Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia”
Duino Aurisina (Trieste)
Dal 11/11/19
al 25/11/19
Festival del Libro della Grande Guerra nell’ambito di “Vini appuntamento con la storia&r
Concerti Aperitivo: 24 novembre 2019, Gorizia, Le dame, i cavalier, l’arme e gli amori
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 24/11/19
Gruppo Corale Ars Musica
Otto donne e un mistero: un parterre di grandi attrici a Gradisca d'Isonzo
Nuovo teatro comunale di Gradisca d'Isonzo
Gradisca d'Isonzo
Il 26/11/19
8 donne e un mistero

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Cultura > Arte > 24 Giugno 2019

Bookmark and Share

Mostra fotografica di Riccardo Zipoli "Confini di passaggio. Trenta fotografie"

Riccardo Zipoli

Lignano (UD) - E' in corso presso la Biblioteca Comunale di Lignano sarà visitabile la mostra fotografica “Confini di passaggio. Trenta fotografie (1972-2017)”, che raccoglie immagini realizzate da Riccardo Zipoli in 30 Paesi: Argentina, Brasile, Canada, Cile, Croazia, Cuba, Equador, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Groenlandia, Iran, Irlanda, Italia, Lettonia, Libia, Marocco, Messico, Mongolia, Oman, Russia, Scozia, Slovacchia, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Tunisia, USA, Yemen.

La mostra sarà visitabile fino al 20 luglio, da lunedì a venerdì dalle 14.30 alle 22.30 e sabato dalle 9.30 alle 19. Le fotografie sono state scelte dall’artista mirando a offrire un quadro rappresentativo dei soggetti e dei modi operativi seguiti nel corso degli anni, ma ponendo anche cura a mostrare, di ogni Paese, un tratto che a lui è parso distintivo. «Mi sono ritrovato a svolgere l’attività di fotografo quasi senza accorgermene – spiega Zipoli - La mia formazione in campo fotografico è infatti coincisa con quella di iranista: ho realizzato i primi scatti stimolato dal desiderio di raffigurare quel bellissimo Paese, poi la situazione è andata evolvendosi.

I modelli paesaggistici dell’Iran hanno perduto il loro primato originale e il mio modo di fotografare ha cambiato prospettiva. Ho iniziato a esercitare una maggiore inventiva nei confronti non solo dei soggetti ma anche delle tecniche di ripresa, di elaborazione e di stampa».

Leggi le Ultime Notizie >>>