Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 14 Ottobre 2009

Bookmark and Share

Il Premio giornalistico Marco Luchetta partecipa alla Giornata nazionale dell’Informazione

i vincitori del Premio Luchetta 2009

Roma (--) - Anche quest’anno il Premio giornalistico Marco Luchetta partecipa alla Giornata nazionale dell’Informazione, in programma venerdì 16 ottobre, nel Salone dei Corazzieri del Palazzo del Quirinale, dalle 11. Promotori, giuria e vincitori del Premio Luchetta saranno dunque ricevuti dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, per l’annuale appuntamento che riunisce una ristretta cerchia di eventi legati al mondo dell’informazione, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Alla cerimonia saranno presenti i vincitori del Premio Luchetta 2009, per la televisione, la carta stampata e le migliori immagini: Nico Piro del TG3 Rai, Attilio Bolzoni del quotidiano La Repubblica, e ci sarà anche Gaetano Nicois premio Ota per le immagini televisive. Non potrà essere presente la giornalista inglese Catherine Philp, premio Dario D’Angelo.

Un riconoscimento che esprime con evidenza i rischi e al tempo stesso le forti motivazioni che sorreggono la professione di inviato: «una lunga corrispondenza da latitudini rischiose può iniziare anche per caso – spiega Catherine Philp, impegnata ora sul fronte dello Sri Lanka, dopo la dura esperienza africana – Quando arrivammo nello Zimbabwe con Richard , fotografo della mia testata, dovevamo fermarci una decina di giorni al massimo, viste le condizioni di pericolo. Invece la situazione precipitò, e non ci rimase altra scelta che restare. Era la prima volta che lavoravo sotto copertura, e sentivo tutto il peso di stare in un Paese dove i giornalisti stranieri sono banditi. Lavorare sotto copertura rende complicati anche gli aspetti normali del lavoro: non puoi parlare con la gente per strada o tirar fuori il tuo notebook. Siamo stati sul punto di essere catturati due volte, quando ci siamo avvicinati ai campi di ‘rieducazione’ dove la gente veniva torturata per evitare che spalleggiassero gli oppositori del regime di Mugabe. Ci ha salvato solo la guida esperta di Richard».

La giuria del Premio Luchetta 2009, presieduta da Angela Buttiglione, è composta dal direttore di Sky TG24 Emilio Carelli, dai direttori del Piccolo, Paolo Possamai, del Messaggero Veneto Andrea Filippi e del Primorski Dnevnik Dusan Udovic, dal vicedirettore del TG1 Fabrizio Ferragni, dal vicedirettore del TG2 Marcello Masi, dal vicedirettore del TG3 Onofrio Dispenza, dal vicedirettore del TG5 Mediaset Toni Capuozzo, dal corrispondente Rai da Mosca Sergio Canciani, da Pino Aprile e dall’editorialista Fulvio Molinari.

Al Quirinale, con la delegazione del Premio Luchetta sarà presente anche il direttore di Raiuno Mauro Mazza, nelle scorse edizioni componente della giuria. Di particolare rilievo inoltre, nel pomeriggio di venerdì, la presentazione che sarà dedicata alla Fondazione Luchetta-Ota-D’Angelo-Hrovatin per i bambini vittime della guerra: nella Sala degli Atti Parlamentari del Senato, dalle 17 è in programma l’incontro promosso dall’Associazione Triestini e Goriziani in Roma, con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Per l’occasione saranno illustrati da Enzo Angiolini, presidente della Fondazione, l’attività e gli obiettivi raggiunti in questi primi quindici anni di vita.

Attraverso il Premio Luchetta, promosso dall’omonima Fondazione con la Rai e dedicato alle “prime linee” dell’informazione in Italia e nel mondo, un filo rosso congiunge centinaia di corrispondenze che, dall’Europa e dall’Asia, dal Medio Oriente, dalle Americhe e dal continente africano, raccontano di guerre e scontri etnici, di un’umanità spesso invisibile e silenziosa. E sempre più spesso questi reportage diventano il diario dell’infanzia violata in tutto il mondo: proprio come si proponevano di fare, nel 1994 a Mostar, i giornalisti triestini Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D’Angelo della troupe Rai Fvg, impegnati nella realizzazione di uPremio Luchetta 2009 in piazza Unitàno speciale per il TG1, con l’obiettivo di candidare al premio Nobel per la pace i bambini vittime della guerra balcanica.

Dal 2004 ad oggi sono circa un migliaio i servizi e reportage pervenuti alla giuria del Premio Luchetta: sarà presto on line il bando per l’edizione 2010.

INFO:
www.premioluchetta.it
www.fondazioneluchetta.org

Leggi le Ultime Notizie >>>