Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Alla Biblioteca statale Isontina le fotografie di Mauro Mikulin
Gorizia
Dal 14/11/19
al 29/11/19
La locandine
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
OMAGGIO AL “RINASCIMENTO DI PORDENONE” IN MUSICA, NEL TEMPO DI LEONARDO E ISABELLA D’ESTE
Museo civico d'arte Palazzo Ricchieri
Pordenone
Il 09/11/19
Barocco_Europeo_Contrarco Consort

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Notizie > Incontri > 12 Settembre 2010

Bookmark and Share

Giovani e lavoro: a "pordenonelegge.it" ne parlano Oliviero Toscani, Pierluigi Celli e Pietro Ichino

OLIVIERO TOSCANI

Pordenone (PN) - Le esigenze del nuovo lavoro, la crisi economica mondiale e la necessità di offrire finalmente risposte e prospettive ai giovani – a partire, magari, dalle emergenti potenzialità dei ‘green jobs’ - sono al centro di un importante percorso che l’11ª edizione di pordenonelegge, la Festa del Libro con gli Autori, curata da Gian Mario Villalta (direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet, ha voluto dedicare a questi temi di stringente attualità. Con l’apporto di relatori di primissimo piano, chiamati al confronto, alla riflessione e soprattutto ad offrire indicazioni di percorsi praticabili.

Si parte mercoledì 15 settembre, alle 18.30 (Palazzo Montereale Mantica) con”Lavoro e creatività”, l’incontro che vedrà protagonisti il fotografo e ‘comunicatore’ Oliviero Toscani e Renzo Di Renzo, direttore creativo di Fabrica e della Fondazione Buziol. "Il conformismo è il peggior nemico della creatività. Chiunque sia incapace di prendersi dei rischi non può essere creativo": è questa una celebre frase di Oliviero Toscani, il più creativo e scioccante fotografo italiano.

Le sue foto sono spesso diventate parte della memoria visiva collettiva di un periodo. Tutti quelli che sono cresciuti negli anni Ottanta e Novanta ancora ricordano il bacio trasgressivo scambiato tra una suora e un prete. L’immagine della ragazza anoressica per Nolita, ripropone oggi lo stesso effetto dirompente, la stessa fortissima rappresentazione della realtà. Toscani è fotografo e comunicatore. Un innovatore che ha costruito un nuovo concetto di immagine e continua a farlo, e può mettere a disposizione dei giovani la sua enorme esperienza. A "pordenonelegge", stimolato dalle domande di Renzo di Renzo, Toscani racconterà la sua irripetibile storia di creativo.

Ai ‘green jobs’, ovvero alla trasformazione verde dei modi di progettare, consumare, produrre e smaltire - strategia fondamentale per superare la crisi economica ed ecologica che stiamo attraversando – è dedicato invece il dialogo che vedrà protagonisti gli esperti Marco Gisotti e Maurizio Pallante, coordinati da Mario Porqueddu (giovedì 16 settembre, ore 18.30 - Convento di San Francesco). Energie rinnovabili, edilizia, trasporti, agricoltura, turismo, produzioni alimentari, comunicazione, finanza, gestione dei rifiuti e sicurezza del territorio: l’elenco è lunghissimo, e dimostra che la green economy interessa ogni comparto produttivo, generando nuovi posti di lavoro e consentendo la riqualificazione di molti di quei profili che non trovano più spazio nel mercato dell’occupazione.

Di “Valore lavoro”, nell’incontro condotto dal giornalista Giuseppe Ragogna, tratterà invece l’economista Pietro Ichino (giovedì 16 settembre, ore 21 - Convento di San Francesco), da sempre impegnato su questo tema. Il 24 agosto 2006, dalle colonne del "Corriere della Sera", Pietro Ichino lanciava una proposta che scuoteva il mondo politico e sindacale: "Perché, mentre si discute di tagli dolorosi alla spesa pubblica per risanare i conti dello Stato, nessuno propone di cominciare a tagliare l'odiosa rendita parassitaria dei nullafacenti?" Con quella sana polemica è nata la possibilità di intravedere un futuro che abolisca i privilegi e proponga una idea di lavoro adatta ai tempi che cambiano. Oggi il lavoro è a una svolta. Sta cambiando, nei processi economici, molto rapidamente. Nuove figure professionali sempre più precarie si sostituiscono al lavoro come era conosciuto dalle generazioni precedenti, mentre la disoccupazione aumenta e le normative arrancano sui cambiamenti dei tempi…

Quarta tappa di questo focus su "Giovani e lavoro" sarà l’incontro con sociologo Pierluigi Celli, intervistato dal manager Alessandro Garofalo. “Come si maneggia il mondo. I giovani e il lavoro”, in programma sabato 18 settembre (ore 11, Palaprovincia Largo San Giorgio), sarà una conversazione dedicata al modo in cui i giovani oggi affrontano il loro futuro: spesso contro la retorica corrente su flessibilità, società liquida e crisi delle identità, e piuttosto nel segno di un'idea di famiglia, di impegno per gli altri, di responsabilità generali e condivise. Perché flessibili possono essere le esperienze, ma non i valori di fondo. La meglio gioventù di oggi è distante anni luce da quella che sognava rivoluzioni e assalti al cielo. La vittoria del mercato e l'avanzare della globalizzazione rendono semmai più attenti alla ricerca della felicità, nel regno del possibile e del fattibile. Se un motto si dovesse immaginare, per questi ventenni, è che "l'incertezza rende saggi".

"pordenonelegge.itPIERLUIGI CELLI" è un’iniziativa promossa dalla Camera di Commercio I.A.A. di Pordenone attraverso la propria Azienda Speciale ConCentro e sostenuta da Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Pordenone, Comune di Pordenone, Fondazione CRUP, Pordenone Fiere, Banca Popolare FriulAdria e Cinemazero.

INFO: www.pordenonelegge.it






Leggi le Ultime Notizie >>>