Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Victor Vasarely - Grande mostra del Maestro della Optical Art a Parigi
Centre Pompidou
Parigi
Dal 06/02/19
al 06/05/19
Victor Vasarely
Inaugurazione mostra "Inside the Abstract" di Renato De Marco
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 16/02/19
al 31/03/19
scultura legno e ferro
Aldo Famà. Lo stato dell’arte
Palazzo Costanzi - Sala "U. Veruda"
Trieste
Dal 16/02/19
al 11/03/19
Aldo Famà, "Canto d'amore", 2002 - olio su tela

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
www.saporiproloco.it Sapori Pro Loco
Passariano di Codroipo (UD)
Dal 11/05/19
al 19/05/19

 

Cultura > Incontri > 17 Gennaio 2007

Bookmark and Share

Quattro convegni per parlare di storia e dell’esodo

di Claudio Bisiani

Parenzo (Istria)

Trieste (TS) - Da gennaio a marzo, presso la sala convegni “don Francesco Bonifacio” dell’Associazione delle Comunità Istriane in via Belpoggio 29, si svolgerà un ciclo di quattro convegni per tracciare un itinerario di informazione sull’esilio degli italiani d’Istria, Fiume e Dalmazia. Il primo appuntamento dal titolo “La situazione in Istria, a Fiume e in Dalmazia alla fine della Seconda Guerra Mondiale” si terrà venerdì 19 gennaio alle ore 16. Interverranno Raul Pupo (per un quadro storico), Stelio spadaio (per gli aspetti politici), Fausto Biloslavo (per l’attualizzazione dei fatti), Marisa Brugna (con una testimonianza personale), don Antonio Canziani (per la persecuzione religiosa) e Marianna Deganutti (per l’eredità della memoria). I tre successivi incontri – che avranno luogo il 23 febbraio, il 9 e 23 marzo sempre alle ore 16 in via Belpoggio – tratteranno i seguenti temi: “L’impronta culturale latino veneta, il periodo asburgico e l’unione all’Italia”, “Fra le due guerre, le occupazioni, le rappresaglie i crimini e l’abbandono”, “Il dopoguerra, i campi profughi, l’assistenza, l’associazionismo e le nuove prospettive europee”.
Il ciclo di convegni intende inquadrare il dramma dell’esodo dei giuliano-dalmati soprattutto da un punto di vista storico, partendo “dai luoghi d’origine alle nuove prospettive dell’integrazione europea, passando attraverso le motivazioni dell’esodo, l’assistenza, la nascita e la vita delle associazioni, senza trascurare la realtà di chi rimase”.

Leggi le Ultime Notizie >>>