Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 08 Settembre 2010

Bookmark and Share

Rai: drastica riduzione dell'informazione nei nuovi palinsesti. L'Usigrai pronta allo sciopero

Rai - logo

Trieste (TS) - Una riduzione dell'informazione regionale, e non solo, di fronte la quale l'Usigrai è pronta allo sciopero. "Da lunedì 13 - dichiara l'esecutivo del sindacato giornalisti Rai, federato alla Fnsi - con la partenza dei nuovi palinsesti, scompare la terza edizione dei telegiornali regionali. E' questo il segnale più grande della riduzione degli spazi informativi nel servizio pubblico: l'informazione regionale chiude alle 20, il Tg1 perde l'edizione della mezza sera, il Tg2 avrà 80 minuti in meno a settimana, mentre Rai News, ancora attende un rilancio più volte annunciato. Una perdita secca per i telespettatori e un ridimensionamento del servizio pubblico".

"Di fronte a questa situazione l'Usigrai ha annunciato uno sciopero di tutte le redazioni regionali e la convocazione dell'assemblea nazionale dei Comitati di Redazione. Inaccettabile è il metodo dell'azienda che, da un lato, ha presentato un piano industriale definito dallo stesso direttore generale un 'cantiere aperto', sul quale però mai ci siamo confrontati; dall'altro prende singole decisioni al di fuori di un disegno complessivo sull'informazione".

"L'Usigrai da tempo chiede un confronto serio per affrontare anche i gravi problemi di bilancio della Rai. Il direttore generale Masi ci dimostri con un segnale forte di essere in grado di governare la piu' importante azienda culturale del Paese. Non vogliamo una Rai che navighi a vista. Chiediamo un progetto organico e serio, in grado di dare un futuro alla Rai".

INFO/FONTE: Associazione della Stampa del Friuli Venezia Giulia

Leggi le Ultime Notizie >>>