Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 29 Gennaio 2010

Bookmark and Share

Ipasvi Trieste: approvato il bilancio 2009 e i programmi 2010. Nuovo incontro il 2 febbraio

Ipasvi Trieste - logo

Trieste (TS) - L’Assemblea generale di Ipasvi Trieste, il collegio al quale sono iscritti oltre 2100 infermieri professionali, assistenti e vigilatrici d’infanzia della provincia, ha approvato giovedì 28 gennaio, all’unanimità, il bilancio 2009 e il programma di attività 2010 presentato dal presidente Flavio Paoletti. E’ stata invece aggiornata a martedì 2 febbraio la seconda parte della riunione, che investirà la discussione sui temi al centro delle priorità 2010 di Ipasvi, che puntano, spiega Flavio Paoletti, a «coinvolgere gli infermieri ai tavoli di politica e programmazione sanitaria, a livello regionale e nazionale, nonché alla stabilizzazione di una serie di progetti a medio lungo termine, innovativi e spesso unici in Italia».

Fra gli obiettivi del collegio rientrano senz’altro la promozione del ruolo infermieristico a difesa dei diritti di assistenza dei cittadini, della non istituzionalizzazione e di un’assistenza olistica ed integrata a domicilio delle persone; l’apertura dei confini professionali al contesto europeo per condividere programmi, modalità operative, competenze e stimolare gli scambi professionali con Inghilterra, Spagna, Slovenia e Croazia; il consolidamento della collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’università di Trieste per progettare formazione a distanza aperta ai professionisti italiani ed europei; il ruolo attivo del presidente come Consulente Tecnico d’Ufficio per il Tribunale di Trieste in caso di controversie che riguardano l’operato professionale degli infermieri; un forte pressing per aumentare i posti disponibili per la laurea in infermieristica, garantendo quindi la copertura numerica del turnover con infermieri italiani, e riequilibrando il numero di infermieri stranieri presenti in alcuni reparti (anche 85%); la partecipazione al tavolo interenti (ass1-comune-provincia-consulta disabili-televita) dell’associazione Triesteabile, per promuovere la cultura delle diverse abilità e l’integrazione del disabile che diventa risorsa per la comunità.

Ottimi riscontri, nella mattinata di giovedì, per il Convegno promosso da Ipasvi sul tema “Professionisti e volontariato: l’integrazione e le buone pratiche a tutela dei diritti dei cittadini”, un’iniziativa che si inserisce in un percorso formativo fra Collegio Ipasvi, Associazioni, Aziende. Ipasvi dal 2009 ha concretamente coinvolto anche i cittadini, inserendo rappresentanti di associazioni nel Consiglio Direttivo, per condividere e approfondire le proposte e le istanze di politica sanitaria.

L’incontro rientra dunque in un progetto promosso da Ipasvi per potenziare il percorso di integrazione tra professionisti, volontariato e terzo settore, per garantire e tutelare i diritti dei cittadini nella fase di salute e malattia, sfruttando al massimo le reti sinergiche.

Info: www.ipasvitrieste.it

Leggi le Ultime Notizie >>>