Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 11 Luglio 2011

Consegnati al Gopcevic i premi della 10ª edizione della “Minerva d’Argento”

Un momento della consegna dei premi (foto: Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Trieste (TS) - Alla presenza tra gli altri del sindaco Roberto Cosolini, del presidente della Società di Minerva Gino Pavan, dell’assessore alla Cultura Andrea Mariani e del direttore dei Civici Musei di Storia ed Arte Adriano Dugulin, si è svolta oggi - lunedì 11 luglio - nella sala “Bobi Bazlen” di Palazzo Gopcevic, la cerimonia di consegna dei premi della 10ª edizione della “Minerva d’Argento”, premio biennale di Storia, Scienze, Lettere e Arti indetto dalla Società di Minerva assieme ai Soci fondatori dell’iniziativa, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e il Comune di Trieste, e con il sostegno della Fondazione CRTrieste.

Il Premio “Minerva d’Argento ” è stato istituito nel 1992 dall’omonima Società cittadina di studi per onorare la memoria dell’ illustre fondatore, Domenico Rossetti (1774-1842), nel 150° della morte. La 10° Edizione ha visto assegnato il primo premio (bronzo argentato della Minerva, opera di Antonio Guacci, pubblicazione della tesi sull’”Archeografo Triestino” e un assegno di mille Euro) a Stefania Grion, per la tesi di laurea discussa all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia su “Un catalogo di citazioni all’antica: Santa Maria Annunciata a Sanvincenti d’Istria” . La tesi è conseguente al ritrovamento nell’Archivio di Stato di Venezia del testamento di Marco Morosini, podestà e capitano di Parenzo, datato 1492. Esso contiene precise indicazioni da parte del testatore per la costruzione dell’importante chiesa tardo-rinascimentale di Santa Maria dell’Annunciata a Sanvincenti in Istria.

Il secondo premio (assegno di cinquecento Euro) è andato a Elisabetta Lo Giudice, per la tesi discussa all’Università di Trieste su “Musulmani a Trieste. La presenza islamica nella Trieste dell’Ottocento” dove vi è tratteggiata con efficacia la storia di Trieste in relazione alla presenza musulmana avvalendosi ampiamente di fonti archivistiche e di documenti spesso inediti, fonti letterarie, censimenti.

Contemporaneamente, un Premio straordinario dedicato dalla famiglia alla memoria del minervale Manlio Cecovini, è stato assegnato (con due premi ex aequo di cinquecento Euro ciascuno) a Marcella De Gregoriis, per la tesi discussa all’Università di Trieste su “Lettere da Trieste (1950-1960). Una collaborazione radiofonica di Giani Stuparich”, un contributo di ricerca di grande interesse su un aspetto importante dell’attività di Giani Stuparich di cui, quest’anno, ricorre il cinquantenario della morte; nonchè a María Beatriz Cóceres, per la tesi discussa all’Università di Udine su “L’edizione dell’Epistolario di Pierviviano Zecchini”, pregevole e attenta ricerca relativa a lettere (e cartoline) conservate in biblioteche e archivi italiani per ricostruire la figura di Pierviviano Zecchini (San Vito al Tagliamento 1802 - Chions 1882) medico, letterato e patriota.

INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>