Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 03 Novembre 2010

Bookmark and Share

In esclusiva per Pordenone a Cinemazero c'è "Potiche - la bella statuina" di François Ozon

Potiche - la bella statuina (locandina film)

Pordenone (PN) - In esclusiva per Pordenone a Cinemazero c'è "Potiche - la bella statuina". Il regista François Ozon riesce brillantemente nell’impresa di ricongiungere in un film la coppia di attori Catherine Deneuve - Gérard Depardieu e in questa nuova commedia racconta una storia di emancipazione femminile e fa i conti con un personaggio che reclama il suo posto.

Catherine Deneuve, algida femme fatale e specchio del desiderio maschile ieri, diventa negli anni Settanta ricreati da Ozon una donna che si fa carico del proprio destino e della propria storia. Costretta in una gabbia dorata da un marito fedifrago, Suzanne da oggetto ornamentale diventa soggetto divorante, capace di muovere i fili di una deflagrazione e “seppellire” (in casa) un marito incapace di arginarla.

La storia è ambientata in un paesino della provincia nel 1977. Suzanne Pujol (Catherine Deneuve) è la moglie paziente e un po’ naif di un ricco industriale ultrareazionario (Fabrice Luchini) che a causa di un infarto si vede costretto ad affidarle le redini della fabbrica di famiglia nel bel mezzo di una rivolta operaia. La donna abituata a vestire i panni della bella statuina (potiche significa questo), incoraggiata da un figlio sognatore e da una figlia che le rimprovera di essere troppo remissiva, raccoglie la sfida e con l’aiuto del sindaco comunista (Gerard Depardieu) si lancia con entusiasmo in un’avventura che finirà per lasciare tutti a bocca aperta, pubblico compreso.

C’è di tutto nel cocktail: meschinità borghesi, ipocrisie proletarie, sogni rivoluzionari, lotta di classe, guerra dei sessi, emancipazione, femminismo, adulterio e addirittura un potenziale incesto. Ma c’è soprattutto Catherine Deneuve che senza paura offre un’interpretazione sopra le righe e molto comica che tiene a bada la trasformazione acrobatica del personaggio dosando allegra malizia e sconcertante innocenza e tocca vertici cult in una coreografia disco con Gerard Depardieu che da sola varrebbe il prezzo del biglietto. maledettamente divertente e acuto, ci sono molti motivi per apprezzare questo delizioso Potiche. Che innanzitutto fa bene quel che una commedia dal carattere comico e a tratti grottesco deve saper fare: utilizzare bene lo stereotipo.

---------------------

Di seguito le proiezioni settimanali a Cinemazero.

- Venerdì 5 novembre:

SalaGrande – 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon
Suzanne è la moglie borghese e casalinga di un facoltoso industriale, sgradevole in famiglia e impopolare presso i suoi operai. Sequestrato durante uno sciopero dai suoi esacerbati dipendenti, Robert Pujol viene rilasciato grazie all'intercessione della moglie e all'intervento di Babin, deputato comunista e vecchio amante di Suzanne. Liberato ma infartato, Robert è costretto al ricovero e ad affidare l'azienda e la responsabilità di negoziare coi sindacati alla sua svagata consorte. Dietro la scrivania e con sorpresa di tutti, Suzanne si rivela capace di corrispondere le rivendicazioni operaie e di rilanciare l'attività aziendale.

SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero
Alberto (Bisio), responsabile dell'ufficio postale di una cittadina della Brianza, sotto pressione della moglie Silvia (Finocchiaro), è disposto a tutto pur di ottenere il trasferimento a Milano. Anche fingersi invalido per salire in graduatoria. Ma il trucchetto non funziona e per punizione viene trasferito in un paesino della Campania, il che per un abitante del nord equivale a un vero e proprio incubo. Rivestito di pregiudizi, Alberto parte da solo alla volta di quella che ritiene la terra della camorra, dei rifiuti per le strade e dei “terroni” scansafatiche. Con sua immensa sorpresa, Alberto scoprirà invece ...

SalaTotò - 17.00-19.00-21.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini
Una vita tranquilla ruota attorno alla storia di un uomo - interpretato da Servillo, appunto - che abbandona la sua terra per fuggire dal suo passato. Servillo è, infatti, un ristoratore originario del Sud Italia perfettamente integrato in Germania dove con la giovane famiglia dirige un prosperoso ristorante-albergo vicino Francoforte. Ha cambiato identità, mantiene un basso profilo, parla un impeccabile tedesco e nulla lascia trasparire delle sue origini. Finché un giorno il passato non riappare, assai pesante, sotto le sembianze del figlio Diego, dimenticato e in fuga anche lui da qualcosa. ALLE 21.00 INCONTRO CON IL REGISTA.


- Sabato 6 novembre:

SalaGrande – 18.00-20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon

SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero

SalaTotò - 17.00 MAMMUTH di Benoit Delepine

Mammuth, così soprannominato dal nome della moto degli anni '70 che non usa più da tempo, va in pensione a 60 anni. Ha lavorato da quando ne aveva 16 e l'ultimo datore di lavoro (in un mattatoio) gli riconosce di non aver mai fatto un giorno di assenza. Ora Mammuth non sa come trascorrere le giornate ma una soluzione gli
arriva dalla ricostruzione dei contributi pensionistici. Nel passato l'uomo ha lavorato in diversi luoghi e molti si sono ‘dimenticati' di versare il dovuto. Mammuth sale allora sulla moto e parte alla ricerca di documenti ripercorrendo cosi le strade della sua gioventù. Accompagnato però da un fantasma.

SalaTotò - 19.00-21.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini


- Domenica 7 novembre:

SalaGrande – 16.00- 18.00- 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon

SalaPasolini - 15.30-17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero

SalaTotò - 15.00-21.00 MAMMUTH di Benoit Delepine

SalaTotò - 17.00-19.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini


- Lunedì 8 novembre:

SalaGrande – 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon

SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero

SalaTotò - 17.00 MAMMUTH di Benoit Delepine

SalaTotò - 19.00-21.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini


- Martedì 9 novembre:

SalaGrande – 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon

SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero

SalaTotò - 17.00 MAMMUTH di Benoit Delepine

SalaTotò - 19.00-21.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini


- Mercoledì 10 novembre:

SalaGrande – 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon

SalaPasolini - 17.30-19.30-21.30 BENVENUTI AL SUD di Luca Miniero

SalaTotò - 17.00 MAMMUTH di Benoit Delepine

SalaTotò - 19.00-21.00 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini


- Giovedì 11 novembre:

SalaGrande - riposo

SalaPasolini - 16.45-18.45 UNA VITA TRANQUILLA di Claudio Cupellini

SalaPasolini - 20.45 SOLO ANDATA IL VIAGGIO DI UN TUAREG di Fabio Caramaschi

RASSEGNA "GLI OCCHI DELL'AFRICA". Un divertentissimo viaggio in taxi-brousse da Dakar a Saint-Louis durante il quale i passeggeri, cantando, raccontano se stessi. A bordo troviamo: Souki, diretta al funerale del padre che non ha mai conosciuto; Malick, che desidera salutare la fidanzata in partenza per l’Italia; Madame Barry, proprietaria di un elegante negozio da parrucchiere, desiderosa di rivedere i figli dopo molti anni; Joséphine e Binette, due francesi le cui vacanze in Senegal volgono al termine. Il tragitto è lungo, la calura intensa e le strade trafficate. In un’alternanza di sequenze musicali corredate da riprese molto realistiche, la regista ci offre uno sguardo sull’Africa pieno di freschezza, firmando un musical allegro e ottimista.

SalaTotò– 20.00-22.00 POTICHE - LA BELLA STATUINA di Francois Ozon.

INFO/FONTE:
Cinemazero/Ufficio Stampa
www.cinemazero.it

Leggi le Ultime Notizie >>>