Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 03 Febbraio 2017

Bookmark and Share

La Cooperativa Gemina presenta il laboratorio invernale di archeologia sperimentale

Laboratorio paleontologico al Villaggio del Pescatore

Trieste (TS) - La Cooperativa Gemina, che da anni gestisce e arricchisce di contenuti il sito paleontologico del Villaggio del Pescatore, prosegue le sue attività invernali “indoor” alla Palazzina AIAT di Sistiana, programmate tutte le domeniche e festivi fino al mese di aprile. Dopo le prime due domeniche con i laboratori di paleontologia, domenica 5 febbraio (sempre dalle 10.00 alle 17.00) è la volta di indagare l’archeologia sperimentale, un metodo che si propone di mettere in pratica, verificandole, le tecniche antiche di lavorazione e costruzione di manufatti. Attraverso la pratica di questa disciplina si ripercorrono le strutture sociali dei nostri antenati e la loro organizzazione del lavoro. Archeologia sperimentale significa toccare con mano ed eseguire quelle attività indispensabili alla sopravvivenza, nel nostro caso nel Mesolitico e Neolitico, degli uomini primitivi a partire da circa 9.500 anni fa.

Il Mesolitico vede la comparsa di armi da lancio, l’arco e il propulsore per le zagaglie. La scheggiatura della selce porta alla creazione di una classica industria microlitica, fatta di piccole lame poi montate su supporti di legno o corno per realizzare strumenti complessi. Nella nostra zona la fase più tarda di questo periodo coincide con l’innalzamento del livello marino post glaciale fino al livello attuale, con conseguente disponibilità di fauna marina, specie molluschi gasteropodi e lamellibranchi per la dieta degli abitanti del Carso. Le conchiglie pertanto oltre a essere fonte di cibo costituiscono materiale per ornamenti, monili e collane.

Sarà quindi possibile scheggiare la selce e lavorarla, cosa non facile per l’uomo moderno, preparare monili con le conchiglie e realizzare collane primitive, assistere e tentare l’accensione del fuoco con vari metodi, tirare con l’arco e molto altro ancora. “Sperimentare” quindi non guardare gli altri che lavorano ma provare da soli, sotto la guida del personale della Cooperativa a comportarsi come i nostri lontani antenati.

La sede di Sistiana, concessa in gestione temporanea dalla Regione, ben si presta alle attività indoor, garantendo gli eventi in ogni condizione meteorologica. Un modo alternativo per passare le domeniche, divertente e culturalmente appagante, pensato per soddisfare la curiosità sulla preistoria delle persone di tutte le età, ma dedicato in particolar modo a ragazzi e bambini, anche in età prescolare.

Il calendario delle attività proseguirà il 12 febbraio con il laboratorio sui “dinosauri componibili”, ovvero la ricerca di ossa di dinosauro (proposti in repliche) con relativa ricostruzione degli scheletri, si prosegue poi il 19 febbraio ancora con l’archeologia sperimentale che sarà riproposto anche il 5 marzo; il 26 febbraio sarà riproposto il laboratorio di paleontologia che tornerà il 26 marzo. Domenica 19 marzo prima escursione guidata alla Riserva naturale delle Falesie di Duino (sentiero Rilke), che si ripeterà il 9 aprile con una visita botanica seguita da un approfondimento sull’uso culinario delle erbe di stagione. Nel periodo pasquale (16, 17, 23 e 25 aprile) alla Palazzina AIAT approderanno alcuni esempi di resti di dinosauro che saranno esposti e raccontati al pubblico. Le iniziative alla Palazzina AIAT si concluderanno il 30 di aprile con una nuova visita guidata alla Riserva di Duino.

Info e iscrizioni: 334.7463432, cooperativagemina@gmail.com

Leggi le Ultime Notizie >>>