Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 28 Settembre 2010

Oltre 600 bambini delle scuole primarie protagonisti della 3ª edizione del progetto “Liberi Tutti”

“Liberi tutti_Diritto Equo e Solidale”

Gorizia (GO) - Dal 1° novembre al 21 dicembre 2010, oltre 600 bambini delle scuole primarie dell’isontino saranno i protagonisti della terza edizione di “Liberi Tutti”, il progetto di educazione alla Pace e ai diritti umani, promosso dalla Provincia di Gorizia, ideato e realizzato dalla Cooperativa Damatrà, col contributo di Coop Consumatori Nordest.

“Liberi tutti_Diritto Equo e Solidale”, titolo di questa terza annualità, accompagnerà i bambini, a partire dal novembre prossimo, in una riflessione maieutica sui temi del mercato equo e solidale, un’altra via possibile per il consumo, in cui dar voce e consapevolezza al ruolo propositivo dell’infanzia all’interno della società civile.

«La scelta di continuare l’esperienza di "Liberi tutti" - spiega Mara Fabro della Cooperativa Damatrà - che è nata nel 2007 in forma sperimentale, nasce dalla piena soddisfazione riscontrata nelle edizioni precedenti dai docenti, formatori ed amministratori. Continuare i laboratori di cittadinanza significa continuare a riflettere con i bambini sul tema del futuro e sulla possibilità di costruire con gli adulti di domani una cultura della scelta e della consapevolezza. Proveremo a parlare ai bambini della responsabilità che implica l’azione del consumo nella convinzione che non si può essere consumatori consapevoli senza crescere nel ruolo di cittadini».

Parlare di consumo responsabile e solidale, delle relazioni che intercorrono tra il mondo dei consumi e quello delle relazioni sociali, aprendosi a una dimensione globale e ponendosi le giuste domande a livello locale, con un’attenzione particolare all’educazione, non è sicuramente facile. Per questo il primo passo è stato quello di accomunare metodologie pedagogiche e spunti di riflessione in un percorso di formazione iniziale le scuole e gli attori coinvolti, con il contributo di esperti da anni impegnati su questi temi, come la dott.ssa Cosolo Marangon del Centro psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti di Piacenza, la dott.ssa Manuela Daniel di Coop Consumatori Nordest e Emanuela Gaggioli di Equomondo.

Dal prossimo mese, per cercare di spiegare la differenza tra il mercato e il mercato equo solidale, gli operatori Damatrà entreranno nelle classi e realizzeranno dei laboratori maieutici partendo dal ragionamento sui prodotti alimentari, quali protagonisti dei consumi quotidiani e spesso emozionali dei bambini (il cioccolato ad esempio). Attraverso la narrazione, la manipolazione e l’espressione creativa, considerati canali privilegiati attraverso cui dare voce ai pensieri di ognuno, si darà forma alla “storia degli alimenti”. Ragionando sui luoghi di provenienza, sulle modalità di produzione e di commercializzazione si arriverà ad introdurre il rapporto tra consumo, responsabilità e solidarietà che sono i caratteri distintivi del commercio equo.

A conclusione dei percorsi, le parole, le immagini e i pensieri dei piccoli cittadini saranno raccolti in un ricettario “equo e solidale” che sarà regalato ai bambini e alle famiglie, e presentato successivamente in un incontro pubblico, potendo così contribuire ad una diffusione di una cultura solidale e consapevole.
Gettare le basi di una r“Liberi tutti_Diritto Equo e Solidale”ete scuola-famiglia-territorio diviene così un altro degli obiettivi fondamentali di questi percorso, nella convinzione che crescere in una giusta dimensione di cittadinanza e responsabilità civile con uno sguardo sempre rivolto al mondo intero richiede l’impegno di tutti, dei bambini dei genitori, di chi ci amministra e di chi ci educa.

INFO/FONTE: www.damatra.com

Leggi le Ultime Notizie >>>