Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Arte > 07 Giugno 2006

Bookmark and Share

Paolo Borghi - Opere Recenti

Paolo Borghi in mostra alla galleria Planetario di Trieste

Trieste (TS) - La galleria Planetario compie trent'anni e li festeggia con una serie di eventi di grande spessore.
Questa volta sono di scena le opere recenti dello scultore comasco Paolo Borghi.

Paolo Borghi ha saputo ottenere un largo consenso come artista figurativo, realizzando opere monumentali in spazi prestigiosi in Italia e nel mondo. Ne sono esempio significativi i busti di urbanisti per il ministero dei Lavori Pubblici a Roma, le sculture monumentali al Mola Center di Los Angeles, il monumentale ”Apollo e Dafne” di ascendenza berniniana al “Crescent Building” di Dallas, il portale in bronzo di 24 mq per la chiesa di S. Francesco di Paola (Cosenza).
Per non dimenticare la “Nike” con cui nel 1992 ha vinto il concorso per una statua monumentale per lo stadio Nereo Rocco di Trieste.

Instancabile lavoratore, Paolo Borghi reincarna, sia nelle tematiche che nelle tecniche, lo splendore della scultura classica – sempre presente come background culturale della nostra civiltà, al di là di ogni dirompente avanguardia – rievocandone i miti. Con lui rivivono la bellezza dei volti che trascendono il reale, la potenza tornita dei corpi atletici, il sottile panneggio aderente alle forme che rimanda a Fidia, la tecnica dello stacciato di Donatello, come nei racconti agiografici in bronzo del Portale di S. Francesco di Paola. Impiega i materiali nobili della tradizione, marmo e bronzo, ma anche la terracotta policroma, con predilezione per il blu oltremare ed il rosso fiammeggiante. La composizione strutturale delle sue invenzioni, ad arditi incastri e sovrapposizioni, il quoziente simbolico di cui sono investite, rivelano tuttavia l’ineluttabile modernità della sua cultura.

Nella nuova personale alla Galleria Planetario l'artista presenta al pubblico triestino opere in bronzo, marmo e terracotta che rappresentano la sua ultima produzione creativa.

La mostra sarà supportata da un esaustivo catalogo che ripercorre l’estesa attività dell’artista, con contributi critici di Alessandro Riva e Giorgio Cortenova e sarà visitabile dal 23 giugno al 25 luglio 2006.

Per informazioni: www.galleriaplanetario.it

Leggi le Ultime Notizie >>>