Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

MEDEA 50: PIER PAOLO PASOLINI, MARIA CALLAS E GRADO
ex Cinema Cristallo
Grado
Dal 15/06/19
al 28/07/19
manifesto
GLI “ANNIVERSARI” AL CENTRO DELLA NUOVA EDIZIONE DI “A TAVOLA CON…” DEL PICCOLO TEATRO DI SACILE
varie
SACILE, POLCENIGO
Dal 15/06/19
al 29/06/19
banchetto rinascimentale
Musica per il pubblico di Femmes 1900
Pordenone
Dal 22/06/19
al 23/06/19
femmes 1900

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Arte > 18 Luglio 2006

Bookmark and Share

Estate al Museo Revoltella

di I.O.

Trieste (TS) - L’estate al Revoltella è ricca di avvenimenti: il 15 luglio è stata inaugurata la mostra personale di Giorgio Valvassori intitolata “Mosca Bianca” a cura del critico Walter Guadagnini.
L’esposizione che proseguirà fino al 3 settembre presenta alcuni disegni inediti, installazioni e un intervento artistico sulla facciata di palazzo Revoltella. Attraverso la mostra sono rintracciabili alcuni tratti essenziali del lavoro di Valvassori: l’essenzialità delle forme, il rapporto con la materia, la relazione che lega l’opera dell’artista allo spazio e al pubblico.
Contemporaneamente il museo ospita fino al 24 settembre anche la mostra delle opere donate al Museo Revoltella e alla Biblioteca Civica della città provenienti dalla collezione Gruber Benco.
Tra i quadri esposti figura una preziosa serie di ritratti eseguiti da Carlo Sbisà , Gino Parin e Bruno Croatto.
Inoltre la galleria d'arte moderna del museo si presenta al pubblico rinnovata grazie ad un nuovo allestimento.
Nell'anno dedicato alle celebrazioni del centenario della nascita di Carlo Scarpa si è voluto rendere omaggio al grande architetto con una nuova disposizione delle opere in modo da valorizzare il progetto elaborato da Scarpa per il museo triestino.
Il nuovo allestimento della collezione permanente è stato realizzato sfruttando al massimo l’illuminazione naturale voluta dall’architetto attraverso le grandi vetrate, i lucernai e le finestre. La nuova disposizione offre al pubblico una migliore visibilità delle opere e dei vari momenti storici grazie ad nuovo percorso che si snoda per temi attraverso i quattro piani della galleria d’arte del capoluogo giuliano.

Leggi le Ultime Notizie >>>