Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

 

Cultura > Teatro > 09 Febbraio 2007

Bookmark and Share

Cronaca dell’errante e invincibile formica argentina

Marcela Serli

Monfalcone (GO) - Sabato 10 febbraio alle 20.45, nell’ambito della rassegna “ContrAZIONI”, al Teatro Comunale di Monfalcone va in scena “Cronaca dell’errante e invincibile formica argentina” di Carlos Alsina, con Marcela Serli. Regia di Carlos Alsina.
Il testo di Carlos Alsina - drammaturgo, regista e pedagogo teatrale, formatosi al Berliner Ensemble - parte da un dato scientifico tratto dal regno animale, l’espansione mondiale di una formica d’origine argentina, la Linepithema Humile, per rappresentare alcuni degli attuali conflitti della società argentina: gli eventi drammatici del 2001, le frustrazioni provenienti dalla dittatura militare e la conseguente delusione per la “democrazia formale”. La messinscena è anche una sottile critica verso tutti quei fenomeni legati all’immigrazione e all’emigrazione che toccano da vicino Paesi come l’Italia. Ispirandosi alla metafora paradossale che il regno animale offre non solo alle nostre sventure di popolo ma a tutta l’umanità, lo spettacolo è inoltre una metafora sui miti, le abitudini, le difficoltà, le virtù e i difetti di una collettività nei confronti di ciò che è “altro”. Eccezionale interprete del monologo è Marcela Serli, che compone in scena una decina di personaggi e mescola a momenti di travolgente ironia suggestioni di grande poesia, delineando un percorso che attraversa molteplici stili teatrali.

Leggi le Ultime Notizie >>>