Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 08 Settembre 2017

Bookmark and Share

Il vicesindaco di Trieste accoglie i partecipanti alla Pedalata della Grande Guerra

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Si è conclusa mercoledì 6 settembre, a Trieste, in Piazza dell'Unità, l'iniziativa “Dove si è fatta l'Italia - In bicicletta nei luoghi della Grande Guerra”, un viaggio da Verona fino alla nostra città, passando per Levico Terme, Asiago, Belluno, Vittorio Veneto, Cividale del Friuli e Caporetto, per rievocare i momenti drammatici e per visitare i luoghi più significativi della Prima Guerra Mondiale, utilizzando un treno storico e la bicicletta.

Ad accogliere i ciclisti il Vicesindaco Pierpaolo Roberti che ha voluto sottolineare l'importanza dell'evento: “Accogliere i protagonisti di questo significativo “tour”, giunti in Piazza dell'Unità in bicicletta, è motivo di orgoglio ancor più grande in quanto Trieste è anche un'appassionata città di sport – ha commentato Roberti –: ringrazio perciò gli organizzatori e i partecipanti a questa bella iniziativa per essere riusciti a coniugare in questo evento sport e storia, rendendo vivo il ricordo della Grande Guerra e dei luoghi in cui si è combattuta.”

La manifestazione è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Ferrovie dello Stato, Trenitalia, movimento #salvaciclisti e Federazione Ciclistica Italiana, nonché con i Comuni e le Prefetture interessati. Vi hanno partecipato anche alcuni senatori e deputati, imprenditori, amministratori pubblici e giornalisti, tutti capitanati da Gianni Motta che proprio a Trieste nel 1966 vinse il Giro d'Italia.

Dopo il saluto in piazza Unità il gruppo si è recato al monumento dedicato a Nazario Sauro, alla Stazione Marittima, dove è stata deposta una corona d'alloro.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>