Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > AttualitĂ  > 23 Settembre 2011

Bookmark and Share

Anche Trieste partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio 2011

giornate europee del patrimonio 2011

Trieste (TS) - Anche quest’anno torna l’Autunno e, con esso, uno degli appuntamenti culturali più attesi: le “Giornate Europee del Patrimonio”, che avranno luogo in tutta Italia ed in altri 49 Stati Europei, sabato 24 e domenica 25 settembre.
Le Giornate, fin dalla loro istituzione nel 1954, hanno assunto nel corso degli anni una tale rilevanza che, nel 1999, il Consiglio d’Europa e la Commissione Europea ne hanno fatto un’azione comune, per rafforzare e incentivare il dialogo e lo scambio, in ambito culturale, fra i Paesi membri.
Rispondendo alla necessità di far acquisire ai cittadini europei la consapevolezza di condividere un patrimonio comune, l’Italia partecipa alle Giornate dal 1995 e quest’anno la partecipazione si attua con lo slogan “Italia, tesoro d’Europa”.

In sinergia con il MiBAC, anche il Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura aderisce a questo importante euro–appuntamento, che apre la “nuova” stagione culturale triestina.

Sabato 24 e domenica 25 settembre, è possibile dunque visitare gratuitamente tutti i Musei cittadini. E’, quindi, questa un’occasione in più per ammirare, al Castello di San Giusto (con il Civico Museo del Castello e l’Armeria, orario 9-19), oltre all’esposizione permanente, anche la mostra “GIOIE DELLA TERRA”, che riapre, dopo il trasferimento dal Museo del Centro Accoglienza della Grotta Gigante, oggi, al pubblico. La mostra, promossa dai Civici Musei di Storia ed Arte con la direzione della Grotta Gigante, della Società Alpina delle Giulie - Sezione del CAI di Trieste, curata da Annalisa Giovannini e Marzia Vidulli Torlo, nel periodo marzo-agosto di questo anno è stata visitata da oltre 28 mila turisti italiani e stranieri ed espone 101 gemme antiche, incise e lavorate a cammeo, con perfezione strabiliante nello spazio piccolissimo di una pietra dura da incastonare in anelli, collane o orecchini.

Al Civico Museo Revoltella, si potrà visitare secondo l’orario consueto di apertura del museo (10-19, martedì chiuso), oltre all’esposizione permanente del Palazzo Revoltella e della Galleria d’Arte Moderna, la mostra “Vittorio Bolaffio e il Porto di Trieste”, promossa in collaborazione con la Biblioteca Statale Isontina, ideata e realizzata da Sergio Vatta con la collaborazione di Susanna Gregorat, con la quale viene “omaggiato” l’universo letterario ed artistico di Vittorio Bolaffio, mediante l’esposizione di una selezionata raccolta bibliografica contenente cataloghi di mostre e d’arte, monografie, rare immagini fotografiche dello Studio Kilophot di Vienna, bozzetti, disegni e dipinti, e tra questi, i dipinti custoditi dal Civico Museo Revoltella che completano quasi integralmente le opere di soggetto portuale e marinaro realizzate dall’artista.
Ed ancora, al Museo Revoltella, “Quadri di una collezione”, mostra di opere di artisti triestini, scelti da una collezione privata, organizzata in collaborazione con l’Arcivescovado di Trieste e il Club della Repubblica.

Per i visitatori del Museo petrarchesco piccolomineo di via Madonna del Mare 13 (3. p.) sarà visitabile “Francesco Petrarca: la vita, l’opera, la fortuna”, mostra che apre uno squarcio sulla vita dell’autore del più bel «Canzoniere» della lirica italiana, a cui seguirà una visita guidata alle ore 11.00.

“Le “Giornate Europee del Patrimonio” comportano, sul territorio nazionale, uno sforzo organizzativo notevole – conclude l’assessore comunale alla Cultura, Andrea Mariani – ma alle quali aderiamo con la certezza che la cultura rappresenta una delle risorse sostanziali per uscire dalla crisi e per riconoscersi nelle proprie radici, confrontandosi con ottimismo per il futuro di Trieste e del Friuli Venezia Giulia.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>