Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 18 Febbraio 2016

Bookmark and Share

Si ricorda la figura di Luciano Viatori. A fine marzo la ripertura del giardino a lui intitolato

Giardino Viatori

Gorizia (GO) - Ricorre il 19 febbraio il secondo anniversario della scomparsa di Luciano Viatori, ideatore dello splendido giardino situato a Gorizia in località Piuma, capolavoro della botanica donato, con disposizioni testamentarie, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.
E’ nel rispetto delle volontà del professor Viatori e con l’intento di custodire e valorizzare questo importante patrimonio, che la Fondazione Carigo ha operato in questi due anni, assicurando la messa in sicurezza dell’area e la manutenzione e cura costante delle piante. Ed è allo scopo di renderlo fruibile nell’interesse della comunità, che ne ripropone anche quest’anno l’apertura al pubblico.

Come di consueto la riapertura è fissata per la fine di marzo, in concomitanza con l’inizio della stagione primaverile, e precisamente a Pasquetta, lunedì 28 marzo, dalle 16 alle 19, e proseguirà, a ingresso gratuito e negli stessi orari, fino al 2 giugno, nei pomeriggi di sabato, domenica e negli altri giorni festivi, con visita guidata alle ore 17. Rimane inoltre la possibilità, per i gruppi di almeno 15 persone, di prenotare una visita guidata negli altri giorni della settimana, contattando gli uffici della Fondazione Carigo (tel. 0481/537111, info@fondazionecarigo.it). A breve sarà inoltre possibile prenotare visite di gruppo infrasettimanali attraverso il nuovo modulo on-line disponibile sul sito dell’Associazione Amici del Giardino Lucio Viatori (www.aglv.org).

Intenso anche nel 2016 il programma delle attività che coinvolgono il Giardino, tra cui una serie di lezioni e conferenze, per un totale di 100 ore, tenute dai soci dell’Associazione Amici del Giardino Viatori e rivolte agli studenti dell’Istituto Tecnico Agrario “Brignoli” di Gradisca d’Isonzo, avviate a gennaio nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro. Su iniziativa della stessa associazione, il Giardino ospiterà inoltre, domenica 21 febbraio, il corso di potatura delle rose a cura di Romeo Comunello, riservato ai soci, nonché, nei prossimi mesi, una serie di presentazioni di volumi e altre iniziative organizzate in collaborazione con il circolo di giardinaggio “Amici in Giardino”, con l’Università della Terza Età di Gorizia e con altre realtà.
Del Giardino Viatori si parlerà il 19 marzo a Villa Manin, nell’ambito della manifestazione “Nel Giardino del Doge Manin” dedicata alla florovivaistica, nel corso dell’incontro con Matteo La Civita, dal titolo “Magnolie, pruni e meli da fiore: due mesi di primavera”, cui seguirà un intervento dell’Istituto regionale per il patrimonio culturale sulla catalogazione del Giardino, che verrà poi inserito nel volume “Parchi e Giardini Storici del Friuli Venezia Giulia, un patrimonio che si svela”.
La Fondazione Carigo annuncia infine la propria adesione, il prossimo 15 maggio, a Giardini Aperti, occasione nella quale lo scorso anno sono giunti al Giardino Viatori oltre mille visitatori.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia

Leggi le Ultime Notizie >>>