Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Film > 28 Ottobre 2017

Al Visionario e a Cinemazero arriva il road movie "Nico, 1988" di Susanna Nicchiarelli

"Nico, 1988" di S. Nicchiarelli (foto Ufficio Stampa Cinemazero)

Udine e Pordenone (--) - Osannata alla Mostra del Cinema di Venezia dove ha trionfato nella sezione "Orizzonti", Susanna Nicchiarelli arriva al Visionario e a Cinemazero per presentare "Nico, 1988", un road movie intimo che entra nelle crepe e nelle tensioni di una figura pubblica, nel rapporto con la propria immagine, con la memoria, con le etichette. Ma anche le più normali paure quotidiane: il tempo che scorre, il corpo, la bellezza. E la leggenda diventa quotidiano.

L’appuntamento è per lunedì 30 ottobre alle ore 20.30 al Visionario e alle 21.00 a Cinemazero (biglietti in prevendita).

Christa Päffgen, in arte Nico, è stata una delle più importanti icone pop del secolo scorso. Famosa modella negli anni Sessanta, habituée della Factory di Andy Warhol, cantante del gruppo musicale Velvet Underground e musa di Lou Reed, che nell'ultima parte della sua vita intraprende la carriera di solista girando per l'Europa e interpretando i suoi brani con una band inglese. Il film racconta gli ultimi tour di Nico e della band negli anni Ottanta: anni in cui l’artista, ritrova sé stessa, liberandosi del peso della sua bellezza e ricostruendo un rapporto con il suo unico figlio dimenticato. È la storia di una rinascita, di un'artista, di una madre, di una donna oltre la sua icona.

Lasciando la parola a Susanna Nicchiarelli: «Raccontare Nico, dopo Nico. Smessi i vestiti bianchi, il trucco da modella, gli amanti rock. Andy Warhol negli anni Settanta la liquidò così: "È diventata una grassona drogata ed è scomparsa". Nico all'epoca aveva 34 anni. Scopro che negli anni Ottanta vive la fase più divertente e risolta della sua vita, in Inghilterra, con una band che ha messo su e con cui farà un tour europeo. Quasi tutti i racconti del film — la parentesi italiana e quando suonò in un hotel per pagare le stanze e quella in cui in Cecoslovacchia s'infuria perché non è stato possibile trovare l'eroina — sono reali. Ci tenevo a non dare un ritratto decadente, tragico, di questa donna, come forse avrebbe fatto un regista uomo. È la prima cosa che ci siamo dette con la protagonista, Trine Dyrholm».

Per maggiori informazioni consultare il sito www.visionario.movie, www.cinemazero.it la pagina facebook.com/VisionarioUdine, facebook.com/ CINEMAZERO o contattare il numero 0432/227798 (Visionario), 0434 520527 (Cinemazero).


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>