Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 25 Ottobre 2011

Mostra personale di Alessio Iurman alla Sala Comunale d’Arte

Alessio Iurman: “cuBit  -  la forma del pensiero razionale”

Trieste (TS) - Sarà inaugurata giovedì 27 ottobre, alle ore 18.30, nella Sala Comunale d’Arte di piazza dell’Unità d’Italia, 4, la mostra “cuBit - la forma del pensiero razionale” di Alessio Iurman. L'inaugurazione sarà aperta da una introduzione critica del prof. Marcello Monaldi, ed un intervento del maestro Paolo Cervi Kervischer.

L'arte nasce sempre contemporanea. Rappresenta, interpreta, trasforma, nasconde e rivela oggetti materiali e immateriali del modo che ci circonda. La realtà non è ciò che percepiamo, viviamo in una realtà virtuale, fondata in massima parte su costruzioni teoriche, che riteniamo più solide di una sfuggente ed inaccessibile “materia”. Questo processo di invenzione e creazione della realtà è il nucleo della nostra stessa esistenza, è il processo di creazione “artistica” cui nessuno può sottrarsi. A volte, questa costante elaborazione e invenzione produce quei concetti materializzati che chiamiamo “opere d'arte”. Arte e scienza sono distinte solo in apparenza, l'artista è sempre scienziato e filosofo, come lo scienziato è sempre filosofo e artista. E' solo la brevità della vita e la pressione dei bisogni della società, a imporre frettolose distinzioni e costrizioni.

L'autore, Alessio Iurman, presenta una galleria di interpretazioni di un inedito oggetto concettuale, il primo “abaco” per la logica elementare. E' lecito, in base agli sviluppi della logica matematica, assimilare i processi razionali ad operazioni di ordinamento, le quali sono applicazioni delle relazioni d'ordine Maggiore, Minore, Uguale. La conoscenza e l'uso di tali strumenti matematici, come per l'aritmetica, non è né innato né immediato, pur nella loro apparente banalità. Ordinare i concetti, non è mai cosa semplice, ma è sempre necessaria, anche nell'azione più marginale e consueta, e la conoscenza di questi strumenti minimi favorisce una “messa a fuoco” del processo di soluzione di un qualunque problema, ordinario o sublime che sia.

Il cuBit presenta, per la logica, una funzione analoga a quella svolta dalla tradizionale “tavola Pitagorica” per l'aritmetica. Tale funzione richiede una specifica “forma” geometrica, cioè un particolare poliedro: ma ogni “forma” inevitabilmente e fatalmente appartiene all'arte.

Non esistono forme neutre, nemmeno le più semplici. Il cerchio è “anche” il perimetro della difesa, come il quadrato è anche il perimetro dell'organizzazione, e, al tempo stesso, cerchi e quadrati sono stati anche primordiali motivi ornamentali.

La mostra rimarrà aperta fino al 16 novembre, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Il gruppo cuBit è su Facebook.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste





Leggi le Ultime Notizie >>>