Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 29 Settembre 2005

Bookmark and Share

I maestri della fotografia a Miramare

di I.O.

Henri Cartier-Bresson courtesy Magnum/Contrasto

Trieste (TS) - Venti grandi maestri della fotografia presentano la loro personale visione del Bel Paese attraverso dieci differenti soggetti: è questo il tema di “Italia. Doppie visioni” la mostra inaugurata oggi nei suggestivi spazi delle Scuderie del Castello di Miramare. Il percorso espositivo racconta attraverso 112 fotografie tra ingrandimenti, vintage e stampe recenti, la storia dell’Italia e dei suoi luoghi. Per ciascun tema due artisti, diversi per nazionalità, generazione e tecnica, sono chiamati di volta in volta a confronto. Una doppia visione quindi, e un doppio punto di vista. Un dialogo per immagini che vede vicini Henri Cartier-Bresson e Mario Giacomelli, Paul Strand e Gianni Berengo Gardin, William Klein e Mario Carrieri, Raymond Dépardon e Carla Cerati, Ernst Haas e Luca Campigotto, Herbert List e Mimmo Jodice, Sebastião Salgado e Giorgia Fiorio, Roger Ressmeyer e Antonio Biasiucci, Joel Sternfeld e Gabriele Basilico, Martin Parr e Massimo Vitali.
La mostra, organizzata a Trieste dall’Associazione Goffredo de Banfield, è realizzata in collaborazione con Contrasto e la Maison Européenne de la Photographie di Parigi. L'esposizione, visitabile dal 30 settembre al 6 novembre 2005, potrebbe essere una delle ultime mostre di questo genere ospitate presso le Scuderie del Castello di Miramare dato che questi spazi accoglieranno probabilmente in futuro la raccolta di arte antica ospitata adesso a palazzo Economo e che comprende opere di Tintoretto, Cranach e Bernini. L’esposizione di Miramare è curata da Giovanna Calvenzi ed è accompagnata da un catalogo contenente saggi di Francesca Sanvitale e Peter Schneider. Per ulteriori informazioni telefonore al numero 040-224195.

Leggi le Ultime Notizie >>>