Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 06 Dicembre 2016

Bookmark and Share

Apertura straordinaria, giovedì 8 dicembre, della mostra "Altrove" alla Fondazione Carigo

Gli abitanti di Capriva del Friuli abbandonano il paese, estate 1915, collezione Bruno Pascoli

Gorizia (GO) - “Povere noi cosa nea tocato questo ano disgraziato di patire in questo modo. Le nostre bele case stano per niente e noi non abiamo nanche indove sentarsi. Era meglio che prima di venir in Ungeria […] chesi avesimo getatto tutte in mare almeno non avessimo soferto tanto”. Sono le testimonianze come questa - una lettera in cui nel 1915 Lucia Zuliani racconta al marito la fuga dalla sua casa verso l’Ungheria, prima tappa del viaggio in carri bestiame che la porterà in Austria, nel campo profughi di Wagna - a comporre la mostra “Altrove (1915-1918). Memorie dal campo di Wagna e altre storie di profughi”, allestita a Gorizia, a ingresso gratuito, nella sala espositiva della Fondazione Carigo (via Carducci 2) e aperta eccezionalmente al pubblico giovedì 8 dicembre, giorno dell’Immacolata, dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 18, con visita guidata gratuita alle 16.30.

L’esposizione, a cura di Paolo Malni e realizzata dal Consorzio Culturale del Monfalconese e dalla Fondazione Carigo, ripercorre le storie dei profughi goriziani, monfalconesi e isontini della Grande Guerra, raccontate dalle voci dei protagonisti con il supporto di immagini d’epoca, mappe e grafici spesso inediti o creati per l’occasione.

La mostra è aperta a ingresso gratuito da mercoledì a venerdì dalle 16 alle 19, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 18 con visita guidata alle 16.30.

Leggi le Ultime Notizie >>>