Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 07 Maggio 2018

Bookmark and Share

Oltre mille presenze alla prima edizione del "Fake News Festival" di Udine

Foto Ufficio Stampa Fake News Festival - Udine

Udine (UD) - Grande partecipazione al Fake News Festival che, con cinquanta ospiti e venti appuntamenti, ha segnato più di mille presenze in quattro giorni. È stata la prima manifestazione ideata a Udine da un gruppo di universitari, gli studenti di Giurisprudenza di Elsa - The European Law Students’ Association - con il curatore Gabriele Franco, presidente della sezione friulana dell’associazione.

Dall’Isis ai bitcoin, dall’ambiente all’alimentazione, dalla medicina all’immigrazione, dalla satira al paranormale, il fenomeno delle notizie false, filo conduttore di tutti gli incontri, è stato trattato in modo globale e con un approccio attuale, coinvolgendo ospiti d’eccezione tra i quali, Lercio, Massimo Polidoro, David Puente, Claudio Locatelli, l’on. Cecile Kyenge e molti altri ancora.

Il festival ha appassionato, con grande soddisfazione, persone di ogni età - dai più piccoli agli adulti – forse proprio grazie alla giovane età degli organizzatori.

Nella quattro-giorni udinese firmata Elsa Udine, gli appuntamenti si sono susseguiti uno dopo l’altro in un fitto programma.

La poliedrica kermesse si è aperta giovedì 3 maggio con Francesca Capodanno, Francesco Cosatti e Rolando Favella, protagonisti di “Quando il giornalismo va nel pallone”, incontro in università dedicato a bufale e calciomercato. È proseguita poi sul tema dell’Isis a teatro San Giorgio – gremito – con Claudio Locatelli, il giornalista combattente.

Il festival è continuato nella giornata di venerdì 4 maggio, al polo economico-giuridico dell’Università degli studi di Udine, con un evento sulla fenomenologia delle fake news e due workshop, il primo dedicato alle zone di guerra con Locatelli e Paul Moreira, giornalista e documentarista francese, via Skype; il secondo con Andrea Romoli e Claudio Melchior sulle fake news in pratica. A chiudere la seconda giornata di manifestazione, l’evento “Scafisti, interessi economici e Ong. Immigrazione, a cosa credere?” con ospiti l’on. Cecile Kyenge, Guglielmo Micucci, direttore generale di Amref Italia, David Puente, noto cacciatore di bufale e Luanda de Francisco, giornalista professionista e la proiezione del cortometraggio sulle bufale 2.0 e le organizzazioni non governative “David Troll”.

La giornata di sabato 5 maggio è stata densa di incontri. È iniziata dal mattino con l’evento dedicato alle scuole superiori all’auditorium Zanon, con Simone Bressan, Davide Dal Maso, Gianluca Liva, Annalisa Marini e Alessandro Vacca, entrambi della Polizia Postale, moderati da Max Andreetta.

Masterchef Federico Francesco Ferrero, il giornalista del Messaggero Veneto Gabriele Giuga e lo chef Marco Talamini si sono confrontati sul tema dell’alimentazione e ha fatto seguito uno Show Cooking a cura dell’I.S.I.S. B. Stringher. Di medicina si è parlato invece in centro città al bar Contarena, con Alessandro Conte e Pierpaolo Janes, moderati dalla giornalista TgR Rai Marinella Chirico. Due le presentazioni di libri nel pomeriggio: alla Libreria Ubik “La strategia della persuasione - Comunicazione e media nell’era della post verità” con Gianpaolo Carbonetto e i due autori Claudio Melchior e Andrea Romoli; alla Feltrinelli, con il caporedattore centrale del Messaggero Veneto Paolo Mosanghini, Gabriela Jacomella e il suo libro “Il falso e il vero - Fake news: che cosa sono, chi ci guadagna, come evitarle”. Sempre in centro, alla sala del Popolo a Palazzo D’Aronco, le sfide del nuovo giornalismo e la politica con i giornalisti Stefano Mentana, Andrew Spannaus e Giovanni Zagni, moderati dal giornalista del Messaggero Veneto Mattia Pertoldi. In chiusura di giornata, con Nicola Angeli al Caffè dei libri, il debunker David Puente.

Con Rosaria Greco e Davide Paolino, Lercio, il sito satirico più famoso d’Italia, è sbarcato per la prima volta a Udine, domenica 6 maggio, con il giornalista Gian Paolo Polesini al Caffè dei Libri. La relazione fra fake news e ambiente, è il tema trattato da Eugenio Fogli, Rocco Lobianco - attivisti di Sea Shepherd – e Leopoldo Coen, nell’evento “Notizie inquinanti – Quando la cattiva informazione avvelena l’ambiente”, evento patrocinato da Sea Shepherd e da Legambiente. L’imprenditore Diego Di Tommaso e Paolo Ermano, docente di economia internazionale all’università di Udine hanno invece affrontato l’argomento bitcoin ed economia al Lino’s & Co. Al Città Fiera, uno dei massimi esperti italiani di paranormale, nonché presenza fissa a Superquark, Massimo Polidoro, intervistato dalla giornalista scientifica Fernanda Marchiol sulla psicologia delle bufale e metodo scientifico come strumento di difesa.

In chiusura del Fake News Festival l’evento “Quando le bufale toccano il portafoglio – vademecum per consumatori” in Camera di Commercio, con l’’economista Enea Franza e Barbara Puschiasis, avvocato in materia di tutela dei consumatori, moderati dal giornalista del Messaggero Veneto Maurizio Cescon, ha fornito indicazioni utili in caso di falsa informazione che danneggia i consumatori.

Questa prima edizione del Fake News Festival è stata realizzata con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Camera di Commercio di Udine e ha ricevuto il patrocinio dalla Regione, dalla Provincia e dal Comune di Udine; dall'Università degli studi di Udine; dall'Ordine dei giornalisti regionale; dall'Amref Health Africa Italia Onlus; dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri; dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori; da Lega ambiente regionale; da Sea Shepherd; da Consumatori attivi; dal Comitato stop the war -Udine for Syria e da Unicorn trainers club.

Gli organizzatori ringraziano per il supporto la Banca di Udine - Credito cooperativo e per la collaborazione Messaggero Veneto; Messaggero Veneto Scuola; Dipartimento di scienze giuridiche Uniud; vicino/lontano; Mimesis edizioni; Liceo scientifico Marinelli; Homepage festival; Sconfinare e il Caffè dei libri. Il main sponsor del Fake News Festival è stato Despar e gli sponsor tecnici: Gruppo Ferri, Pezzetta, Vigneti Pittaro, Delta Askii. Event sponsor invece, il Centro commerciale Città fiera, Lignano in fiore onlus, Lino's & Co e Askii Brainery.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Fake News Festival - Udine

Leggi le Ultime Notizie >>>