Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 04 Maggio 2017

Bookmark and Share

Presentata l'iniziativa “Agenda 14/35. Un altro modo di essere giovani in città”

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - E' stata presentata ieri nella Sala Tergeste del Municipio, in piazza dell'Unità, “Agenda 14/35. Un altro modo di essere giovani in città”, la nuova – e del tutto innovativa – iniziativa del PAG del Comune di Trieste, sigla che - anch'essa “riformulata” rispetto al passato – intende, con la nuova dicitura di “Progetto Area Giovani”, significare e orientare – come sottolineato dal competente Assessore comunale alla Cultura, Sport e Giovani Giorgio Rossi - “verso una prospettiva di ampliamento, coinvolgimento e massima partecipazione di tutte le energie giovanili cittadine, in un'ottica, appunto, eminentemente di sviluppo “progettuale” e ideale”.

“Agenda 14/35” sarà, in concreto, un davvero ampio calendario di eventi curati da realtà giovanili della nostra città in co-organizzazione con il Comune di Trieste, ovvero – come è stato definito con altre parole – “un calendario dei giovani per i giovani e per la città”.

E si tratterà – come è stato spiegato ieri, nel corso di una conferenza stampa cui sono intervenuti lo stesso Assessore Giorgio Rossi, la responsabile comunale dei 'progetti di rete' per i giovani e gli adolescenti Donatella Rocco e Susan Petri dello stesso Servizio Politiche Giovanili, presenti molti giovani rappresentanti delle tante realtà coinvolte - di un calendario veramente nutrito e in grado di spaziare su molteplici rami e argomenti propri degli interessi giovanili ma non solo.

Sarà inoltre un calendario “fatto” dagli stessi 47 soggetti “under 35” (associazioni ma anche gruppi non istituzionalizzati, scuole, realtà informali cui partecipano giovani di età compresa – come da sigla dell'iniziativa – tra i 14 e i 35 anni) che si sono accreditati al PAG a seguito di un 'bando' lanciato nei mesi scorsi: una “chiamata” che ha evidenziato la grande vitalità di una moltitudine di associazioni e realtà che operano nella nostra città nei più diversi campi, dall'artistico e teatrale alle attività sportive e ricreative, dalla divulgazione scientifica alla letteratura, alle varie pratiche di cittadinanza attiva, solo per citare alcuni settori; ma gli interessi e la dedizione nel dedicarvisi sono, tra i giovani di Trieste – questo è emerso, forse un po' sorprendentemente –, davvero molti!

Ogni soggetto proporrà dunque un proprio programma in modo da offrire ai coetanei ma anche a tutti i cittadini interessati, da maggio a ottobre a cura di un primo gruppo di 29 realtà, incontri, mostre, workshop, attività performative (coro, orchestra, breakdance, yoga, hip hop), festival teatrali, aperitivi scientifici e altre iniziative, che vedranno come sedi, in questo primo semestre sperimentale, non solo il Polo Giovani “Toti” ma anche alcuni spazi del Castello di San Giusto (come l'ex “Bottega del Vino”), il Polo di Borgo San Sergio e, in prospettiva, il Porto Vecchio, con particolare riferimento all'auditorium della Centrale Idrodinamica come sede di presentazioni e conferenze.

Come ha osservato l'Assessore Giorgio Rossi durante la presentazione, dopo aver rimarcato e rivendicato “la volontà di dare finalmente concreta attuazione a una delega giuntale per le politiche giovanili che è, in realtà, una delle sfide più impegnative per questa città, ma che vogliamo proprio per questo intraprendere con decisione, stanti anche le positive risposte che incominciamo a intravedere proprio da parte delle più giovani generazioni”, “vi è effettivamente in questo progetto – ha proseguito Rossi – non solo una nuova volontà ma anche un nuovo modo di offrire spazi e servizi ai giovani della città. Grazie a un nuovo assetto organizzativo e a una semplificazione delle procedure i soggetti accreditati avranno infatti la possibilità di utilizzare a titolo gratuito gli spazi e le attrezzature dei Poli. Ma non solo: con il formale affidamento ai soggetti accreditati delle chiavi delle strutture, potendo così ampliare la fascia oraria di utilizzo delle stesse anche oltre i normali orari di apertura, si opererà concretamente in termini di grande fiducia nei confronti dei giovani, optando per un modello di organizzazione che riconosce loro capacità, iniziativa e responsabilità. Qualità che, oltre all'attivazione di un dialogo costruttivo e proficuo con le istituzioni, porteranno all'ottimizzazione delle risorse disponibili in termini di luoghi fisici, strumenti e professionalità. Il tutto a favore degli altri giovani che potranno trovare interessanti le proposte e che vorranno quindi prendervi parte, e della cittadinanza tutta che, si spera, affollerà gli eventi!”
“Impegno, creatività, autonomia, condivisione e responsabilità sono dunque le parole d'ordine di questa nuova avventura di 'Agenda 14|35'”, ha detto ancora Rossi che ha quindi rivolto ai molti giovani presenti un accorato duplice appello “a portare allo scoperto la creatività che è in ognuno di noi” e, nel contempo, “a cogliere la sfida del mondo d'oggi che necessita più che mai di fare delle scelte, e tra queste in primo luogo il combattimento contro l'ignoranza delle cose, contro l'indifferenza e la delega agli altri (siano i genitori o le istituzioni), contro la mancanza di una conoscenza più profonda che conduce al rischio di un distacco dalla realtà; impegnandosi invece nella lettura, nello studio, nella diffusione della cultura contro le nuove forme di imbarbarimento”.
“E sarà importante in tal senso – ha concluso l'Assessore Giorgio Rossi – che da questo progetto non escano solo le pur molte e tutte valide attività in programma, singolarmente prese, ma che, viceversa esse possano interagire tra di loro, creare uno scambio e un confronto di idee che possa alzarsi più in alto, fino a creare un dibattito culturale in città e a dare un contributo originale alla discussione tra le nuove generazioni di triestini e nella città tutta. Su questi intendimenti e per verificare come e quanto questi obiettivi saranno stati, o meno, raggiunti, proporremo una verifica fra sei mesi, a conclusione di questo ricco programma”.

Programma cui hanno infine accennato le “curatrici” materiali Donatella Rocco e Susan Petri, principalmente per ribadire spazi e luoghi di svolgimento delle attività, la “struttura organizzativa aperta” che potrà consentire anche altri, successivi accreditamenti e, soprattutto, per indirizzare tutti – stante anche, appunto, la vastità del programma – alla lettura del sito “dedicato” pag.comune.trieste.it (raggiungibile anche dalla pagina “Educazione” della Retecivica) dove sono illustrati tutti i dettagli di “Agenda 14/35 2017”, mentre per quanto concerne i 'social media' l'iniziativa è presente su FB (#Progetto Area Giovani).

Per ulteriori informazioni ci si può anche rivolgere direttamente al “Polo Giovani Toti”, piazza della Cattedrale 4/a (tel 040-348.5818, posta: pologiovani.toti@comune.trieste.it).


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>