Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

 

Notizie > Attualità > 07 Maggio 2016

Bookmark and Share

"Coralmente... festa": i cori delle scuole secondarie di Trieste si sfidano al Rossetti

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - L’Istituto Comprensivo “Ai Campi Elisi”, dall’anno scolastico 2002/03, progetta e organizza ogni anno una rassegna corale dedicata ai cori scolastici delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Trieste che in questa quattordicesima edizione si svolgerà lunedì 9 maggio, alle 20.30, al Politeama Rossetti, nella Sala Assicurazioni Generali. Un' occasione di partecipazione attiva, collaborazione e confronto con le altre realtà scolastiche cittadine, in un contesto prestigioso, solitamente poco consueto nella normale attività scolastica, che allarga il campo di esperienza dei giovani esecutori ed offre spunti di arricchimento tecnico-metodologici ai docenti coinvolti.

Le scuole interessate all’iniziativa sono del territorio della provincia di Trieste, sia con lingua d’insegnamento italiana che con lingua d’insegnamento slovena; e sono complessivamente 14 di cui 5 secondarie di secondo grado e 9 secondarie di primo grado, coinvolgendo oltre 400 studenti, cui sono da aggiungersi almeno due familiari per ciascuno, i docenti e i direttori dei cori.

L'iniziativa è stata presentata nei giorni scorsi dall'assessore comunale all'Educazione e dall'assessore provinciale alla Programmazione scolastica e diritto allo studio, con il dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo Ai Campi Elisi prof. Gianfranco Angeli e la direttrice artistica della rassegna Rosanna Posarelli.

Ogni anno – è stato spiegato - il tema della rassegna e quindi della scelta dei brani eseguiti varia. Le scorse edizioni hanno avuto per tema “Coralmente… Natale”, “Coralmente… Natale – seconda edizione”, “Coralmente… Europa”, “Coralmente… Cinema”, “Coralmente… acqua”, “Coralmente… giocando, sognando, fantasticando”, “Coralmente… attraverso le stagioni”, “Coralmente… tra sacro e profano”, Coralmente… tra emozioni e sentimenti”, “Coralmente… 10!, “Coralmente… tempo”, “Coralmente… viaggio”, “Coralmente… notte”.

Per il 2015/16, quattordicesima edizione della rassegna, il tema è descritto dal sottotitolo: “Coralmente… festa”, intesa come il momento della vita in cui celebriamo, condividiamo, ricordiamo. I cori delle 14 scuole proporranno un repertorio quantomai vario e scatenato su un tema particolarmente coinvolgente per l' età dei loro componenti: dal repertorio popolare a quello classico, con escursioni rock e jazz, il tema scorrerà da un coro all' altro per approdare nell'ormai consueto appuntamento finale in cui tutti i ragazzi assieme intoneranno il brano finale.

La Sala Assicurazioni Generali dello Stabile del Friuli Venezia-Giulia, il Politeama Rossetti – è stato ribadito - è l'unica sede nella provincia capace di contenere il numero previsto di partecipanti e dare alla rassegna la giusta cornice entro cui far incontrare i ragazzi con il mondo dell’arte e della musica. L’ingresso gratuito per familiari e invitati, favorisce la partecipazione massiccia delle famiglie e il loro coinvolgimento nell’iniziativa. Sono coinvolti gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Trieste in cui operino gruppi o laboratori corali. In specifici incontri tra i direttori di coro, presieduti dalla direttrice artistica della rassegna, Rosanna Posarelli, vengono esaminati e pianificati il tema conduttore della serata e il repertorio presentato da ciascun coro, i tempi e le diverse esigenze logistiche e tecniche. È concordato anche il brano finale da eseguire collettivamente in un’elaborazione musicale ideata dai direttori stessi.Alcuni docenti della scuola secondaria di primo grado L. Stock curano l’aspetto organizzativo della rassegna. La grafica delle proiezioni che strutturano l’allestimento scenografico, così come la progettazione di inviti e locandine sono curati dagli alunni dell’Istituto coordinati dai loro docenti. È stabilita una scaletta della serata e organizzata la regia della manifestazione, compresa la predisposizione dei posti a sedere numerati per gli spettatori invitati e per i gruppi corali, in modo da permettere ai singoli cori di assistere a quasi tutte le esibizioni.

Tra gli obiettivi del progetto, la promozione della conoscenza reciproca fra realtà diverse esistenti sul territorio provinciale; la maggiore consapevolezza di far parte di una stessa comunità, cooperando per raggiungere una meta comune e, allo stesso tempo, sviluppare la capacità di lavorare assieme a uno stesso progetto nel rispetto delle caratteristiche individuali, valorizzando il contributo dei singoli rispetto a un obiettivo comune. Inoltre, viene valorizzato l’uso delle diverse lingue comunitarie, in primo luogo l’italiano e lo sloveno, ma anche di altre lingue utilizzate nelle liriche dei brani in repertorio.

Il progetto, grazie alla instaurata consuetudine della manifestazione, incentiva un rapporto di fattiva collaborazione fra gruppi corali di diverse scuole presenti sul territorio (scuole di lingua italiana e di lingua slovena; secondarie di primo e di secondo grado) fornendo gli elementi per un costruttivo confronto e una sempre più consapevole valutazione dei percorsi di ciascuno.

Nell’arco della serata, emergono i naturali, diversi livelli di esecuzione che caratterizzano l’evoluzione della pratica vocale nella fascia d’età dagli undici ai diciannove anni, promuovendo in tal modo, la prosecuzione di un percorso intrapreso.

La co-organizzazione dell’evento è del Comune di Trieste, sostegno all’iniziativa che negli ultimi tre anni si è aggiunto al supporto della Provincia di Trieste.

Ingresso gratuito, solo su invito con posti numerati. I biglietti possono essere ritirati presso le scuole partecipanti, fino ad esaurimento posti.


PROGRAMMA DELLA SERATA:

RISMONDO Fiesta de San Benito (tradizionale boliviano/ Inti-Illimani)
Anna Stopper Dansi Na Kuimba (Swahili - Dave and Jean Perry)

DANTE Hava nagila (Idelsohn)
Fabio Zanin Hail holy Queen (Marc Shaiman)

CODERMATZ Wakati wa amani (Sally K. Albrecht)
Margherita Messina Dixie Jamboree (H. Johnson)
Chapua kali desemba (D. Lantz)

KOSOVEL Jurjevanje (Emil Adami?)
Rosanda Kralj Zeleni Jure (Ton?ka Marolt)
Dan ljubezni (Dušan Velkaverh/Tadej Hrusovar)

GRUDEN Kres (Il Falò) (Stanko Premrl)
Stefano Iob La danza (G. Rossini)

GREGORCIC Na gorici na placu (pop. Majenca)
Stefano Iob Oh Danny boy (pop. irlandese St. Patrick's day)

STOCK Zemer atik (tradizionale ebraico)
Rosanna Posarelli Kàde shukàr (popolare tzigano)
?ur?evdan (popolare bosniaca)

OBERDAN Saturday night fever medley (Bee Gees, arr. Alberto Schirò)
Stefano Klamert

CARDUCCI DANTE Pata pata (Dorothy Masuka)
Monica Cesar Libertango (Astor Piazzolla)

VOLTA Save the last dance for me (Doc Pomus, Mort Shuman)
Francesco Castellana

TOMIZZA -ALTURA Quell'anello d'oro (Marco Iardella)
Eliana Pograri The book of love (Magnetic Fields - Peter Gabriel)

PETRARCA Barbara Ann (Fred Fassert)
Francesco Calandra Bonse Aba (traditional zambian folksong)

SV. CIRIL IN METOD Živeti ho?emo! (Adi Danev)
Aleksandra Pertot Zemlja pleše (M. Sepe)

GALILEI Rock around the clock (Freedman & De Knight / arr.Arie van Maurizio Lo Pinto Noordenne)
Festeggiamento greco (arr. T. Cavouras)

Brano finale a cori riuniti:
Carnevale di Venezia (Gioacchino Rossini), dirige Francesco Castellana (Ist. Volta)


Curiosa è la storia de "Il Carnevale di Venezia" che Rossini scrisse per quartetto vocale, ad uso delle notti del carnevale romano (il riferimento del titolo a Venezia sembra nato per un semplice richiamo mnemonico). A questo proposito si narra di Rossini e Paganini che, travestiti, girarono per Roma nel carnevale del 1821 chiedendo l’elemosina delle grazie femminili. Il quartetto si avvale di temi desunti da opere e non sfuggirà a chi ha familiarità con la Cenerentola, la parentela stretta con il coro “O figlie amabili di Don Magnifico” nel primo atto dell’opera.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>