Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 25 Febbraio 2010

Bookmark and Share

L'assessore Elio De Anna ospite a Cinemazero della proiezione di "Invictus" di Clint Eastwood

"Invictus" di Clint Eastwood - locandina film

Pordenone (PN) - L’assessore regionale allo sport del FVG Elio De Anna, ex giocatore della nazionale italiana di rugby, porterà il suo saluto venerdì 26 febbraio a Cinemazero in SalaGrande, alla proiezione delle ore 22 della nuova fatica cinematografica di Clint Eastwood, “Invictus”, il film che racconta la storia della nazionale di rugby sudafricana in un periodo delicato del post-apartheid. De Anna porterà una testimonianza, ricordando la sua personale esperienza come capitano della nazionale italiana di rugby e le sue partite giocate proprio contro la squadra del Sudafrica.

L’attuale formazione sudafricana, del resto, lo scorso 21 novembre è stata ospite proprio in FVG, affrontando la nazionale italiana in occasione del Cariparma Test Match di rugby allo stadio Friuli di Udine. E proprio venerdì 26 febbraio, prima dell’incontro a Cinemazero, l’assessore De Anna sarà a Roma per consegnare nelle mani dell'ambasciatore sudafricano un volume fotografico nel quale sono stati inseriti i migliori scatti realizzati prima, durante e dopo quell'incontro, che ha riscosso un grande successo di pubblico.

Nel film “Invictus”, Clint Eastwood, nuovamente nei panni di regista, ci trasporta nel mondo di Nelson Mandela, una storia in cui lo sport, il rugby in questo caso, diventa strumento importante contro le discriminazioni dell’apartheid. Mandela (interpretato da un bravissimo Morgan Freeman) è il presidente eletto del Sud Africa. Il suo intento primario è quello di avviare un processo di riconciliazione nazionale.

Per far ciò si deve scontrare con forti resistenze sia dalla parte dei bianchi che da quella dei neri. Ma Madiba, come lo chiamano rispettosamente i suoi più stretti collaboratori, non intende demordere. C'è uno sport molto diffuso nel Paese: il rugby, e c'è una squadra, gli Springboks, che catalizza l'attenzione di tutti, sia che si interessino di sport sia che non se ne occupino. Perché gli Springboks, squadra formata da tutti bianchi con un solo giocatore nero, sono uno dei simboli dell'apartheid.

Mandela decide di puntare proprio su di loro in vista dei Mondiali di rugby che si stanno per giocare in Sudafrica nel 1995. Il suo punto di riferimento per riuscire nell'operazione di riunire la Nazione intorno alla squadra è il suo capitano François Pienaar, un uomo che non dimentica di essere diventato un segno di divl’assessore regionale allo sport del FVG Elio De Annaisione, ma che non teme di mutare atteggiamento. Due uomini, due squadre (gli Springboks e il ristretto staff presidenziale) e due ‘popoli' che compiono un primo, importante passo per iniziare a divenire una Nazione nel pieno e moderno senso del termine.

Il film è in programmazione a Cinemazero a partire dal 26 febbraio.

INFO: www.cinemazero.it

Leggi le Ultime Notizie >>>