Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Attualità > 04 Febbraio 2016

Presentato in Municipio il ricco programma di appuntamenti del Giorno del Ricordo 2016

di Claudio Bisiani

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Ampio e articolato il programma del Giorno del Ricordo 2016, presentato stamattina nella Sala Giunta del palazzo municipale di Trieste. Introdotti dalla vicesindaco Fabiana Martini e dalla presidente della Provincia Maria Teresa Bassa Poropat, i rappresentanti delle numerose associazioni degli esuli istriani, fiumani, giuliani e dalmati hanno illustrato il ricco calendario di appuntamenti e manifestazioni che prenderanno il via il 5 febbraio per concludersi il 31 marzo.

Il Giorno del Ricordo che si celebra il 10 febbraio, una ricorrenza istituita dal Parlamento italiano con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004 in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano dalmata e delle vicende del confine orientale del secondo dopoguerra, prevede anche quest'anno – accanto alla cerimonia solenne presso il Monumento Nazionale della Foiba di Basovizza (mercoledì 10 febbraio alle ore 10) con il picchetto del Piemonte Cavalleria, una rappresentanza della scuola militare “Morosini” di Venezia, l’ingresso dei gonfaloni, l’alzabandiera, gli onori a martiri delle foibe, la celebrazione della Santa Messa, accompagnata dal coro dell'ANA, e la lettura della “Preghiera per gli infoibati” – una fitta serie di iniziative culturali indirizzate a tutta la cittadinanza, ma in particolare ai più giovani e agli studenti delle scuole. Con l'intenzione, hanno sottolineato coralmente la vicesindaco Martini e la presidente Bassa Poropat, «di divulgare valori importanti alle nuove generazioni e preservare la memoria storica attraverso iniziative concrete che raccontino questa drammatica pagina vissuta da tanta gente nel nostro territorio. Una storia che non è più soltanto “nostra”, ma che è ormai diventata un patrimonio comune di tutta l'Italia».

Fra i principali appuntamenti da segnalare, venerdì 5 febbraio alle ore 17, la serata “Poesia del ricordo” dedicata a Isola d'Istria nella sede dell'Associazione delle Comunità Istriane di via Belpoggio 29/1, e il Giubileo degli Esuli in programma domenica 7 febbraio alle ore 11 con la celebrazione della Santa Messa nel Santuario di Monte Grisa in suffragio di tutti i defunti triestini, istriani, fiumani e dalmati.

Molte le deposizioni di corone nella giornata del 9 febbraio: alle ore 10 al Monumento all'Esodo di Piazza Libertà, alle 10.30 e alle 10.45 al Monumento agli Infoibati e ai Monumenti ai Caduti e alle Vittime dell'eccidio di Vergarolla sul Colle di San Giusto, e infine alle 11.30 al Monumento all'Esodo a Rabuiese.

Il 9, 10 e 11 febbraio – a cura della Lega Nazionale, di cui era presente all'incontro odierno in Municipio il presidente Paolo Sardos Albertini – il Centro di Documentazione della Foiba di Basovizza resterà aperto con orario ampliato dalle 10.00 alle 18.00. Giovedì 11 febbraio inoltre, alle ore 18.00, al Civico Museo della Civiltà Istriana Fiumana Dalmata di via Torino 8, verrà inaugurata la mostra “Geppino Micheletti, l’eroe della strage di Vergarolla”, a cura dell’IRCI - Istituto Regionale per la Cultura Istriana, fiumana, dalmata di Trieste.

Venerdì 12 febbraio alle ore 16.30, ancora nella sede dell’Associazione delle Comunità Istriane di via Belpoggio 29/1, proiezione in esclusiva del documentario di Alessandro Quadretti “L’ultima spiaggia. Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo”, a cura dell’Associazione delle Comunità Istriane, dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e del Libero Comune di Pola in esilio. «Un racconto a più voci - ha spiegato Paolo Radivo, direttore del periodico “L'Arena di Pola” - di numerosi testimoni oculari della strage, accompagnato dal commento di alcuni storici di diversa estrazione politico-ideologica». Uno stralcio di 50 minuti del documentario verrà inoltre trasmesso lunedì 8 febbraio alle ore 23.50 all'interno di “Terra!”, programma di approfondimento giornalistico in onda su Rete4.

Gli appuntamenti culturali del Giorno del Ricordo 2016 proseguiranno sabato 13 febbraio alle ore 17.00, nella sede del Civico Museo della Civiltà Istriana Fiumana Dalmata, con la presentazione del volume “Magazzino 18. Le foto” a cura di Jan Bernais e Carla Isabella Elena Cace (Fergen Editore). All'incontro, a cura del Comitato 10 Febbraio, della Lega Nazionale, dell’IRCI di Trieste, della Fondazione Dalmata Rustia Traine e di Trieste Pro Patria, parteciperà in collegamento video l'attore e cantante Simone Cristicchi.

Ancora, lunedì 15 febbraio alle ore 9.30, nella sala del Consiglio provinciale, incontro dedicato al “Giorno del Ricordo 2016” con la relazione “Storiografie e memorie dell'Esodo” della professoressa Gloria Nemec, affiancata da alcuni interventi dei rappresentanti delle Associazioni degli Esuli.

Nelle giornate del 15, 16, 17, 18 e 19 febbraio, al Magazzino 18, visite guidate su prenotazione, in quattro turni a partire dalle ore 10.00, per gruppi di max 25 persone a turno (durata 45 minuti), contattando “irci@iol.it” oppure telefonando allo 040.639188 (turni: 10.00 - 10.45 - 11.30 - 12.15), a cura dell’IRCI di Trieste. Venerdì 19 febbraio alle ore 12.00, nella sala del Consiglio comunale, conferimento della cittadinanza onoraria di Trieste a Simone Cristicchi. E sempre venerdì 19, alle ore 17.30 nella sede dell’Associazione delle Comunità Istriane, verrà presentata l’antologia in versi e in prosa “Gli Angeli di Vergarolla” (Ibiskos Editrice Risolo), a cura di Graziella Atzori, con poesie di Lina Galli e di vari altri autori.

Lunedì 22 febbraio alle ore 16.30, nella sala maggiore di palazzo Tonello (via Silvio Pellico 2), cerimonia di conferimento del premio “Histria Terra 2016” alla Provincia di Trieste, a cura dell’Unione degli Istriani. Martedì 23 febbraio alle ore 17.00, al Civico Museo della Civiltà Istriana Fiumana Dalmata, presentazione del libro di Silvano Manzin “Italia ingrata. Ricordi e rabbia di un profugo istriano” (edizioni Tabula Fati Chieti), a cura di Mario Andretti. L'incontro è promosso dalla Famiglia Montonese, dall’Associazione delle Comunità Istriane, dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e dal Libero Comune di Pola in esilio.

Venerdì 26 febbraio alle ore 17.00, sempre al Museo della Civiltà Istriana di via Torino, convegno di studi sul tema “L’eccidio di via Imbriani. La città di Trieste contro le mire titine”, con interventi di Paolo Sardos Albertini, Ivan Buttignon, Stefano Pilotto e Roberto Spazzali. Appuntamento a cura della Lega Nazionale e in collaborazione con l’IRCI di Trieste.

Sabato 27 febbraio alle ore 16.00, nella sede dell’Associazione delle Comunità Istriane, inaugurazione della mostra fotografica sul viaggio di istruzione per giovani in Istria, a Fiume e sulle isole di Cherso e Lussino, a cura dell’Associazione delle Comunità Istriane, mentre lunedì 29 febbraio alle ore 16.00, nella sala maggiore della Camera di Commercio di Trieste, convegno su “Il giorno del Ricordo ed il suo valore morale e politico nelle relazioni tra Italia, Slovenia e Croazia”, a cura dell’Unione degli Istriani.

Ultimo appuntamento giovedì 31 marzo alle ore 20.30, al Teatro Bobbio, con lo spettacolo “Rumoroso silenzio. La maledizione dell’uomo è che dimentica”, scritto e diretto da Luca Andreini (informazioni e prenotazioni presso la Lega Nazionale). L'evento è promosso dalla Lega Nazionale, da Trieste Pro Patria, dalla Fondazione della Comunità Bergamasca, con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e dell’IRCI di Trieste.

Leggi le Ultime Notizie >>>