Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 24 Settembre 2016

Bookmark and Share

Trieste Next, concorso fotografico “Arte o scienza?”: primo premio a una dottoranda del Sincrotone

Le prime tre classificate del concorso fotografico "Arte o scienza?" - Trieste Next 2016

Trieste (TS) - "Silicon Graffiti": è questo il significativo titolo dell'opera di Elisabetta Travaglia, vincitrice dell'edizione 2016 di “Arte o Scienza? Immagini dalla ricerca”, il concorso fotografico che valorizza le immagini più interessanti realizzate nell'ambito della ricerca. La premiazione si è svolta venerdì 23 settembre, nell'ambito di Trieste Next, nella Sala Comunale d'arte.

La foto della dottoranda in nanotecnologie a Elettra Sincrotrone Trieste, che si aggiudicata anche un premio in denaro di 500 euro offerto da Centro Stampa Utilgraph, è nata in realtà da un errore: in un esperimento per crescere un singolo strato di disolfuro di molibdeno su silicio, la temperatura prevista si è alzata eccessivamente, generando un'immagine, colta al microscopio ottico, composta da una serie di forme particolari e singolari disegni Ecco come un artefatto di laboratorio si è trasformato in opera d'arte, in grado di manifestare il vigore e l'immediatezza della natura.

Al secondo posto si è classificata Deborah Recchia, con l'immagine Dark side of the brain. Il titolo della foto della biologa dell'Università di Pavia, fa riferimento esplicito ai misteri del cervello e del nostro corpo, composto da cellule che possono trasmigrare inaspettatamente. Quello che sembra uno strano pianeta, dalle forme e dai colori eleganti, è in realtà un luogo che non vorremmo mai visitare: la metastasi di un tumore primario intestinale sviluppatasi a livello cerebrale.

La terza classificata è Daniela Ferraro, post-doc in biologia all'Università di Pavia, con l'immagine Caleidoscopio. Ad essere inquadrate nella sua foto sono delle eleganti nanostrutture: i nanobastoncini di diossido di zirconio, presentati con una simmetria che infonde certezza e prevedibilità, ipnotizzano lo sguardo, evocando le sofisticate sperimentazioni della Optical Art.

L'edizione 2016 del concorso, promosso da Science Centre Immaginario Scientifico e Università degli Studi di Trieste, ha visto la partecipazione di scienziati e ricercatori provenienti da 18 istituti o enti di ricerca da 14 città italiane e 4 istituti all'estero. Per la prima volta tutte e tre le opere vincitrici sono state realizzate da donne.

La mostra sarà aperta sabato e domenica, dalle 9 alle 22 e il 25 settembre dalla 10 alle 19.

Leggi le Ultime Notizie >>>