Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 27 Dicembre 2006

Bookmark and Share

Si inaugura la nuova sede della Scuola del Vedere

insegna della Scuola del Vedere di Bruno Chersicla

Trieste (TS) - Giovedì 28 dicembre, alle ore 18.00, verrà inaugurata la nuova sede dell’Accademia Belle Arti-Scuola del Vedere di Trieste. Sita in un’antica palazzina risalente alla metà dell’Ottocento all’incrocio tra viale III Armata (un tempo via Massimiliana in onore dell’arciduca d'Asburgo) e via Ciamician (detta via degli Armeni), l’Accademia è oggi diretta e coordinata da Donatella Surian.
Posta quasi a picco sul mare, in sintonia con i versi di Umberto Saba appartenenti alla lirica intitolata “Dall’erta”, che fino a qualche decina di anni fa erano inscritti sulla facciata della casa, la nuova sede dell’Accademia sarà inaugurata da un evento multimediale ideato dall’architetto Marianna Accerboni, che ruota – compendiando arte visiva, musica e luce – sulla straordinaria vena creativa di Bruno Chersicla, il più significativo degli artisti triestini viventi, attivo da anni in Lombardia. Già ampiamente noto in Italia e all’estero per i “ritratti della mente”, realizzati per importanti personaggi del mondo culturale europeo, in cui il sottile intuito psicologico s’intreccia a un’originale talento espressivo e a una fine manualità appresa all’Istituto Statale d’Arte “Nordio” di Trieste, e famoso per il più grande graffito del mondo realizzato nel 2000 nel capoluogo giuliano in piazza Unità d’Italia, Chersicla ha creato per la nuova sede dell’Accademia due opere che ne simbolizzano l’anima e l’attività: uno stendardo di grandi dimensioni, dipinto a colori acrilici su carta, che sintetizza le diverse discipline insegnate nella Scuola da artisti/insegnanti di chiara fama, e un disegno a inchiostro e acquerello che, serigrafato su cristallo, ne è divenuto l’insegna. Verrà esposto anche il ritratto dedicato dall’artista al critico e pittore Luigi Danelutti, che fondò la Scuola del Vedere a Trieste nel 1988 sull’esempio della Schule des Sehens, diretta a Salisburgo da Oskar Kokoschka, maestro dello stesso Danelutti.
L’atmosfera della via Ciamician, ove un tempo passavano spesso Umberto Saba, Giorgio Voghera e lungo la quale oggi talvolta sale Claudio Magris, insieme alla storia dell’Accademia (in cui s’insegnano disegno, pittura, scultura, ritratto, nudo, scenografia, costumistica, progettazione di eventi, grafica pubblicitaria, fumetto, fotografia, studio del colore, acquerello, laboratori per giovanissimi, conversazioni d’arte e filosofia) saranno visualizzate da un racconto di luce ideato da Marianna Accerboni, che dal ’95 lavora sul tema della luce in Italia e all’estero, mentre un concerto jazz d’eccezione verrà eseguito all’interno della Scuola e diffuso nella pubblica via dal musicista Mario Clema al pianoforte con la partecipazione straordinaria di Bruno Chersicla al contrabbasso.
Al piano superiore dell’Accademia sarà visitabile fino al 20 gennaio 2007 (con orario 17.00- 19.00) la mostra degli insegnanti storici della Scuola: Marianna Accerboni, Raffaella Busdon, Furio de Denaro, Claudio Feruglio e Roberto Tigelli.
L’evento si svolge con il sostegno di Generali, Banca Popolare di Cividale e Sandalj Trading Company s.p.a. e con la collaborazione del signor Mario Cerne della Libreria Antiquaria “Umberto Saba” di Trieste.

Leggi le Ultime Notizie >>>