Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 19 Gennaio 2010

"Passion Godard”: a Cinemazero e al Visionario si proietta “Nouvelle Vague” con Alain Delon

scena da “Nouvelle Vague”

Pordenoene - Udine (--) - Continua a Pordenone e Udine, con uno dei film del periodo più recente della produzione del cineasta francese Jean-Luc Godard, la retrospettiva "Passion Godard: il cinema (non) è il cinema", curata da Roberto Turigliatto e organizzata da C.E.C., Centro Espressioni Cinematografiche, Cinemazero e La Cineteca del Friuli. Mercoledì 20 gennaio, ore 20.45, a Cinemazero di Pordenone e giovedì 21 gennaio, sempre alle 20.45, al Visionario di Udine, in programma la proiezione di “Nouvelle Vague”, film presentato al Festival di Cannes nel 1990 e impreziosito dalla splendida interpretazione di Alain Delon. A Udine le proiezioni dei film saranno introdotte da Luca Censabella.

In “Nouvelle Vague”, una contessa italiana, energica donna d'affari, raccoglie uno sconosciuto sulla strada, lo porta nella sua magnifica villa, lo nutre, lo veste, ne diviene l'amante. Lui la lascia fare, dolorosamente passivo. Sul lago in motoscafo lei lo butta in acqua lasciandolo annegare. Nella magnifica villa si presenta un uomo eguale al primo, ma di opposto carattere. Diventa l'amante della padrona, prende in mano la direzione della casa e degli affari. Lei, dolorosamente passiva, lo lascia fare. Un giorno in motoscafo, lui la butta in mare, ma la salva.

Il contenuto del film è elementare, ma quantomai efficace per trattare l’amore, tema-chiave godardiano, nelle sue connessioni interne con altri elementi, quali la pietà, il potere, la sottomissione. L'obiettivo di Godard è quello di realizzare immagini che non siano fini a se stesse, ma che veicolino significati più profondi. L'assillo di Godard è di restituire all'immagine filmica la profondità e l'ambiguità delle origini, di farne non il fine, ma il mezzo della comunicazione per trasmettere qualcosa che è al di là: le idee, i concetti. Il film è arricchito da innumerevoli citazioni, tra dialoghi, musica e voce fuori campo, alcune anche in latino: da Aristotele alla Divina Commedia, da Nietzsche a Schiller a Dostoevskij.

La proiezione di “Nouvelle Vague” sarà seguita dal cortometraggio “De l’origine du XXIème siècle”, del 2000, commissionato a Godard dal Festival di Cannes per inaugurare la prima edizione del nuovo secolo e del nuovo millennio. Accade così che nell’atmosfera solenne di una serata di gala, dopo i discorsi convenzionali di un ministro (Jospin) e un cineasta alla moda (Besson), appaiono sullo schermo le vere identità del secolo appena concluso, quel Novecento scandito dalla morte di massa, dalla pornografia, dalla violenza: i piedi piagati dalle catene dei deportati della Shoa che arrancano faticosamente, sequenze di corpi scarnificati, tumefatti e deformati dalla fame e dallo strazio…
I film sono in versione originale con sottotitoli italiani.

A Udine, grazie all’accordo con Erdisu, gli studenti universitari hanno diritto all’ingresso gratuito, previa presentazione del libretto universitario.

--------------------------

LO SGUARDO DEI MAESTRI – XII EDIZIONE è una iniziativa: Centro Espressioni Cinematografiche – C.E.C., Cinemazero, La Cineteca del Friuli, Cineteca di Bologna, Regione Emilia - Romagna/Assessorato alla cultura, Angelica Festival, Università degli StudJean-Luc Godardi di Trieste, Università degli Studi di Udine. Con il supporto di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale Cinema, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Pordenone, Comune di Pordenone, Comune di Udine, FONDAZIONE CRUP/Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone.

INFO:
Cinemazero
www.cinemazero.org/

Leggi le Ultime Notizie >>>