Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 23 Marzo 2011

Cinemazero: arrivano in sala "Silvio Forever" e "In un mondo migliore"

"Silvio Forever" - locandina film

Pordenone (PN) - Presentato come un'autobiografia non autorizzata di Silvio Berlusconi, "Silvio Forever" è stato sceneggiato da Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, giornalisti del Corriere della Sera e autori del bestseller La casta. Il film è un documentario realizzato grazie a un grande lavoro di montaggio, utilizzando esclusivamente materiale di repertorio riguardante Berlusconi, figura centrale della scena politica italiana da 17 anni, capace di offrire una miriade di spunti da commedia dell'arte: interviste, comizi, dichiarazioni pubbliche (barzellette comprese). Unico intervento esterno, la voce di Neri Marcoré, chiamato a doppiare il premier in mancanza di registrazioni.

Arriva in sala anche "In un mondo migliore", film drammatico della regista danese Susanne Bier e vincitore quest'anno del premio Oscar come miglior film straniero. La Bier è ormai considerata la più talentuosa regista contemporanea dei paesi scandinavi. In quest'opera ambientata in una cittadina di provincia danese, viene raccontata l'amicizia tra due ragazzi, Elias e Christian. Il primo è vittima dei bulli della scuola, il secondo è l'unico capace di difenderlo dalle angherie dei prepotenti. La situazione precipita in breve tempo a causa della violenta e incontrollabile reazione di Christian di fronte alla morte della madre. Elias verrà trascinato in un mondo a lui sconosciuto, fatto di odio e cattiveria. In parallelo si sviluppa la storia del padre di Elias, Anton, medico idealista che lavora in una missione umanitaria in Sudan e che verrà messo a dura prova da una serie di eventi, come la crisi del suo matrimonio con la moglie Marianne.

Continua "Il cigno nero" di Darren Aronofsky, che ha regalato l'Oscar per la migliore interpretazione all'attrice Natalie Portman, bravissima nell'interpretazione di Nina, un'ambiziosa giovane ballerina di New York a caccia del doppio ruolo che tutti sognano: il Cigno Bianco, delicato e innocente, e il Cigno Nero, che emana una malvagità seducente, nel classico Il lago dei cigni. Nina riesce ad ottenere il ruolo e, incalzata da una madre frustrata, si sottopone a un allenamento estenuante sotto lo sguardo esigente di Thomas Leroy, coreografo appassionato e deciso a farne una stella...

Ancora in sala "Nessuno mi può giudicare", nuova commedia del regista Massimiliano Bruno nel quale Paola Cortellesi interpreta una escort alla prime armi. Nel cast ci sono anche Raoul Bova e Rocco Papaleo. La commedia si riallaccia al mondo della prostituzione, e attraverso la comicità e le risate, affronta temi sociali importanti come l'integrazione e il razzismo, la crisi economica che induce i personaggi a fare ciò che non vorrebbero.

---------------------------

Programmazione:

Venerdì 25 marzo 2011
SalaGrande – 20-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
Presentato come un autobiografia non autorizzata di Silvio Berlusconi, Silvio Forever è stato scritto da Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, giornalisti del Corriere della Sera e autori del bestseller La casta. Il film è un documentario realizzato grazie a un grande lavoro di montaggio, utilizzando esclusivamente materiale di repertorio riguardante Berlusconi, figura centrale della scena politica italiana da 17 anni: interviste, comizi, dichiarazioni pubbliche (barzellette comprese). Unico intervento esterno, la voce di Neri Marcoré, chiamato a doppiare il premier in mancanza di registrazioni.
SalaPasolini - 17.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di MassimIliano Bruno
E' una commedia che si riallaccia al mondo della prostituzione, che attraverso la comicità e le risate, affronta temi sociali importanti come l'integrazione e il razzismo, la crisi economica che induce i personaggi a fare ciò che non vorrebbero. Paola Cortellesi si trasforma in un'escort per il film Nessuno mi può giudicare e dice: «Non mi sento di dare un giudizio sulle escort. Mi dispiace solo vedere che i giornali parlino tanto di vizi privati e meno di chi il lavoro di attrice lo fa seriamente, studiando e impegnandosi».
SalaPasolini - 19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
Nina è una ballerina del New York City Ballet che sogna il ruolo della vita e un amore che spezzi l'incantesimo di un'adolescenza mai finita. Incalzata da una made frustrata, si sottopone a un allenamento estenuante sotto lo sguardo esigente di Thomas Leroy. Coreografo appassionato e deciso a farne una fulgida stella, Leroy le assegna la parte della protagonista nella sua versione rinnovata del "Lago dei cigni".
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier
Il dottor Anton opera in un campo profughi in Sudan, ma riesce a tornare a casa, nella monotonia di una tranquilla cittadina danese.
Il suo matrimonio con la moglie Marianne, medico anche lei, è in crisi. Il loro unico figlio, Elias, è un adolescente vittima dei bulli della sua scuola. L'unico che lo aiuta e gli offre la sua amicizia è Christian, un compagno di classe che vive con il padre Claus, da poco rimasto vedovo. Trascinerà Elias in un mondo a lui sconosciuto e pericoloso.

Sabato 26 marzo 2011
SalaGrande - 18.00-20.00-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
SalaPasolini - 17.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimiliano Bruno
SalaPasolini - 19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier
Cinema Zancanaro Sacile – 19.15-21.30 IL DISCORSO DEL RE di Tom Hooper
Hooper si concentra sul vissuto interno del protagonista, rivelando le conseguenze emotive del disagio nel parlato ai tempi della radio e in assenza del visivo. Il discorso del re non si limita però a drammatizzare la stagione di vita più rilevante del nobile York e relaziona un profilo biografico di verità con un contesto storico drammatico e dentro l'Europa dei totalitarismi, prossima alle intemperanze strumentali e propagandistiche di Adolf Hitler. Non sfugge al re sensibile di Colin Firth e alla regia colta di Hooper l'abile oratoria del Führer, che intuì precocemente le strategie di negoziazione tra ascoltatore e (s)oggetto sonoro, il primo impegnato nel tentativo di ricostruire l'immagine della voce priva di corpo, il secondo istituendo un rapporto di credibilità se non addirittura di fede con la voce dall'altoparlante. Bertie, incoronato Giorgio VI, doveva ricucire dentro di sé il filo interrotto della relazione con l'altro, affrontando il suo popolo dietro al microfono e l'immaginario radiofonico. Fu un illuminato e poco allineato logopedista australiano a correggere il “mal di voce” di un re che voleva imporsi al silenzio. A guadagnare la fluenza e a prendersi la parola è il ‘regale' protagonista di Colin Firth, impeccabile nell'articolare legato, solenne nella riproposta plastico-fisica del suo sovrano e appropriato nell'interpretazione di un re che ‘ingessa' emozioni e corporeità nel rispetto rigoroso della disciplina. Dietro al ‘re' c'è l'incanto eccentrico di Geoffrey Rush, portatore di una “luccicanza” che brilla, rivelando la bellezza della musica (Shine) o quella di un uomo finalmente libero dalla paura di comunicare. Lunga vita al re (e al suo garbato precettore dell'eloquio). 4 Oscar 2011 vinti: miglior film, regia, sceneggiatura, attore protaginista.

Domenica 27 marzo 2011
SalaGrande – 16.00-18.00-20.00-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
SalaPasolini - 15.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimliano Bruno
SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaTotò - 14.30-16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier
Cinema Zancanaro Sacile – 17.00-19.15-21.30 IL DISCORSO DEL RE di Tom Hooper
Hooper si concentra sul vissuto interno del protagonista, rivelando le conseguenze emotive del disagio nel parlato ai tempi della radio e in assenza del visivo. Il discorso del re non si limita però a drammatizzare la stagione di vita più rilevante del nobile York e relaziona un profilo biografico di verità con un contesto storico drammatico e dentro l'Europa dei totalitarismi, prossima alle intemperanze strumentali e propagandistiche di Adolf Hitler. Non sfugge al re sensibile di Colin Firth e alla regia colta di Hooper l'abile oratoria del Führer, che intuì precocemente le strategie di negoziazione tra ascoltatore e (s)oggetto sonoro, il primo impegnato nel tentativo di ricostruire l'immagine della voce priva di corpo, il secondo istituendo un rapporto di credibilità se non addirittura di fede con la voce dall'altoparlante. Bertie, incoronato Giorgio VI, doveva ricucire dentro di sé il filo interrotto della relazione con l'altro, affrontando il suo popolo dietro al microfono e l'immaginario radiofonico. Fu un illuminato e poco allineato logopedista australiano a correggere il “mal di voce” di un re che voleva imporsi al silenzio. A guadagnare la fluenza e a prendersi la parola è il ‘regale' protagonista di Colin Firth, impeccabile nell'articolare legato, solenne nella riproposta plastico-fisica del suo sovrano e appropriato nell'interpretazione di un re che ‘ingessa' emozioni e corporeità nel rispetto rigoroso della disciplina. Dietro al ‘re' c'è l'incanto eccentrico di Geoffrey Rush, portatore di una “luccicanza” che brilla, rivelando la bellezza della musica (Shine) o quella di un uomo finalmente libero dalla paura di comunicare. Lunga vita al re (e al suo garbato precettore dell'eloquio). 4 Oscar 2011 vinti: miglior film, regia, sceneggiatura, attore protaginista.

Lunedì 28 marzo 2011
SalaGrande – 20.00-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
SalaPasolini - 17.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimliano Bruno
SalaPasolini - 19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier

Martedì 29 marzo 2011
SalaGrande – 20.00-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
SalaPasolini - 17.30-19.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaPasolini - 21.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimliano Bruno
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier

Mercoledì 30 marzo 2011
SalaGrande – 20.00-22.00 SILVIO FOREVER di Roberto Faenza e Filippo Macelloni
SalaPasolini - 17.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimliano Bruno
SalaPasolini - 19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier

Giovedì 31 marzo 2011
SalaGrande – riposo
SalaPasolini - 17.30 NESSUNO MI PUò GIUDICARE di Massimiliano Bruno
SalaPasolini - 19.30-21.30 IL CIGNO NERO di Darren Aronofsky
SalaTotò - 16.45-19.00-21.15 IN UN MONDO MIGLIORE di Susanne Bier.

INFO/FONTE: Ufficio Stampa Cinemazero Pordenone

Leggi le Ultime Notizie >>>