Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Teatro > 06 Dicembre 2011

Debutta alla Contrada “Stanno suonando la nostra canzone” di Neil Simon

Giampiero Ingrassia

Trieste (TS) - Venerdì 9 dicembre debutta sul palcoscenico del Teatro Orazio Bobbio il primo dei tre spettacoli “arancio” a 5 repliche, “Stanno suonando la nostra canzone”, presentato da D&P Production e Loy Productions.

Scritto nel 1979 da uno dei più grandi autori contemporanei del panorama teatrale mondiale, Neil Simon, “They’re Playing Our Song” – questo il titolo originale – nacque per caso mentre Simon lavorava alla trasposizione in musica di un suo successo precedente, “The Gingerbread Lady”. Coadiuvato nell’impresa dal famoso compositore Marvin Hamlisch, Simon si lasciò catturare giorno dopo giorno dalle vicende sentimentali di Hamlisch che all’epoca stava intraprendendo una burrascosa relazione con la giovane paroliera Carole Bayer Sager.

Trovando molto più comiche ed interessanti le vicissitudini di Hamlisch e Bayer Sager rispetto alla trama di “The Gingerbread Lady”, Simon abbandonò definitivamente il suo progetto per scrivere, assieme ai due diretti interessati, ““Stanno suonando la nostra canzone”. Musicato dallo stesso Hamlisch su canzoni scritte da Bayer Sager, il testo di Simon racconta la tenera ma tumultuosa relazione tra Vernon Gelsh, nevrotico compositore di successo, e Sonia Walsk, paroliera di belle speranze alla ricerca del lavoro che la lanci nell’ambiente dello spettacolo. Accanto ai due personaggi “in carne e ossa”, sei ballerini, tre uomini per lui e tre donne per lei, danno vita alla coscienza di Vernon e Sonia ed esprimono in sottofondo i reali pensieri dei due amanti.

Nato nel 1927 a New York, Neil Simon è da anni uno degli autori teatrali contemporanei più noti e amati, grazie alla sua sferzante comicità e al dirompente umorismo. Dal suo primo successo, “Come blow your home”, a testi fortunati come “A piedi nudi nel parco” o “Prigioniero della Seconda Strada”, Simon ha visto numerose delle sue commedie riadattate per il grande schermo e tradotte in svariate lingue. Presentato sui palcoscenici di Broadway già nel ‘79, “Stanno suonando la nostra canzone” riscosse da subito un immediato successo che portò i due interpreti originari (Robert Klein e Lucie Arnaz) a replicare la commedia per oltre mille serate consecutive.

Destino di numerose commedie di Simon, anche questo testo fu ben presto esportato e rappresentato in altri paesi: la risposta britannica alla coppia Klein-Arnaz arrivò l’anno seguente con Tom Conti e Gemma Craven, che sbancarono il West End londinese. Nel 1981 la commedia fu tradotta in italiano e portata sulle scene da Gigi Proietti (che all’epoca ne curava anche la regia) e Loretta Goggi. Vent’anni più tardi Proietti riprese “Stanno suonando la nostra canzone” in veste di regista, affidandone l’interpretazione a due giovani talenti del teatro italiano, Gianluca Guidi e Maria Laura Baccarini.

Oggi è Gianluca Guidi a “tornare sul luogo del delitto”, dirigendo Giampiero Ingrassia e Simona Samarelli nei ruoli di Vernon e Sonia. Debutto sulle scene della Contrada per lei, felice ritorno a Trieste per lui, applauditissimo interprete qualche anno fa di un’edizione teatrale di “Harry ti presento Sally”.

I sei ballerini che rappresentano le “coscienze” di Vernon e Sonia sono Andrea Ciarlantini, Davide Dal Seno, Giuseppe Marino (le “voci” di lui), Federica Capra, Alessandra Calamassi, Giorgia Stizzoli (le “voci” di lei).

Le musiche originali e i testi delle canzoni sono di Marvin Hamlisch e Carole Bayer Sager (autrice dei testi italiani è Carla Vistarini), mentre la direzione musicale è di Giovanni Maria Lori e le coreografie di Stefano Bontempi. Lo spettacolo si arricchisce con il disegno luci di Valerio Tiberi, le scene di Alessandro Chiti e i costumi di Francesca Grossi.

Quarto spettacolo in abbonamento per la Stagione di Prosa della Contrada (e primo dei 3 spettacoli “arancio”), “Stanno suonando la nostra canzone” debutta venerdì 9 dicembre alle 20.30 e rimane in scena fino a martedì 13 con i seguenti orari: venerdì, sabato e lunedì ore 20.30, domenica e martedì 16.30. Parcheggio gratuito all’interno della Fiera di Trieste (ingresso principale in P.le De Gasperi) per tutte le recite.

Per questo spettacolo è necessaria la prenotazione anche per gli abbonati a turno fisso della Contrada.

Prevendita dei biglietti, prenotazione dei posti e cambi turno presso la biglietteria del Teatro Bobbio (tel. 040.390613/948471 - orari: 8.30-13.00; 15.30-18.30) o al TicketPoint di Corso Italia 6/C (tel. 040.3498276/3498277 - orari: 8.30-12.30; 15.30-19.00). Prevendita On Line: Circuito VIVATICKET by Charta (vivaticket.it).

Informazioni: 040.390613; contrada@contrada.it; www.contrada.it.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa La Contrada

Leggi le Ultime Notizie >>>