Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 21 Settembre 2011

Bookmark and Share

“La mia vita in bicicletta”: Margherita Hack presenta il suo ultimo libro al Revoltella

La copertina del volume “La mia vita in bicicletta” di Margherita Hack

Trieste (TS) - “La mia vita in bicicletta”. E’ questo il titolo del libro di Margherita Hack che sarà presentato giovedì 22 settembre, con inizio alle ore 18.30, all’auditorium del Museo Revoltella di via Diaz 27 a Trieste. La celebre astrofisica, vicina al confine dei novant’anni, si racconta in un’autobiografia atipica, “in punta di pedali”, prendendo spunto da una sua grande passione, quella per le due ruote, per “pedalare con noi” tutta la sua vita. All’incontro, libero e aperto a tutti fino ad esaurimento dei posti disponibili in sala, interverrà Margherita Hack. Moderatore sarà il giornalista Alessandro Mezzena Lona, responsabile “Cultura e spettacoli” de “Il Piccolo”.

Nel libro “La mia vita in bicicletta”, edito da Edicicloeditore e con prefazione di Patrizio Roversi, Margherita Hack si racconta narrando la sua vita dai cinque anni (l’età del triciclo e della passione per Binda) a oggi (in cui pedala solo in piano ma sogna di andare su Marte in bicicletta). Una vita in cui la bici fa da collante, una passione, quella per le due ruote, che non muore mai, anzi, sempre più arricchita e rivitalizzata con il passare degli anni.

Pedalando insieme a lei, si ripercorrono i decenni in cui in Italia d’estate non si andava in vacanza, ma le ferie erano vissute in città ed erano una parentesi per scoprire angoli urbani altrimenti poco frequentati e per consolidare rapporti e amicizie. Si rivivono così i giochi dei bambini, che un tempo consistevano in poche cose: un tappo di gazzosa, una biglia di vetro o di terracotta, una palla… Si conosce il fascino e le regole di una scuola rigida ma vera; si passano i momenti bui del fascismo e delle due guerre e infine si rivive con lei il rapporto tutto particolare con Aldo De Rosa, prima compagno di giochi e poi futuro marito, un uomo “allegro e sognatore, un extraterrestre”, il suo opposto.

Anche la presentazione del libro “La mia vita in bicicletta, rientra nell’ambito del programma della “Settimana europea della mobilità”, manifestazione promossa da Ministero dell’Ambiente e Comune di Trieste con la partecipazione di Provincia, Facoltà di Architettura e Ingegneria dell’Università, AMT, Trieste Trasporti, AcegasAps e in collaborazione con Ulisse-Fiab, UISP e Cammina Trieste.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>