Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 29 Dicembre 2016

Bookmark and Share

Limitazioni, divieti e sicurezza: le ordinanze del Comune di Trieste per il Capodanno

Capodanno

Trieste (TS) - Con una serie di cinque diverse e specifiche Ordinanze il Comune di Trieste ha inteso puntualmente disciplinare tutti gli aspetti relativi ai festeggiamenti di Fine d'Anno e d'inizio dell'Anno Nuovo che si svolgeranno in città e che avranno, come noto, il loro fulcro e punto di ritrovo principale nella tradizionale Festa pubblica in piazza dell'Unità, organizzata come di consueto dallo stesso Comune.

Tutte le ordinanze, nel loro insieme, si propongono l'unico obiettivo di garantire un ordinato svolgimento delle manifestazioni, con ciò consentendo a tutti i cittadini che vi parteciperanno, di ogni età e condizione, oltre che ai numerosi turisti, di poter partecipare in tranquillità, cioè senza rischi o timori di alcun tipo, a una festa che possa essere davvero “per tutti”, anche per le famiglie e per gli anziani, e con un occhio di riguardo pure per gli amici animali e per la loro tutela, in modo che il Capodanno Triestino sempre più possa distinguersi per le sue caratteristiche di civiltà.

In tal senso le Ordinanze prevedono oltre a una serie di limitazioni riguardo al lancio di botti, petardi e fuochi d'artificio, il già noto divieto di portare con sé contenitori per bevande (ma anche agli esercenti di venderli) che non siano di carta o di plastica (e perciò non di vetro o di latta) all'interno di un'area circostante la zona della Festa principale di piazza dell'Unità, nonché la già sempre attuata chiusura al traffico delle Rive, che stavolta però, per una maggior precauzione riguardo alla sicurezza generale e a seguito di quanto stabilito nel corso di una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutasi nei giorni scorsi in Prefettura, comprenderà una fascia temporale di divieto di transito leggermente più ampia (a partire dalle ore 21.30 anziché dalle 22.30 come inizialmente previsto in una precedente Ordinanza del 19 dicembre) per tutti i veicoli e, inoltre, una fascia “fisica” di divieto di percorrenza più estesa, comprendente in sostanza l'intero asse delle Rive, da piazza Libertà-Corso Cavour fino a Riva Ottaviano Augusto, per quanto concerne invece i mezzi (camion, Tir) di massa superiore alle 7,5 tonnellate.

Iniziando proprio da questo aspetto, ecco quindi i contenuti delle diverse Ordinanze:

Ordinanze temporanee in linea di viabilità (integrazione redazionale fra le Ordinanze n. 976-16 del 19.12.2016 e n. 1002-16 del 28.12.2016)

In occasione dei tradizionali festeggiamenti per l'imminente Capodanno sono disposti i seguenti provvedimenti di viabilità:
dalle ore 21.30 del 31 dicembre alle ore 2 del 1 gennaio (e comunque fino al termine delle manifestazioni in piazza dell'Unità e delle successive operazioni di pulizia):
l’istituzione del divieto di transito per tutti i veicoli (per quanto concerne le aree di competenza del Comune di Trieste) sulle Rive (Riva Tre Novembre, Riva Caduti per l’Italianità e Riva del Mandracchio), nel tratto compreso tra piazza Tommaseo e via del Mercato Vecchio;

l’istituzione (nella medesima fascia oraria dalle ore 21.30 del 31 dicembre alle ore 2 del 1 gennaio), del divieto di transito per i mezzi di massa superiore a 7,5 tonnellate sull'intera direttrice Piazza Libertà – Riva Ottaviano Augusto, ovvero lungo Corso Cavour, Riva Tre Novembre, Riva del Mandracchio, Riva Nazario Sauro, Riva Tommaso Gulli, Riva Grumula, con deroga a favore dei mezzi della Trieste Trasporti i quali potranno circolare con esclusione del tratto di cui al punto precedente (piazza Tommaseo - via del Mercato Vecchio); ancora riguardo ai suddetti mezzi pesanti di massa superiore a 7,5 tonnellate è stato altresì disposto che la Polizia Locale provveda affinché sia interdetta la loro circolazione anche sull’ultimo tratto delle strade afferenti la suddetta direttrice compresa tra piazza Libertà e Riva Ottaviano Augusto.
Ulteriori provvedimenti di viabilità o deroghe potranno venir disposti dalla Polizia Locale presente sul posto, secondo le necessità del momento.

E' disposta inoltre l’istituzione del divieto di sosta e fermata per tutti i veicoli:
fino alle ore 19 del 2 gennaio in piazza Piccola e in via della Muda Vecchia (ambo i lati), con contestuale spostamento in via della Muda Vecchia (lato pari) dei tre stalli di sosta riservati ai disabili e dei due riservati alla Polizia Locale ora siti in piazza Piccola (già operante);
fino alle ore 24 del 2 gennaio in via dell’Orologio sull’area di carico/scarico adiacente al Palazzo della Regione (già operante);
dalle ore 8 del 31 dicembre fino alle ore 24 del 1 gennaio in Largo Granatieri (lato Municipio) nel tratto compreso tra piazza Piccola e via Malcanton.

Divieto e regolamentazione dell'utilizzo di petardi e accensione di fuochi pirotecnici di qualsiasi genere su tutto il territorio comunale nel periodo dal 30 dicembre 2016 al 1 gennaio 2017

Valutando come la pratica del lancio di botti e fuochi d'artificio, oltre a essere fonte generale di pericolo per il rischio di procurare gravi danni a cose o lesioni alle persone, comporti pure per il rumore provocato dagli scoppi un perdurante disturbo alla quiete pubblica nonché effetti traumatici agli animali, è stato disposto (anche in linea con il vigente Regolamento per la tutela e il benessere degli animali che prevede che il Comune persegua e condanni ogni manifestazione di maltrattamento verso gli animali e qualsiasi comportamento lesivo della loro integrità psico-fisica), il divieto dell'utilizzo di fuochi d'artificio, sparo di petardi, mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici di qualsiasi natura o genere, su tutto il territorio comunale, dalle ore 16 del 30 dicembre alle 23.30 del 31 dicembre e dalle ore 1 alle 24 del 1 gennaio 2017.

E' inoltre vietato in modo particolare, anche nello spazio temporale compreso tra le ore 23.30 del 31 dicembre alle ore 1 del 1 gennaio, l'utilizzo di fuochi d'artificio, sparo di petardi, mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici all'interno del perimetro compreso tra le vie del Mercato Vecchio, Pozzo del Mare, del Teatro Romano, Corso Italia, Piazza della Borsa, via Canal Piccolo, Piazza Tommaseo, Riva Tre Novembre e Riva del Mandracchio, interessate dalle manifestazioni centrali di celebrazione del Capodanno.

I trasgressori (in entrambe le situazioni, n.d.r.) saranno soggetti a una sanzione amministrativa nei limiti previsti da 25,00 Euro a 150,00 Euro, con ammesso il pagamento in misura ridotta pari a Euro 50,00.

Festeggiamenti Capodanno in Piazza Unità e zone limitrofe. Divieto di introduzione di bevande in contenitori che non siano di carta o di plastica

Per evitare i possibili inconvenienti derivanti dall'utilizzo di contenitori di vetro, latta o simili, è stato disposto il divieto di introduzione e circolazione di bevande in contenitori che non siano di carta o plastica, dalle ore 21.30 del 31 dicembre alle ore 2.30 del 1 gennaio, all'interno del perimetro compreso tra le vie del Mercato Vecchio, Pozzo del Mare, del Teatro Romano, Corso Italia, Piazza della Borsa, via Canal Piccolo, Piazza Tommaseo, Riva Tre Novembre e Riva del Mandracchio, interessate dalle manifestazioni centrali di celebrazione del Capodanno (si tratta del medesimo perimetro dove sarà vigente il divieto di lancio di botti e fuochi d'artificio, n.d.r.).
Anche in questo caso i trasgressori saranno soggetti a una sanzione amministrativa nei limiti previsti da 25,00 Euro a 150,00 Euro, con ammesso il pagamento in misura ridotta pari a Euro 50,00.

Festeggiamenti Capodanno in Piazza Unità e zone limitrofe. Adozione di misure derivanti da esigenze sanitarie e di pubblica sicurezza in materia di somministrazione e vendita di bevande (ordinanza rivolta in particolare agli esercenti)

Stante la già detta necessità di prevenire gli inconvenienti derivanti dall'utilizzo di contenitori di vetro e latta, e quindi l’opportunità di impartire disposizioni in tal senso anche ai pubblici esercizi presenti nella zona interessata dalla principale manifestazione cittadina, è stato disposto l'assoluto divieto agli esercenti di vendere per asporto bevande di qualsiasi tipo se non in appositi contenitori che siano di carta o di plastica, preventivamente aperti; e ciò a partire dalle ore 21 del 31 dicembre e fino alle ore 2.30 del 1 gennaio nell’area compresa e delimitata dalle seguenti vie e piazze: Piazza della Borsa, Capo di Piazza Gianni Bartoli, Capo di Piazza Monsignor Santin, Largo Pitteri, via San Sebastiano, via di Cavana, piazza Cavana, via del Pesce, via dei Fornelli, via Boccardi, Riva del Mandracchio, Riva Caduti per l’Italianità, via San Carlo, Piazza Verdi, via Einaudi.
Ai suddetti esercenti sarà consentita la somministrazione di bevande all’esterno dei rispettivi locali - limitatamente alle aree pubbliche concesse per il posteggio di tavoli e sedie – ma anche in questo caso solamente se versate direttamente in bicchieri di carta o di plastica leggera.
Le medesime prescrizioni e divieti valgono anche per gli esercenti attività di commercio su aree pubbliche eventualmente presenti nell’area sopra indicata, muniti di autorizzazione amministrativa permanente ovvero autorizzati per la specifica circostanza.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>