Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 28 Giugno 2017

Bookmark and Share

Presentate al ricreatorio “Stuparich” le iniziative estive di “Growing Up - Ricrestate 2017”

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - E' iniziato nei giorni scorsi, con le prime feste di apertura in diversi Ricreatori cittadini e con incontri di benvenuto e accoglimento dei nuovi iscritti, ma si svilupperà adesso in tutta la sua ampiezza nei mesi di luglio e agosto il Progetto “Growing Up” - Ricrestate 2017 dei Ricreatori Comunali di Trieste comprendente un nutrito programma di attività, quest'anno ancor più vasto e articolato di alcune edizioni precedenti.

Tale programma, particolarmente dedicato ai ragazzi più grandi dei Ricreatori, quelli, in pratica, di età compresa tra gli 11 e i 18 anni, ed effettivamente attraente e ricco di interessanti iniziative di taglio tipicamente estivo, è stato illustrato oggi nella sede del Ricreatorio “Giani Stuparich” di Barcola (in viale Miramare 131), con l'intervento dell’Assessore comunale all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca Angela Brandi, affiancata dalla funzionaria responsabile dell'Organizzazione e Coordinamento dei Servizi Educativi Antonella Brecel e dai coordinatori pedagogici Eugenio Bevitori, Isabella Herlinger e Tiziana Craievich, tra i principali ideatori e “costruttori” del progetto, presente anche il consigliere comunale Michele Babuder, presidente della IV Commissione consiliare ma qui soprattutto nella veste di orgoglioso ex allievo dello “Stuparich”.

Ricreatorio “Stuparich” che – ha subito voluto sottolineare la Brandi - “è destinato nel nostro intendimento ad assumere una nuova doppia funzione centrale relativamente ad almeno due iniziative: la prima, il Progetto “Growing Up” appunto, per il quale la struttura di Barcola rivestirà un ruolo di “raccolta”, organizzazione e coordinamento, rispetto alle proposte e alle adesioni dei ragazzi alle diverse iniziative che, naturalmente, potranno provenire da tutti gli altri Ricreatori del territorio; e l'altra, più spiccatamente sportiva, e nello specifico riguardante la pallacanestro, che vedrà sempre lo “Stuparich” assurgere al livello di campo “principale” essendo stato appena dotato, e per la prima volta, di due nuovi canestri regolamentari.”
Proprio in tal senso, in apertura della conferenza stampa, è stato anche presentato il campo sportivo completamente rinnovato e arricchito, come detto, dai due nuovi canestri.
“L'insieme di queste iniziative – ha rimarcato la Brandi – vuole fortemente significare che questa Amministrazione non solo non ha mai pensato di sminuire il ruolo dei Ricreatori in generale, che anzi cercheremo di rilanciare ulteriormente anche tramite la gratuità delle iscrizioni che scatterà nel 2018, ma neppure di eliminare solo qualcuna di queste storiche e peculiari strutture nostre, come appunto lo “Stuparich” per il quale qualche 'malalingua' insinuava la prossima chiusura, mentre noi, al contrario, dimostriamo ora, con questi concreti provvedimenti, di volerlo far crescere e vivere a lungo, addirittura con un ruolo più importante che in passato!”
“E così – ha concluso l'Assessore Angela Brandi – oltre al servizio estivo di “Ricremattina”, presente anche negli altri Ricreatori, lo “Stuparich” assumerà da quest'estate anche il ruolo guida principale del progetto “Growing Up” (forse non casualmente traducibile in “Crescendo”) con il suo bellissimo programma di iniziative, nonchè una funzione rilevante, anch'essa nuova, nella pallacanestro giovanile: tutte novità capaci di renderlo sensibilmente più attrattivo agli occhi degli adolescenti e pre-adolescenti che vogliamo coinvolgere e delle famiglie dei ragazzi.

Sull'ampio programma di “Growing Up - Ricrestate 2017”, già presente negli anni scorsi ma – come detto – quest'anno decisamente potenziato e accresciuto, si sono quindi diffusi i coordinatori pedagogici Eugenio Bevitori, Isabella Herlinger e Tiziana Craievich tracciando un panorama di gite, escursioni e itinerari culturali, cittadini (a Trieste e a Venezia), montani e marini, davvero attraente: dalla nostrana Val Rosandra per pedalate ma anche camminate (e fresche immersioni nel torrente!) a un “soggiorno verde” di più giorni a Cercivento o alle 'spedizioni' verso torrenti e fiumi dell'Alto Friuli (Gagnò e Fella) anche per provare le emozioni e il divertimento di una reale attività di “torrentismo”; dai più 'tradizionali' bagni all'Ausonia con passeggiata serale a Trieste “alle luci del tramonto” alla gita balneare a Grado con il “Delfino Verde”, fino a una pedalata sulla ciclabile 'Alpe Adria' da Fusine a Resiutta (55km, via Tarvisio, Ugovizza, Pontebba, Chiusaforte) o alla bella escursione culturale a Venezia con visita al laboratorio dell'affresco a Ca' Rezzonico.

E altre attività ancora “che disegnano – ha osservato la funzionaria competente per l'organizzazione dei Servizi Educativi Antonella Brecel – un reale cambio e innalzamento di livello, consentendo alle famiglie e ai ragazzi di guardare al servizio offerto dai Ricreatori triestini in una prospettiva davvero nuova, diversa e più interessante.”
Nel contempo però la stessa Brecel ha rivendicato “da un punto di vista pedagogico-educativo, tutta la valenza delle 'ricette tradizionali' dei nostri Ricreatori, sempre in grado di dare risposte valide a diverse fasce d'età e alle rispettive esigenze, creando un contesto divertente e ludico in una visione di vera valorizzazione dei rapporti interpersonali tra i ragazzi – ben oltre il rapporto 'mediato' dagli smartphone ! -, con la guida e l'accompagnamento garantito da educatori professionali”.

Dal canto suo il consigliere Babuder si è complimentato – anche quale ex allievo e costante frequentatore – “per la volontà di ripresa e sviluppo che si vogliono imprimere ai Ricreatori, offrendo un ambiente positivo e distante dalle devianze, e garantendo alle famiglie non solo un vantaggio 'logistico', e comunque altamente educativo, per il tempo libero dei figli ma anche un concreto vantaggio economico, soprattutto con la prossima introduzione della gratuità del Servizio”.

Conclusione finale e 'mirata', ancora da parte della Brandi che, ringraziando dirigenti, coordinatori ed educatori, ha affermato: “Parte da qui, oggi, il rilancio dello “Stuparich”!”.


TE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>