Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 29 Aprile 2011

Dall'8 maggio mostra personale di Daniele Bianchi alla MedeART gallery di Medea

Daniele Bianchi - opera

Medea (PN) - Proseguono le iniziative culturali alla MedeART gallery di Medea. Si è conclusa infatti la mostra sull’arte della norcineria dei fotografi Mariano Di Clemente, Paul David Redfern e Enzo Tedeschi e si inaugura, domenica 8 maggio, la mostra di Daniele Bianchi.

Daniele Bianchi è nato a Milano nel 1965, dopo avere studiato architettura nei primi anni 90 ha cominciato a dipingere occupandosi contemporaneamente di scenografia e di comunicazione visiva. Dal 2006 vive a Fiumicello e ha cominciato ha indirizzare il suo lavoro verso la scultura.

Di seguito la presentazione di Italo Montiglio responsabile del CERIDO di Fiumicello (UD).

"Sarebbe davvero molto comodo poter ricavare il profilo di un artista dall’elencazione delle sue esperienze culturali, professionali e artistiche. Per fortuna o purtroppo l’artista è sempre un “prodotto” diverso dalla semplice aggregazione dei suoi dati biografici, anche se la biografia professionale fornisce spesso alcuni dati interessanti per capire l’uomo. Nel nostro caso Daniele Bianchi esibisce esperienze ad ampio spettro, che in certo modo, se non esclusivamente, si riflettono poliedricamente anche nella sua poetica grazie ad attività nell’ambito di studi, laboratori, gallerie, scuole, editori, nelle aree dell’architettura, della scenografia, dell’antiquariato, della grafica, dell’editoria con diversi ruoli e mansioni".

"Ciò che colpisce della sua produzione pittorica è un tentativo di dominare costruttivamente il caos, il disordine, la violenza e l’angoscia, in una concezione crudamente realistica del mondo e della vita. Ma pDaniele Bianchi - operaroprio questo dare forma costruttiva all’eterogenea massa degli impulsi sociali, emotivi, irrazionali è anche un modo per esorcizzarli in una visione superiore e disincantata dell’esistenza: si potrebbe dire che in questo modo l’arte sublimi o tenti di sublimare gli istinti, le contraddizioni, le repressioni e l’ansia rendendo la vita, se non comprensibile, almeno accettabile".

Leggi le Ultime Notizie >>>