Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 12 Febbraio 2009

Bookmark and Share

Presentato alla libreria Minerva il volume “Dall’Impero austro-ungarico alle foibe”

di p. rad.

“Dall’Impero austro-ungarico alle foibe - Conflitti nell’area alto-adriatica” (Bollati Boringhieri)

Trieste (TS) - Nel pomeriggio di mercoledì 11 febbraio, presso la sala di lettura della libreria “Minerva” in via San Nicolò 20 a Trieste, è stato presentato in anteprima il libro “Dall’Impero austro-ungarico alle foibe - Conflitti nell’area alto-adriatica” (editore Bollati Boringhieri, Torino, 2009, 24 euro).

Non tutto il pubblico accorso ha potuto assistere all’incontro, in quanto la saletta, contenente 55 persone, si è presto riempita. Alcuni pertanto hanno dovuto desistere.
A illustrare genesi, motivazioni e contenuti del volume sono stati tre relatori: Patrick Karlsen e Fabio Todero, entrambi dell’“Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli - Venezia Giulia” (IRSML FVG), e Roberto Spazzali, della “Deputazione di storia patria per la Venezia Giulia”.

Il libro nasce dal corso di formazione per insegnanti sulla storia del confine orientale svoltosi a Torino nell’ottobre 2005. Raccoglie 15 saggi, derivanti dalle lezioni allora tenute dai vari docenti.

Nell’ordine sono: “Radici dei conflitti nazionali nell’area alto-adriatica”, di Marta Verginella; “I movimenti nazionali in Istria e Dalmazia e la politicizzazione delle appartenenze”, di Vanni D’Alessio; “La Grande Guerra nella Venezia Giulia 1914-1918: un caso emblematico”, di Fabio Todero; “Gli spostamenti di popolazione nell’Europa centrale e nei Balcani tra il primo e il secondo dopoguerra”, di Enzo Collotti; “Il fascismo al confine orientale”, di Anna Maria Vinci; “Le occupazioni italiane nei Balcani”, di Enzo Collotti; “L’8 settembre 1943 nella Venezia Giulia e le violenze in Istria”, di Franco Cecotti; “Litorale Adriatico e Risiera di San Sabba”, di Enzo Collotti; “Resistenza italiana e movimento di liberazione sloveno e croato nella Venezia Giulia”, di Gian Carlo Bertuzzi; “Il movimento di liberazione sloveno nella Venezia Giulia”, di Nevenka Troha; “Il nuovo confine tra Italia e Jugoslavia”, “Foibe” e “L’esodo dei giuliano-dalmati”, di Raoul Pupo; “L’inserimento degli esuli giuliano-dalmati in Italia”, di Enrico Miletto; “Profughi e profuganze: note sullo status giuridico dei profughi dal confine orientale”, di Alessandra Algostino.

Al centro del libro si trovano diverse cartine che tracciano i principali mutamenti statuali e confinari, nonché i trasferimenti forzati di popolazione avvenuti sia nell’Adriatico orientale che nell’Europa centro-orientale tra il 1809 e il secondo dopoguerra. Sono inoltre pubblicate alcune fotografie significative risalenti al 1940-1945.

In appendice al volume è pubblicata la relazione finale della commissione storico-culturale mista istituita negli anni ’90 del secolo scorso dai governi di Italia e Slovenia per indagare sui rapporti fra i due popoli dal 1880 al 1956.

Il testo, per ora disponibile solo alla “Minerva”, si troverà dalla prossima settimana anche nelle altre librerie cittadine.

Leggi le Ultime Notizie >>>