Casorati, Rosai. Come sottolinea il Sindaco di Gorizia Ettore Romoli, «La mostra si conclude con un bilancio lusinghiero: oltre 3500 presenze paganti dimostrano che si può fare cultura, a Gorizia, attraverso iniziative importanti e qualificate, per le quali il pubblico e’ disposto a sostenere un biglietto d’ingresso. Merito della mostra è stato anche quello di aver inaugurato il Museo Santa Chiara, restituendo finalmente alla città uno spazio che da oggi in poi senz’altro diventerà un prezioso riferimento per le iniziative culturali di Gorizia. L’auspicio è di poter proseguire nella collaborazione avviata con Villa Manin e con Intesa Sanpaolo, la cui collezione può contare su un patrimonio sterminato di opere di altissimo valore artistico. Una potenziale e prestigiosa ispirazione per futuri progetti espositivi».

Sempre domani, alle 17, visita guidata gratuita per tutti i visitatori. Presso il bookshop della Mostra è disponibile il Catalogo a soli 15,00 euro: si tratta di una pubblicazione esaustiva e preziosa, con ampio excursus critico intorno alla dialettica fra arte e ambiente, e l’articolato saggio del curatore, Francesco Tedeschi, integrato da un ricco apparato illustrativo. La mostra è curata dal Comune di Gorizia con l’Azienda Speciale di Villa Manin e con la fondamentale partecipazione di Intesa Sanpaolo - in sinergia con la Regione Friuli Venezia Giulia, la Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Carigo, la Fondazione CRUP e il Piccolo. Il Museo di Santa Chiara è frutto del recupero del seicentesco complesso architettonico conventuale delle Clarisse: il centralissimo edificio può contare su milleduecento metri quadrati di superficie espositiva, e include anche una biblioteca, una sala consultazioni, spazi per gli uffici e impianti tecnologici, pertinenze logistiche e di collegamento.

Leggi le Ultime Notizie >>>