Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia”
Duino Aurisina (Trieste)
Dal 11/11/19
al 25/11/19
Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia&r
Concerti Aperitivo: 24 novembre 2019, Gorizia, Le dame, i cavalier, l’arme e gli amori
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 24/11/19
Gruppo Corale Ars Musica
Otto donne e un mistero: un parterre di grandi attrici a Gradisca d'Isonzo
Nuovo teatro comunale di Gradisca d'Isonzo
Gradisca d'Isonzo
Il 26/11/19
8 donne e un mistero

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Incontri > 26 Novembre 2010

Bookmark and Share

L’arciduca Karl d'Asburgo Lorena ricevuto ieri in Municipio

Un momento dell'incontro (foto: Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Trieste (TS) - Il sindaco Roberto Dipiazza ha ricevuto ieri pomeriggio in Municipio l’arciduca Karl d'Asburgo Lorena, Capo della Casa d’Austria, che era accompagnato da una delegazione dell’Ordine Europeo di San Giorgio con la quale sta compiendo un viaggio di informazione e contatti nei Paesi dell’ex Monarchia danubiana.

All’Arciduca Karl – che è figlio di Otto d’Asburgo e quindi nipote di Carlo I, ultimo Imperatore d’Austria-Ungheria – il sindaco Dipiazza ha illustrato le principali caratteristiche attuali della nostra Città e i buoni risultati amministrativi recentemente conseguiti, con i primati per la qualità della vita e la solidità del bilancio comunale, nonché le prospettive future, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo delle istituzioni scientifiche e del turismo (in questo caso con diretto riferimento alla firma di ieri della concessione per il recupero del Porto Vecchio).

Dipiazza ha anche ricordato all’illustre ospite le opere di abbellimento recentemente svolte in città, sottolineando in particolare in quest’occasione il restauro di piazza Venezia con la ricollocazione nel suo sito originario del bel monumento all’Arciduca Massimiliano.

Attenzione anche al progressivo abbassarsi di tutti i confini in quest’area dell’Europa che fu dell’ex Impero, “per il prosieguo del quale – ha detto il sindaco Dipiazza – dobbiamo ora operare per un sollecito ingresso anche della Croazia nell’Unione Europea”.

L’arciduca Karl dal canto suo - che tra l’altro è giunto a Trieste proprio provenendo da Zagabria dove si è incontrato con il Presidente della Repubblica Josipovic - si è vivamente congratulato per lo spirito di apertura al mondo che Trieste sta dimostrando proprio con la folta e qualificata presenza delle istituzioni scientifiche internazionali, “ma mantenendo nel contempo – ha detto – continuità e consapevolezza dei valori essenziali della sua cultura”; ha illustrato quindi come lo stesso spirito sia alla base anche dell’Ordine Europeo di San Giorgio da lui guidato.

“Un Ordine cavalleresco che affonda le sue radici nel Medioevo – ha spiegato il giovane Arciduca – ma che oggi, non intendendo svolgere una mera funzione “decorativa”, si impegna invece proprio sul doppio filone del rispetto di valori storici da tramandare, da un lato; e dall’altro, accanto alle azioni umanitarie, dello sforzo per una maggiore apertura tra i popoli e per la cooperazione reciproca, pur in un quadro di sicurezza europea.”

All’arciduca Karl, che era affiancato dal Cancelliere dell’Ordine Europeo di San Giorgio barone Norbert van Handel e dal “Komtur” (Capo della Commenda) Gunther Nebel, il sindaco Dipiazza ha donato lo Stemma rosso-alabardato della Città e il tradizionale bel volume di stampe storiche “Panorama di Trieste” dalla Collezione Davia. Era presente all’incontro anche il presidente dell’Unione degli Istriani Massimiliano Lacota, nell’ambito dei consolidati rapporti tra il sodalizio e diverse istituzioni dell’Europa Centrale e austriache in particolare.

INFO/FONTE: COMTS - FS (Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Leggi le Ultime Notizie >>>