Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Scienza e Salute > 10 Febbraio 2012

Bookmark and Share

Nuova collaborazione fra Comune e WWF con un portale web sulla raccolta differenziata e il riciclo

Un momento della conferenza stampa (foto: Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Trieste (TS) - Un ulteriore, nuovo aspetto dell’ampio ventaglio di iniziative che il Comune di Trieste sta attualmente dispiegando nel settore della raccolta differenziata dei rifiuti e del riciclo è stato illustrato oggi in Municipio dove è stato ufficialmente presentato l’avvio di una specifica collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e il WWF locale su questo tema.

Nel corso di una conferenza stampa, cui sono intervenuti l’Assessore comunale all’Ambiente Umberto Laureni, il presidente del WWF Trieste Alessandro Giadrossi e il direttore della Divisione Ambiente di Acegas-Aps ing. Paolo Dal Maso, è stata annunciata l’apertura di un nuovo portale web, curato appunto dal WWF in collaborazione con il Comune, che, con la denominazione “Sportello rifiuti” (e l’indirizzo wwftrieste.blogspot.com) sarà tutto dedicato a informare i cittadini innanzitutto sulle modalità di riduzione dei rifiuti e di un riuso, fin quando possibile, dei beni dismessi – e quindi all’insegna di una “filosofia” del tutto diversa da quella dell’usa e getta o dell’eliminazione di un oggetto appena soffre di un difetto o di un piccolo guasto – e solo poi - laddove i beni non possano davvero venir riparati o riutilizzati – a indicarne le corrette modalità di eliminazione, secondo i principi e le norme della raccolta differenziata.

Insomma su questo nuovo “portale” si troverà di tutto e di più sia sul riuso di vari tipi di materiali recuperabili che sul conferimento e riciclo dei rifiuti. Con tante soluzioni e suggerimenti per riparare oggetti “in proprio” (come selezionarli, pulirli, utilizzarne singoli componenti, acquistare e vendere l’usato ecc.), ma anche con molti indirizzi e recapiti di negozi e laboratori artigiani per piccole riparazioni – oggi sempre più numerosi e ritornati “di moda” – ai quali rivolgersi.

“Sarà un’occasione – ha detto il presidente del WWF Giadrossi – per verificare anche a Trieste cosa e quanto possiamo fare, come Amministrazioni e associazioni, su questi importanti temi, ma anche per invogliare e indirizzare ogni singolo cittadino a verificare per se stesso quanto ognuno di noi possa fare di buono e di utile, anche autonomamente”.

Il portale “Sportello rifiuti” si propone inoltre di fare da “centro di ascolto” e tramite verso il Comune e Acegas anche per raccogliere dai cittadini le segnalazioni di eventuali disservizi nella raccolta dei rifiuti, come pure per rispondere a tutte le domande e curiosità su queste tematiche. Da rilevare che ad arricchire il sito provvederanno alcuni studenti che svolgono un periodo di tirocinio presso il WWF o che stanno approfondendo per la tesi di laurea questi argomenti.

Il presidente Giadrossi ha ancora spiegato come recupero e riuso siano da sempre nel “Dna” del WWF, sia Internazionale che italiano, che rivolgono una particolare importanza alla “strategia di riduzione della nostra ‘impronta ecologica’ sul pianeta”, basata su tre pilastri: Green economy (promozione di modelli economici diversi), miglior utilizzo delle risorse naturali e “città e scelte di consumo”. In tutti e tre un tassello fondamentale è rappresentato dall’adozione di nuovi modelli comportamentali e di gestione delle cose. “E in questa complessa battaglia – ha concluso il presidente del WWF triestino – è giusto organizzarsi e muoversi tutti assieme, Amministrazioni, associazioni, cittadini”.

“Con vivo entusiasmo e convinzione – ha detto da parte sua l’Assessore Laureni – accogliamo questa opportuna e interessante novità proposta dal WWF, un’associazione che non da oggi si occupa con competenza di questi temi, e che quindi può efficacemente affiancarci, nel momento in cui il Comune auspica che tutte le forze disponibili per un sensibile miglioramento della qualità dell’ambiente nostrano possano coordinarsi e sempre meglio operare assieme.”
Anche l’ing. Dal Maso di Acegas-Aps ha sottolineato l’utilità – accanto e a fianco della raccolta differenziata – di promuovere un nuovo atteggiamento e una “cultura” del recupero e riuso anche da parte dei singoli cittadini, “comportamenti validi e auspicabili anche per diminuire l’eccessivo conferimento di rifiuti da eliminare”.

Nel nuovo “portale” vi saranno naturalmente anche tutti i riferimenti riguardanti i “centri di raccolta” di rifiuti ingombranti o pericolosi, il ritiro di rifiuti pesanti a domicilio, il Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti ecc.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>