Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Arte > 27 Gennaio 2009

Prorogata fino al 3 maggio la mostra "Medioevo a Trieste. Istituzioni, arte, società nel Trecento"

la Basilica forense romana in piazza della Cattedrale

Trieste (TS) - A seguito dello straordinario successo di pubblico, su iniziativa del Comune di Trieste (Assessorato alla Cultura-Direzione Area Cultura), dei Civici Musei di Storia ed Arte e del Servizio Bibliotecario Urbano, la mostra “Medioevo a Trieste. Istituzioni, arte, società nel Trecento” - allestita presso il Civico Museo del Castello di San Giusto in piazza della Cattedrale 3 - è stata prorogata fino a domenica 3 maggio.

Intento di questa esposizione è quello di riportare alla conoscenza dei triestini e del pubblico più vasto come sussistano ancora le tracce di un periodo, quello medievale, che è stato di cruciale importanza per la città e che, in un certo senso, ha posto le basi del successivo sviluppo sette-ottocentesco. Questa esposizione di taglio storico sul periodo medievale a Trieste, mai tentata prima, vuole offrire una panoramica della vita nella Trieste del ’300 attraverso le più diverse tipologie di testimonianze: il Medioevo è rievocato non soltanto sul piano artistico, attraverso dipinti su tavola a fondo oro e manoscritti riccamente miniati, pregevoli sculture e raffinate oreficerie liturgiche, ma anche nei suoi aspetti sociali, di amministrazione cittadina e vita quotidiana.

In mostra oggetti normalmente noti solo agli studiosi come i registri di carta con gli appunti dei notai cittadini, le lettere tra familiari che discutono di problemi di vita quotidiana, i resoconti dei processi e delle liti giudiziarie, i piccoli codici con le registrazioni delle candele offerte alla Cattedrale. Attraverso le diverse sezioni della mostra è possibile conoscere la fisionomia del paesaggio urbano, la dislocazione degli insediamenti nel contado, il profilo di un’economia agricola intensamente orientata verso la risorsa vinicola.

Viene illustrata la struttura del Comune, con le varie magistrature che la componevano e le leggi che lo governavano. Gli Statuti comunali impreziositi da magnifici capilettera, i documenti della vita quotidiana – testamenti, patti dotali, contratti di locazione –, le cause civili e penali, i documenti espressi dalla Chiesa, le monete in circolazione all’epoca e il vasellame in ceramica, posti a dialogare fra loro, offrono un panorama a 360° della vita in una città medievale.
Dal 26 gennaio non saranno comunque più visitabili gli oggetti sacri tardo-medievali della cattedrale di San Giusto finora esposti: l'alabarda di San Sergio, tre crocifissi e una saliera.

Proseguono, infine, le consuete visite guidate gratuite ogni sabato alle ore 15.00 ed ogni domenica alle ore 11.00, a cura di Giorgio Potocco. I partecipanti alla visita guidata usufruiranno dell’ingresso alla mostra al prezzo ridotto di € 3,50.

Visite guidate per gruppi e classi scolastiche, negli orari di apertura della mostra, sono prenotabili telefonando al numero 040-6754480 il lunedì dalle 9.00 alle 13.00 e il mercoledì dalle 13.00 alle 17.00, o inviando un fax al numero 040-6754727 o scrivendo all’indirizzo e-mail: serviziodidattico@comune.trieste.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>