Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Teatro > 09 Marzo 2007

Bookmark and Share

Calcio e morale: in scena la storia di Carlo Petrini, centravanti di serie A

Carlo Petrini

Monfalcone (GO) - La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue venerdì 9 marzo, alle ore 20.45, con un nuovo appuntamento con ContrAzioni-Nuovi percorsi scenici. Si tratta di “Nel fango del dio pallone. La storia maledetta di Carlo Petrini centravanti di serie A”, uno spettacolo scritto e interpretato da Alessandro Castellucci, della compagnia milanese Macrò Maudit, un attualissimo ed inquietante ritratto del calcio di ieri, del tutto simile al calcio di oggi.
Tratto dal best seller “Nel fango del dio pallone, autobiografia di Carlo Petrini”, il monologo si snoda attraverso il racconto di un ex calciatore, uno che forse, in carriera, ha conosciuto da vicino Petrini. Ma chi è Carlo Petrini? E’ uno che giocava nel Milan del 1968, ai tempi di Trapattoni e Rivera. Ma è anche uno che hanno voluto cancellare dalla storia del calcio. Petrini fu tra i primi a sperimentare sostanze illegali dopanti e negli anni Settanta fu mediatore e artefice di diverse partite truccate. Poi, nel 1980, fra numerosi responsabili, fu uno dei pochi a pagare per tutti.
Oggi è un uomo che, pagate sportivamente e penalmente le sue colpe, non ha più paura di raccontare le tante verità del calcio: i pareggi concordati, le partite vendute, gli eccessi fuori dal campo, il doping e gli espedienti per eludere i controlli, i soldi in nero. Uno che non ha paura perché il calcio gli ha dato ma, soprattutto, gli ha tolto tutto. In tantissimi hanno letto il libro di Petrini ma lui non ha ricevuto alcuna denuncia per diffamazione. E’ perché ormai non conta più nulla o perché le sue affermazioni non possono essere smentite?
Macrò Maudit racconta una vicenda scottante, che ha per protagonista un uomo forte e contraddittorio, e ci ricorda, anzi conferma, quanto lontano sia il mondo del calcio dai più puri e sani ideali sportivi. Proseguendo il suo percorso artistico, dedicato alle figure contemporanee perdenti e maledette, la compagnia milanese mette in scena questa volta, attraverso il corpo e la voce di Alessandro Castellucci, una storia sincera, coraggiosa, senza enfasi né eroi; uno spettacolo di denuncia, senza moralismi, senza meTeatro Comunale di Monfalcone logozze allusioni, sul mondo del “dio pallone”. La storia di un precursore del calcio dorato di oggi, dedicata a tutti quelli che amano il meraviglioso mondo dello sport, quello vero. Dedicata soprattutto ai ragazzi, quelli che cominciano...
Al termine dello spettacolo, il calciatore Carlo Petrini incontrerà il pubblico. Maggiori informazioni sul sito www.teatromonfalcone.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>