Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 25 Ottobre 2011

Bookmark and Share

Cinemazero: i film della settimana dal 28 ottobre al 3 novembre

"Quando la notte" di Cristina Comencini (locandina film)

Pordenone (PN) - La programmazione nelle sale di Cinemazero dal 28 ottobre al 3 novembre 2011.

Venerdì 28 ottobre 2011
SalaGrande; ore 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 17.00; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaPasolini; ore 19.30 - 21.45; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaTotò; ore 16.45 - 19.00; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi
SalaTotò; ore 21.15; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
Zancanaro Sacile; ore 21.30; MA COME FA A FAR TUTTO? di Douglas McGrath

Sabato 29 ottobre 2011
SalaGrande; ore 17.30 - 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 17.00 - 19.30; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaPasolini; ore 21.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 16.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 19.00 - 21.15; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi
Zancanaro Sacile; ore 19.30 - 21.30; MA COME FA A FAR TUTTO? di Douglas McGrath

Domenica 30 ottobre 2011
SalaGrande; ore 15.15 - 17.30 - 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 14.45 - 17.00; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaPasolini; ore 19.30 - 21.45; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaTotò; ore 14.30 - 16.45; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi
SalaTotò; ore 19.15 - 21.30; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini

Lunedì 31 ottobre 2011
SalaGrande; ore 17.30 - 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 17.00 - 19.30; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaPasolini; ore 21.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 16.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 19.00 - 21.15; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi

Martedì 1 novembre 2011
SalaGrande; ore 15.15 - 17.30 - 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 14.45 - 17.00; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaPasolini; ore 19.30 - 21.45; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaTotò; ore 14.30 - 16.45; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi
SalaTotò; ore 19.15 - 21.30; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini

Mercoledì 2 novembre 2011
SalaGrande; ore 19.45 - 22.00; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaPasolini; ore 17.00 - 19.30; MELANCHOLIA di Lars von Trier
SalaPasolini; ore 21.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 16.45; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 19.00 - 21.15; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi

Giovedì 3 novembre 2011
SalaGrande; UN HOMME QUI CRIE di Mahamat-Saleh Haroun - Gli Occhi dell'Africa
SalaPasolini; ore 17.15 - 19.30 - 21.45; THIS MUST BE THE PLACE di Paolo Sorrentino
SalaTotò; ore 17.00; QUANDO LA NOTTE di Cristina Comencini
SalaTotò; ore 19.15 - 21.30; UNA SEPARAZIONE di Asghar Farhadi

------------------

- "Quando la notte" di Cristina Comencini
Tra le montagne un uomo e una donna s'incontrano. Manfred è una guida, chiusa e sprezzante, abbandonato da moglie e figli; Marina una giovane madre in vacanza col suo bambino. Una notte qualcosa succede nell'appartamento di lei e Manfred interviene, portando il bambino ferito in ospedale. Da quel momento l'uomo si metterà sulle tracce di una verità inconfessabile che Marina ha nascosto a tutti, anche al marito, mentre lei intuirà il segreto familiare all'origine dell'odio di Manfred verso tutte le donne. Con una rabbia e un desiderio mai provati prima, i due scopriranno la radice di un legame potente che non riusciranno a controllare né a vivere. Quindici anni dopo quella vacanza, Marina, d'inverno, tornerà al rifugio a cercare Manfred.

- "This must be the place" di Paolo Sorrentino
Cheyenne è stato una rockstar nel passato. All'età di 50 anni si veste e si trucca come quando saliva sul palcoscenico e vive agiatamente, grazie alle royalties, con la moglie Jane a Dublino. La morte del padre, con il quale non aveva più alcun rapporto, lo spinge a tornare a New York. Scopre così che l'uomo aveva un'ossessione: vendicarsi per un'umiliazione subita in campo di concentramento. Cheyenne decide di proseguire la ricerca dal punto in cui il genitore è stato costretto ad abbandonarla e inizia un viaggio attraverso gli Stati Uniti.

- "Melancholia" di Lars von Trier
Justine arriva con il neomarito alla festa delle nozze che il cognato e la sorella Claire le hanno organizzato con un ritmato protocollo. Justine sorride molto ma dentro di sé prova un disagio profondo che la spingerà ad allontanarsi in più occasioni dai festeggiamenti provocando lo sconcerto di molti, marito compreso. Non si tratta però solo di un malessere esistenziale privato. Una grave minaccia incombe sulla Terra: il pianeta Melancholia si sta avvicinando e, benché il mondo scientifico inviti all'ottimismo, il rischio di collisione e di distruzione totale del globo terrestre è più che mai realistico. Tempo dopo, con Melancholia sempre più vicino, sarà Claire a invitare a casa sua la sorella.

- "Una separazione" di Asghar Farhadi
Nader e sua moglie Simin stanno per divorziare. Hanno ottenuto il permesso di espatrio per loro e la loro figlia undicenne ma Nader non
vuole partire. Suo padre è affetto dal morbo di Alzheimer e lui ritiene di dover restare ad aiutarlo. La moglie, se vuole, può andarsene. Simin lascia la casa e va a vivere con i suoi genitori mentre la figlia resta col padre. È necessario assumere qualcuno che si occupi dell'uomo mentre Nader è al lavoro e l'incarico viene dato a una donna che ha una figlia di cinque anni e ed è incinta. La donna lavora all'insaputa del marito ma un giorno in cui si è assentata senza permesso lasciando l'anziano legato al letto, un alterco con Nader la fa cadere per le scale e perde il bambino.

- "Ma come fa a far tutto?" di Douglas McGrath
Tratta dall’omonimo bestseller di Allison Pearson, autrice britannica destinata a bissare l’enorme successo della connazionale Helen Fielding, Ma come fa a far tutto? è una commedia brillante che fa del sottile femminismo una leva sicura per far presa su un ampio pubblico di casalinghe disperate, di donne in carriera e di mamme tuttofare etichettate simpaticamente come “mammostre”.

- "Un homme qui crie" di Mahamat-Saleh Haroun - Per la rassegna "GLI OCCHI DELL'AFRICA"
Il Ciad di oggi. Adam, un sessantenne che è stato un campione di nuoto, insegnante alla piscina dell’Hotel di lusso a N’Djamena, è costretto a lasciare il suo posto di lavoro al figlio Abdel quando l’albergo è acquistato da imprenditori cinesi. Soffre della situazione, che vive come una degradazione sociale. Il Paese è in balia della guerra civile e i ribelli armati minacciano il governo al potere che chiede alla popolazione un “sacrificio di guerra”: del denaro o l’arruolamento dei figli. Adam è assillato dal suo responsabile di zona perché adempia al suo dovere. Ma Adam non ha denaro, ha soltanto il suo unico figlio...
ALLA PRESENZA DEL MISSIONARIO COMBONIANO ALEX ZANOTELLI - INGRESSO LIBERO.


Per informazioni:
Cinemazero - Uffici tel. 0434520404 (piazza della Motta, Pordenone)
Cinemazero - Sale tel. 0434520527 (piazza Maestri del Lavoro, Pordenone)
www.cinemazero.org

Leggi le Ultime Notizie >>>