Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 27 Marzo 2018

Bookmark and Share

Al Museo Revoltella si presenta il volume “Bel vedere. Percorsi nella fotografia di paesaggio”

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Mercoledì 28 marzo alle ore 17.00, nell’Auditorium del Museo Revoltella di Trieste, si svolgerà la presentazione del volume “Bel vedere. Percorsi nella fotografia di paesaggio” che raccoglie gli atti del convegno e il catalogo della mostra omonima promossa dalla Rete delle fototeche e degli archivi fotografici del FVG. Intervengono Rita Auriemma, Claudia Colecchia, Roberto Del Grande, Claudio Emè e Alvaro Petricig. Presenta Pietro Spirito.

Il paesaggio è da sempre uno dei soggetti privilegiati della sperimentazione fotografica. Grazie agli approfondimenti di storici della fotografia, focus su specifici fondi d’archivio, interventi di fotografi e autori che hanno studiato e interpretato il paesaggio, il libro propone una riflessione sul ruolo della rappresentazione per immagini dei luoghi nella nostra società. L’analisi coinvolge le fotografie belle, meno belle, iconiche, stereotipate, dimenticate, storiche, manipolate, popolari, autoriali, ironiche, scelte dagli archivi aderenti alla Rete regionale delle fototeche e degli archivi fotografici del Friuli Venezia Giulia.

"Bel vedere. Percorsi nella fotografia di paesaggio" è una riflessione sulla rappresentazione del paesaggio in fotografia con i contributi di Roberta Valtorta, Antonello Frongia, Roberto Del Grande, Claudio Ernè, Claudia Colecchia, i saggi fotografici di Pierfrancesco Celada, Filippo Minelli, Andrea Pertoldeo, e molti spunti fotografici provenienti dagli archivi della Rete.
Il libro è edito e distributo da FORUM.

La “Rete regionale delle fototeche e degli archivi fotografici” nasce dalla volontà di consolidare i rapporti tra le diverse realtà operanti in Friuli Venezia Giulia sui temi che riguardano la conservazione, la catalogazione, la valorizzazione e la promozione dei beni fotografici regionali. Una comunione d’intenti sottoscritta da diversi enti con un protocollo d'intesa presentato nel dicembre del 2016.

La “Rete” opera con metodologie di concertazione permanente, finalizzate a ideare e sviluppare attività diversificate: da momenti di analisi e discussione a incontri e corsi di formazione; dallo scambio di buone prassi all’individuazione di metodologie e linguaggi comuni nella gestione degli archivi; dall’ideazione di attività laboratoriali e didattiche ad attività più propriamente divulgative.

I primi impegni della “Rete” hanno aperto la riflessione su due temi: l’archivio, e le sue attuali funzioni, e la fotografia di paesaggio. Al primo tema ha corrisposto una giornata di studi svoltasi nel marzo del 2017 presso l’Università di Udine, dal titolo Fototeche. Archivi per la storia dell'arte, con un focus specifico sulla natura e la funzione degli archivi fotografici e delle fototeche di documentazione storico-artistica. Il secondo tema si è esplicitato nell’organizzazione di una mostra-convegno dal titolo Bel vedere. Percorsi nella fotografia di paesaggio, svoltasi a Trieste nel dicembre del 2016.

Il presente volume raccoglie saggi, interventi autoriali e immagini dell’evento triestino e segna un passo significativo di questa azione comune, che ha permesso di presentare la medesima mostra anche a Udine nel giugno del 2017.

Le attività fin qui svolte hanno avuto come impulso l’esigenza di mettere i membri della “Rete” a confronto su temi generali, quali l’aggiornamento delle funzioni dell’archivio in relazione alle odierne prospettive nel web, e a temi più specifici, come la fotografia di paesaggio. Ciò che rende peculiari queste iniziative è la loro duplice funzione, ovvero l'essere rivolte ai membri della “Rete” e al pubblico delle singole iniziative. Da un lato dunque sono attività pensate per gli enti e gli operatori partecipanti, finalizzate ad una comune crescita all’insegna della condivisione di prassi, linguaggi, metodologie e idee. Dall’altro mirano a diffondere la cultura fotografica, a realizzare un percorso di educazione alla fotografia che ha per obiettivi la diffusione della conoscenza del patrimonio fotografico regionale e la sollecitazione ad una maggior consapevolezza nell’uso e nella interpretazione delle immagini.

Sono proprio questi i principi che hanno spinto la “Rete” a realizzare l'iniziativa Bel vedere, dove si cerca di mostrare lati inediti e interessanti di un genere storicizzato della fotografia, attraverso un percorso tra le immagini della nostra memoria, individuale e collettiva insieme. Un percorso fatto di fotografie belle, meno belle, iconiche, stereotipate, dimenticate, storiche, manipolate, popolari, autoriali, ironiche... scelte dagli archivi aderenti alla “Rete” e presentate attribuendo loro un'ulteriore possibilità di lettura, nella pluralità degli approcci e degli esiti.

La “Rete regionale delle fototeche e degli archivi fotografici” è composta da: Associazione Italiana Biblioteche, sezione FVG, Trieste, Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia, Spilimbergo (PN), Centro studi Nedi┼ża, San Pietro al Natisone (UD), Consorzio Culturale del Monfalconese, Fototeca, Ronchi dei Legionari (GO), Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine, Ente Regionale per il Patrimonio Culturale, Servizio catalogazione, formazione e ricerca, Passariano (UD), Fototeca dei Civici Musei del Comune di Trieste, Fototeca dei Civici Musei del Comune di Udine, Fototeca territoriale CarniaFotografia, Tolmezzo (UD)


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>