Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 13 Luglio 2006

Bookmark and Share

Gli Erbari, capolavori di conoscenza ed arte

Gli Erbari

() - Cervignano del Friuli (UD) - Villa Chiozza di Scodovacca di Cervignano del Friuli, all’interno di un secolare e maestoso
parco naturale di 28 ettari, ospita la mostra “Capolavori di conoscenza ed arte. Gli erbari fra storia, agricoltura e medicina”.
La mostra vuole approfondire le problematiche legate all’evoluzione funzionale e didattica della comunicazione botanica tra Rinascimento ed Illuminismo, periodo che, dopo la scoperta
della stampa, vide il nascere in Europa di un’innumerevole quantità di opere descrittive e figurative del regno vegetale.
Con lo svilupparsi delle grandi esplorazioni geografiche e sulla spinta di committenti sempre più colti ed esigenti in fatto di novità-rarità, il risultato fu un vero e proprio florilegio sia di erbari, vanto e decoro delle biblioteche, sia dei giardini medico-naturalistici, ornamento di ville e città. La botanica, studiata all’inizio per gli aspetti medici, si trovò pressata, poi, da quelli naturalistici ed estetici: dalla visione quattrocentesca, descrittiva e poco decorativa
perché mirata all’esclusivo uso salutare, si passò ad apprezzare le piante per la bellezza delle forme e lo splendore dei fiori.
Nel periodo in questione, un vero e proprio Rinascimento Botanico, fu pubblicato un elevato numero di erbari figurati. Botanici di ogni nazionalità cercarono di rendere l’immagine sempre più rispondente al vero, ricorrendo all’aiuto di veri e propri artisti per quanto riguarda il disegno, l’incisione e l’acquarellatura delle tavole.
La mostra, con l’esposizione di rare opere, tra le quali spicca per importanza l’Hortus Eystettensis di Basilius Besler, cercherà di mettere in evidenza proprio la dinamica del sapere naturalistico-scientifico, che è stata una tappa fondamentale per giungere alla scienza moderna. Mettendo in risalto anche il lato artistico, sarà un’occasione di confronto tra culture di epoche e di Paesi diversi. E’ rivolta al grande pubblico (ma anche agli addetti ai lavori) per
la preziosità e la rarità del materiale esposto, comprendente incunaboli e documenti botanici antichi, collezioni botaniche pluriregionali. Attraverso l’esposizione-presentazione di erbari del XVI-XVIII secolo, la mostra affronterà aspetti bibliologici, filologici, iconologici, tassonomici, ecc. ed avrà un particolare riferimento agli usi terapeutici delle piante. Vuole rappresentare, in definitiva, uno spaccato tra sapere medievale e scienza moderna, tra cultura classica e scienza sperimentale, tra rappresentazione arcaica e rinascimento artistico.
Alla fine del percorso della mostra, accanto al bookshop, una tisaneria, dove è possibile gustare le tisane Aboca, offre al visitatore un piacevole punto di ristoro.
L'esposizione rimarrà aperta fino al 20 agosto 2006.

Leggi le Ultime Notizie >>>