Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

MEDEA 50: PIER PAOLO PASOLINI, MARIA CALLAS E GRADO
ex Cinema Cristallo
Grado
Dal 15/06/19
al 28/07/19
manifesto
GLI “ANNIVERSARI” AL CENTRO DELLA NUOVA EDIZIONE DI “A TAVOLA CON…” DEL PICCOLO TEATRO DI SACILE
varie
SACILE, POLCENIGO
Dal 15/06/19
al 29/06/19
banchetto rinascimentale
Musica per il pubblico di Femmes 1900
Pordenone
Dal 22/06/19
al 23/06/19
femmes 1900

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Arte > 25 Luglio 2006

Bookmark and Share

Where Are We Going? - Venezia, Palazzo Grassi

Damien Hirst

() - La nuova stagione di Palazzo Grassi è stata inaugurata con la mostra “Where Are We Going?” opere scelte dalla Collezione François Pinault (fino al 1 ottobre 2006). Curata da Alison M. Gingeras, la mostra propone opere dal dopoguerra in poi e comprende varie correnti artistiche come la Scuola di New York e l’Astrattismo Europeo, l’Arte Povera, il Minimalismo, il Post Minimalismo e la Pop Art, oltre a esponenti delle più recenti rivisitazioni Pop. Tra gli artisti in mostra nomi prestigiosi come Andy Warhol, Jeff Koons, Cindy Sherman, Alighiero Boetti, Carl Andre, Luciano Fabro, Donald Judd, Lucio Fontana, Damien Hirst.
La mostra prende spunto dalla celebre domanda formulata da Paul Gauguin all’alba del Modernismo, riproposta nel 2000 da Damien Hirst per il titolo di una sua scultura. “Where are we going?” trova ora una nuovo significato: la natura evocativa e provocatoria delle opere esposte propongono una riflessione sulla condizione umana, sulla cultura contemporanea e sul futuro del mondo in cui viviamo.
Palazzo Grassi, sede della mostra, appare agli occhi del pubblico completamente rinnovato grazie al restauro dell’architetto Tadao Ando. L’intervento, che ha riguardato gli interni dell’edificio settecentesco, attraverso elementi stilistici minimalisti mette in luce i pregi della struttura originaria.

Leggi le Ultime Notizie >>>