Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 25 Agosto 2011

Ricollocata in Piazza Unità l'asta con l'alabarda della statua di "Tergeste"

Masset, Dugulin, Emanuelli durante il lavoro di montaggio (foto: Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Trieste (TS) - E' stata ricollocata in Piazza dell’Unità, l'asta con alabarda a completamento della statua che rappresenta “Tergeste” – Trieste, alla base del pilo portabandiera posto a destra guardando il mare, nei pressi della Prefettura.

Il manufatto, sottratto alcuni anni orsono da ignoti, è stato modellato e realizzato con antichi metodi artigianali e con un lungo e sapiente lavoro completamente realizzato a mano, sulla base della documentazione fotografica d'archivio, da Sergio (Bruno) MASSET, già restauratore dei Civici musei di storia ed arte e ora volontario dell'Associazione di volontariato "Cittaviva" presieduta da Vilma Belsasso.

Il direttore dei Civici musei di storia ed arte Adriano Dugulin, che ha competenza sui monumenti e sulle aree monumentali della città, ha coordinato le varie fasi del lavoro e le operazioni di montaggio che, con gli accorgimenti tecnici ideati e adottati da Masset, garantirà la sicurezza dell'ancoraggio. Ha collaborato il tecnico dei Civici musei Giacomo (Gianni) Emanuelli.

Come noto i Pili portabandiera della Vittoria sono stati inaugurati il 24 maggio 1933 in occasione del 18° anniversario dell'entrata dell'Italia in guerra, alla presenza di SAR il Duca Amedeo d'Aosta.
Realizzati col concorso di tutte le Provincie italiane, donati alla città dall'Automobile Club d'Italia, i pili sono opera di Attilio Selva, fusi nelle fonderie Laganà.

Alla fine del mese di aprile del ‘45, durante le violente sparatorie tra il Corpo Volontari della Libertà e i nazisti, “Tergeste” fu colpita da un proiettile all'avambraccio sinistro - il cui foro è tuttora visibile - e fu sottratta l'asta con alabarda che, nonostante l'interessamento e le sollecitazioni della Associazione Autieri di Trieste sin dagli anni Settanta, fu ricollocata appena il 24 maggio 1981, modellata e fusa dallo scultore Ugo Carà.

INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>