Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 04 Aprile 2011

Provincia di Trieste: al via la sessione finale del laboratorio "Spazi di donne: itinerari urbani"

Maria Teresa Bassa Poropat, presidente della Provincia di Trieste

Trieste (TS) - La Presidente della Provincia di Trieste ha preso parte oggi alla sessione conclusiva del primo laboratorio legato al progetto finanziato dalla Commissione europea Women’s heritage: contribution to equality in culture - Eredità delle donne: contributo all’equità nella cultura, che si è svolto a Trieste, presso la Casa internazionale delle Donne, primo soggetto partner dell’intervento promosso da Lubiana. L’incontro, intitolato “Spazi di donne:itinerari urbani” ha affrontato il tema della mappatura dello spazio cittadino in un'ottica femminile e l’individuazione degli strumenti idonei al raggiungimento di una migliore qualità dell’abitare. L’obiettivo finale è infatti, raggiungere un habitat a misura di persona, capace di prestare attenzione alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e alle differenze di genere, di condizione e di età.

La Guida sentimentale di Trieste, la Women’s guide through Zagreb e la mappa turistica della città di Novi Sad sono state le pubblicazioni approfondite e studiate nel corso della sessione odierna che si è svolta presso la Casa di via Pisoni. Il progetto reso possibile grazie al finanziamento della Commissione Europea (The European Commission – DG Enlargment IPA 2009- Civil Society Facility - Multibeneficiary Programmes – "Support to partnership Actions between Cultural Organisations") si concluderà entro due anni e prevede attività non solo a Trieste, ma anche a Zagabria, Buje, Dubrovnik, Lubiana, Portorose, Sarajevo e Belgrado.

Nel contesto transfrontaliero in cui si colloca la nostra regione, la Casa Internazionale delle Donne di Trieste vanta già una consolidata collaborazione con il Centro di studi delle donne di Zagabria – che è uno dei partner internazionali della Casa - e rapporti individuali di lunga data, tramite le associate, sia con il movimento femminista Donne in Nero di Belgrado, che con studiose di Lubiana, Zagabria e Sarajevo.

INFO/FONTE:
Ufficio Stampa Provincia di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>